Nuovo Millennium Bug per dispositivi GPS il 6 aprile

Un problema che rischia di mandare in confusione i navigatori più anziani

“GPS week number roll-over” è il nome del bug che il prossimo 6 aprile porterà i dispositivi gps più vecchi indietro di 19,7 anni.
Nuovo Millennium Bug per dispositivi GPS il 6 aprile

L’inizio del ventunesimo secolo fu scosso da quello che all’epoca era stato definito come il più grande difetto informatico della storia, il Millennium Bug. Nella notte tra il 31 dicembre 1999 e il 1 gennaio 2000 l’intero pianeta sarebbe dovuto tornare all’età della pietra. Naturalmente non fu così, le eccessive preoccupazioni avevano portato le persone a fantasticare un po’ troppo. Tuttavia, tra poco meno di un mese, un nuovo “errore” potrebbe mettere in ginocchio diversi dispositivi elettronici: i gps meno recenti.

GPS week number roll-over: il bug che colpirà i navigatori

Il bug, denominato “GPS week number roll-over” (WRNO), riguarda il numero della settimana del calendario. I sistemi gps utilizzano una codifica in base 2 su 10 bit per memorizzare questi dati e ciò permette loro di poter tenere in memoria 1024 settimane; conclusa quella che viene chiamata “epoca gps”, ovvero raggiunta l’ultima settimana, il dispositivo resetta il contatore e riparte da zero. Il primo conto alla rovescia è iniziato il 6 gennaio 1980 e si è concluso il 21 agosto 1999; la seconda epoca terminerà proprio il 6 aprile 2019. Per quel giorno è previsto che i dispositivi gps più vecchi resettino il contatore, ma questa volta torneranno indietro di 19, 7 anni.
Diversi sono i problemi che si potranno verificare: posizioni errate, file di navigazione corrotti; tutto ciò però può essere risolto a patto di installare l’aggiornamento del firmware, se disponibile.

Per chi invece possiede uno dei modelli più recenti di navigatori satellitari nessun problema, essi sfruttano una codifica su 13 bit la quale permette di memorizzare 8192 settimane. Ciò significa che il problema potrebbe presentarsi tra poco più di 157 anni; chissà che per quel giorno qualcuno non abbia trovato una soluzione.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati