Volvo XC40: la PROVA SU STRADA dell’auto dell’anno 2018 [FOTO e VIDEO]

Due settimane con il SUV svedese: le nostre impressioni

Abbiamo messo alla prova la nuova Volvo XC40, l'auto dell'anno 2018. Ecco come va il SUV compatto svedese, dopo averlo potuto guidare per un paio di settimane, su strada, autostrada ed anche un po' off-road.

La Volvo XC40 è stata nominata un anno fa Auto dell’Anno 2018 allo scorso Salone di Ginevra ed abbiamo avuto l’occasione di guidarla per due settimane: è stato meritato questo titolo? Ve lo diciamo subito: il SUV compatto svedese, provato nella motorizzazione d’ingresso T3 (1.5 benzina da 163 CV), ci è piaciuto ed anche parecchio. Ma questa è solo un’anticipazione, prima di entrare nel dettaglio e di parlare nello specifico dei vari aspetti di questa vettura.

Design e Interni:  ★★★★★ 

La XC40 è il primo modello del marchio svedese ad essere basato sulla nuova architettura modulare CMA, che verrà utilizzata successivamente anche per tutti i futuri modelli della Serie 40. Presenta un design caratteristico, con alcuni stilemi originali, come il taglio del finestrino posteriore che punta verso l’alto, ma anche numerosi elementi che la rendono immediatamente una Volvo, a partire dalla griglia e dai gruppi ottici.

La presenza è notevole, nonostante le dimensioni non siano esagerate (4,42 m. di lunghezza e 1,86 m. di larghezza ed un passo di 270 cm), con quel tocco di sportività dato da quello spoiler posteriore o dal doppio terminale di scarico. Un design sicuramente moderno e piacevole, anche se questo resta un punto di vista soggettivo, dipendente più dai gusti personali di ogni automobilista.

E’ molto più oggettiva la qualità degli interni, dove i tessuti ed i materiali sono premium, morbidi al tatto e molto confortevoli. A partire dai sedili dove è immediato trovare un’ottima posizione di guida, grazie alla regolazione anche del volante, oltre alla possibilità di vivere un viaggio ancora più confortevole, con il massaggio o il riscaldamento dei sedili.

La tecnologia è un punto di forza importante della Volvo XC40, con il display centrale verticale in stile tablet, come di consuetudine sui modelli più recenti del marchio svedese. Serve abituarsi un attimo all’inizio, ma diventa comodo con lo schermo touchscreen da cui si gestisce tutto: dal navigatore alla radio, passando per il climatizzatore e lo smartphone, sia tramite Bluetooth che tramite Apple CarPlay (presente anche Android Auto).

Le telefonate si sentono bene e non ci sono problemi di comunicazione, sia nella ricezione che nella parlata, così come il navigatore è intuitivo nell’inserimento degli indirizzi e preciso nelle indicazioni. Un mezzo occhio via dalla strada ovviamente c’è, anche semplicemente per toccare l’icona giusta sullo schermo, ma si può utilizzare senza particolari distrazioni.

Lo spazio è sufficiente anche per cinque passeggeri, seppur in quattro la comodità sia molto più elevata, così come il bagagliaio ha una capienza di 460 litri, ma con la possibilità di rendere la vettura più capiente, abbattendo con facilità la fila di sedili posteriori.

Comportamento su strada:  ★★★★½ 

La Volvo XC40 l’abbiamo potuta provare su vari tipi di strada, dal più classico comportamento cittadino nel tragitto casa-lavoro, passando per alcuni tratti di autostrada o altri anche su sterrato, potendo così testare il SUV in diverse condizioni. La visibilità esterna è buona, grazie ad un montante sottile, anche se nel posteriore potrebbe essere migliore.

In primo piano c’è l’agilità del SUV. Nonostante non sia una citycar e nemmeno una piccola berlina, la XC40 è una vettura estremamente maneggevole, grazie ad uno sterzo diretto e preciso, che consente di effettuare le manovre in pochissimo spazio. Il motore T3 risponde immediatamente alle nostre richieste, pur non rilasciando un ruggito da sportiva, potendo così divertirsi al volante tra le curve, passare rapidamente un incrocio o effettuare in velocità un sorpasso, anche se i rapporti sono piuttosto lunghi e, quindi, conviene scalare per avere un maggiore brio. Quando si accelera un po’ di più, si può notare del rollio in curva, ma il SUV è votato più al comfort che alla sportività e, quindi, c’era anche un po’ da aspettarselo.

Infatti, quando ci mettiamo al volante in autostrada, la Volvo XC40 si conferma un’ottima compagna di viaggio, particolarmente confortevole ed adatta anche a viaggi lunghi, risultando particolarmente silenziosa, anche alla velocità limite di 130 km/h. Il cruise control adattivo (comodo ed immediato da impostare con i pulsanti sul volante) permette di rilassarsi, gestendo in autonomia acceleratore e freno, preoccupandosi esclusivamente di sterzare o cambiare corsia all’occorrenza. Tenendo, però, sempre le mani sul volante e l’occhio sulla strada.

Chiudiamo la parte relativa alla guida, parlando dei chilometri (pochi) effettuati su un tratto sterrato e, quindi, off-road. La Volvo XC40 si è mostrata sicura, seppur un po’ più rumorosa, anche su questo tipo di terreno, come ci si può aspettare da un SUV, adatto anche a percorrere senza troppi problemi anche alcune strade prive di asfalto.

Motori e prestazioni:  ★★★★½ 

Come dicevamo, la ‘nostra’ Volvo XC40 era equipaggiata con il motore T3, cioè il tre cilindri 1.5 benzina da 163 cavalli e 265 Nm di coppia massima, cioè il modello d’ingresso della gamma, arrivato da qualche mese anche sul mercato italiano. Le prestazioni annunciate dalla casa parlano di un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 9,3 secondi, un dato piuttosto realistico pur non avendo fatto un vero e proprio test sul tema, per raggiungere una velocità di 200 km/h.

Se della brillantezza del motore abbiamo già parlato, possiamo dare un giudizio positivo anche per quanto riguarda il cambio manuale a sei rapporti con cui era equipaggiata la vettura. La risposta alle cambiate è piuttosto immediata e fluida, anche se la soluzione con cambio automatico può regalare un maggiore comfort, soprattutto per chi resta molte ore al volante.

Consumi e costi:  ★★★★☆ 

Chiudiamo il nostro test parlando un po’ di consumi. Nel complesso, la prova l’abbiamo effettuando un percorso complessivo di poco più di 500 chilometri ed il consumo medio da noi rilevato è stato di 7,5 litri ogni 100 chilometri, nel citato tragitto combinato. Numeri un po’ più alti rispetto a quelli dichiarati (6,3 l/100 km), ma comunque abbastanza buoni, considerando il tipo di mezzo che stavamo guidando.

Per quanto riguarda i costi, invece, la Volvo XC40 con motore T3 parte da un prezzo di 32.250 euro nella sua versione base, per arrivare fino a 41.250 euro per il top di gamma (R-Design con cambio automatico). Volendo restare su un prezzo medio, con un buon rapporto tra optional e la cifra spesa, la versione Business Plus (36.100 euro) può essere una scelta ideale.

Pro e Contro

Ci PiaceNon Ci Piace
Comfort, sicurezza e sterzo diretto e precisoVisibilità posteriore migliorabili, consumi un po' alti e rapporti lunghi

Volvo XC40: la Pagella di Motorionline

Motore:★★★★½ 
Ripresa:★★★★☆ 
Cambio:★★★★½ 
Frenata:★★★★½ 
Sterzo:★★★★★ 
Tenuta di Strada:★★★★★ 
Comfort:★★★★★ 
Posizione di guida:★★★★½ 
Dotazione:★★★★☆ 
Qualità/Prezzo:★★★★☆ 
Design:★★★★½ 
Consumi:★★★★☆ 

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Auto

Volvo: aggiornati i motori ibridi plug-in

Tante novità per le versioni elettrificate svedesi
L’offensiva elettrificata di Volvo prosegue. La casa svedese, infatti, ha annunciato l’aggiornamento dei propri motori ibridi plug-in T6 e T8,