WP_Post Object ( [ID] => 614256 [post_author] => 24 [post_date] => 2019-03-21 18:12:37 [post_date_gmt] => 2019-03-21 17:12:37 [post_content] => Il Gruppo Renault annuncia l'inizio delle sperimentazioni su larga scala della ricarica elettrica bidirezionale. Si tratta di una tecnologia in corrente alternata che integra nei veicoli il caricabatterie bidirezionale, richiedendo quindi solo un adattamento alle colonnine di ricarica già installate.

Test partita in Olanda e Portogallo

Sarà una flotta di 15 Renault Zoe a ricarica bidirezionale, che sarà sviluppata nel corso dell'anno in Europa, a portare avanti le sperimentazioni che sono cominciate oggi in due diversi luoghi del Vecchio Continente: a Utrecht, in Olanda, in un ecosistema sviluppato da We Drive Solar e sull'Isola di Porto Santo, arcipelago di Madera in Portogallo, con Empresa de Electricidade da Madeira, una utility energetica. Seguiranno sviluppi in Francia, Germania, Svizzera, Svezia e Danimarca. Gilles Normand, Direttore Veicoli Elettrici del Gruppo Renault, afferma: "Con questa iniziativa, il Gruppo Renault svolge pienamente il suo ruolo di leader della mobilità elettrica per tutti, nonché di protagonista della transizione energetica. La ricarica bidirezionale è una colonna portante degli ecosistemi elettrici intelligenti sviluppati dal Gruppo Renault. Abbiamo scelto una tecnologia a bordo che consente anche di ottimizzare il costo della colonnina di ricarica e, pertanto, di facilitare lo sviluppo su larga scala della mobilità elettrica".

Due obiettivi per la sperimentazione

La ricarica bidirezionale, nota anche come "Vehicle-to-grid", permette di modulare il caricamento e lo scaricamento della batteria del veicolo elettrico in funzione delle esigenze dell'utente e dell'offerta di elettricità disponibile in rete. In questo modo i veicoli riescono a fungere da unità di stoccaggio temporanee di energia, supportando l'ottimizzazione della fornitura di energia rinnovabile locale e riducendo i costi delle infrastrutture. Il Gruppo Renault testerà la ricarica bidirezionale in diversi progetti, in vari Paesi e con partner differenti. L'obiettivo di questa sperimentazione del costruttore francese, che punta a formulare un futura offerta di ricarica bidirezionale del Gruppo Renault, è duplice: valutare la fattibilità su larga scala e quantificare i potenziali guadagni. [post_title] => Renault, via ai test su larga scala della ricarica elettrica bidirezionale [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => renault-via-ai-test-su-larga-scala-della-ricarica-elettrica-bidirezionale [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-03-21 18:27:34 [post_modified_gmt] => 2019-03-21 17:27:34 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=614256 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Renault, via ai test su larga scala della ricarica elettrica bidirezionale

Prime sperimentazioni in Olanda e Portogallo

Cominciano oggi in Olanda e in Portogallo i test della ricarica elettrica bidirezionale del Gruppo Renault. La sperimentazione coinvolgerà una flotta di 15 Zoe in tutta Europa nel corso del 2019.
Renault, via ai test su larga scala della ricarica elettrica bidirezionale

Il Gruppo Renault annuncia l’inizio delle sperimentazioni su larga scala della ricarica elettrica bidirezionale. Si tratta di una tecnologia in corrente alternata che integra nei veicoli il caricabatterie bidirezionale, richiedendo quindi solo un adattamento alle colonnine di ricarica già installate.

Test partita in Olanda e Portogallo

Sarà una flotta di 15 Renault Zoe a ricarica bidirezionale, che sarà sviluppata nel corso dell’anno in Europa, a portare avanti le sperimentazioni che sono cominciate oggi in due diversi luoghi del Vecchio Continente: a Utrecht, in Olanda, in un ecosistema sviluppato da We Drive Solar e sull’Isola di Porto Santo, arcipelago di Madera in Portogallo, con Empresa de Electricidade da Madeira, una utility energetica. Seguiranno sviluppi in Francia, Germania, Svizzera, Svezia e Danimarca.

Gilles Normand, Direttore Veicoli Elettrici del Gruppo Renault, afferma: “Con questa iniziativa, il Gruppo Renault svolge pienamente il suo ruolo di leader della mobilità elettrica per tutti, nonché di protagonista della transizione energetica. La ricarica bidirezionale è una colonna portante degli ecosistemi elettrici intelligenti sviluppati dal Gruppo Renault. Abbiamo scelto una tecnologia a bordo che consente anche di ottimizzare il costo della colonnina di ricarica e, pertanto, di facilitare lo sviluppo su larga scala della mobilità elettrica”.

Due obiettivi per la sperimentazione

La ricarica bidirezionale, nota anche come “Vehicle-to-grid”, permette di modulare il caricamento e lo scaricamento della batteria del veicolo elettrico in funzione delle esigenze dell’utente e dell’offerta di elettricità disponibile in rete. In questo modo i veicoli riescono a fungere da unità di stoccaggio temporanee di energia, supportando l’ottimizzazione della fornitura di energia rinnovabile locale e riducendo i costi delle infrastrutture.

Il Gruppo Renault testerà la ricarica bidirezionale in diversi progetti, in vari Paesi e con partner differenti. L’obiettivo di questa sperimentazione del costruttore francese, che punta a formulare un futura offerta di ricarica bidirezionale del Gruppo Renault, è duplice: valutare la fattibilità su larga scala e quantificare i potenziali guadagni.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati