Salone di Ginevra 2019

Volkswagen a Ginevra 2019: novità e interviste dal Salone [APPROFONDIMENTO VIDEO]

Intervista ad Andrea Alessi

L'inedita concept Volkswagen ID. Buggy assieme a diverse novità di gamma, tra cui un'altra concept che anticipa la grintosa versione R della T-Roc e l'aggiornata Passat, figurano tra le vetture presenti all'interno dello stand della casa di Wolfsburg
Volkswagen a Ginevra 2019: novità e interviste dal Salone [APPROFONDIMENTO VIDEO]

Si inizia dalla rinnovata Volkswagen Passat per poi proseguire tra varie vetture introdotte dalla casa tedesca, in occasione del Salone di Ginevra 2019.

L’intervista

“Passat è arrivata al traguardo di metà ciclo vita con il classico restyling, che si effettua in queste circostanze”, sottolinea subito Andrea Alessi, Brand Director di Volkswagen Italia, intervistato dal Direttore Lorenzo V. E. Bellini. “Passat è la nostra vettura tradizionalmente rivolta ai nostri grandi camminatori, che ne fanno un utilizzo da lavoro, ma anche familiare. Ed è la vettura che, storicamente per Volkswagen, ha rappresentato la nave scuola delle nuove tecnologie.”
Il dirigente mette in rilievo soprattutto “due grandi novità” inedite su questo nuovo modello: un sistema di assistenza alla guida che consente un impiego “semi-automatico”, anche con qualità “predittive”; quindi un “volante capacitivo” dotato di una “superficie esterna sensibile” che accerta la presenza vigile dell’automobilista ogni dieci secondi, secondo le normative vigenti. Dunque la nuova Passat ingloba un sistema evoluto che, grazie a questa soluzione, certifica la presenza del guidatore senza richiedere che questo effettui dei movimenti.
Un’altra delle interessanti novità è il T-Roc R, o meglio una concept che anticipa la versione più ruggente del noto crossover tedesco. “È la seconda vettura di gamma ad acquisire questa caratteristica”, come segnalato in proposito da Andrea Alessi. “Una caratteristica di vettura super-sportiva, 4MOTION quindi quattro ruote motrici, con un motore 2.000 (centimetri cubi, ndr) ad alte prestazioni. Stiamo parlando di 300 cavalli e 400 Nm di coppia. Quindi una vettura che esalta le capacità di tenuta su strada e la sportività”, arricchendo una gamma che fa registrare un notevole interesse in Italia.
Osservando in prospettiva, il visionario ID. Buggy rappresenta una delle possibili realizzazioni. Parlando di futuro, il Brand Director di Volkswagen Italia anticipa la presenza di una mobilità di tipo elettrico. Il marchio tedesco “sta investendo tantissimo per sviluppare una piattaforma, la MEB, che è destinata ad accogliere vetture a trazione interamente elettrica.” Il primo capito di questa nuova fase è costituito dalla ID., il modello di Volkswagen “che arriverà nella primavera del 2020”, rimarca il dirigente italiano, seguito da una gamma completa con due crossover, il ritorno di un mezzo iconico come il Bully, sino a una ampia berlina lunga 4,90 metri. Segmento similare a quello della citata Passat. La versatilità di questa piattaforma è confermato proprio dall’esemplare concettuale di ID. Buggy esposto nell’occasione. Un modello che rimanda alla iconica Dune Buggy, dal punto di vista strettamente concettuale. “Una vettura a trazione interamente elettrica, di dimensioni poco più compatte di una Golf e che ci fa tutti ritornare un po’ bambini”, commenta Andrea Alessi facendo riemergere sensazioni legate a una certa emotività.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati