WP_Post Object ( [ID] => 614873 [post_author] => 40 [post_date] => 2019-03-25 17:28:14 [post_date_gmt] => 2019-03-25 16:28:14 [post_content] => Riprende vita uno degli appuntamenti più attesi dagli appassionati di auto storiche. Un evento che va al di là della dimensione di evento stesso, risultando un racconto culturale e motoristico sempre nuovo. I protagonisti della 1000 Miglia, in programma dal 15 al 18 maggio, tornano a calcare le strade italiane da Brescia verso Roma e ritorno, passando nell'occasione anche in quei territori della provincia parmense che rappresentano il fulcro della nota Food Valley italiana.

Cibo e motori

Prodotti legati alla terra e all'ingegno, suoni, panorami, insomma sono diversi gli aspetti che avvicinano il pubblico alla carovana della storica 1000 Miglia. Un'edizione programmata questo anno tra mercoledì 15 e sabato 18 maggio, composta da un gruppo nutrito di vetture. Si segnalano 430 esemplari, sempre realizzati come da tradizione tra il 1927 e il 1957. Protagoniste ed equipaggi che proprio nella giornata del 18 maggio sono attesi anche nel ricco territorio tra Langhirano, Torrechiara, Parma e Busseto. Un incontro di storie affini ma diverse in luoghi carichi di tradizione, che arricchiscono ogni volta il Paese. Ad esempio approdando a Langhirano che ha dato i natali a Renata Tebaldi, artista al livello dell'altrettanto nota Maria Callas. Questo territorio non solo è punto di origine di uno prosciutto Dop famoso nel mondo, ma anche di altri blasonati prodotti enogastronomici apprezzati a livello internazionale. Gli equipaggi della 1000 Miglia fanno tappa qui, proseguendo sui tratti collinari verso il castello di Torrechiara che figurò nella pellicola di Ladyhawke. Un maniero realizzato su volere di Pier Maria II de’ Rossi nel quale incontrava l'amata Bianca Pellegrini. Ora sede annuale di un festival in onore proprio della citata Tebaldi. A Parma, invece, è previsto già dal mattino un passaggio delle auto legate al Ferrari Tribute to 1000 Miglia e del Mercedes-Benz 1000 Miglia Challenge prima delle vetture storiche della Freccia Rossa, scorrendo nei luoghi nevralgici della vita cittadina come piazza Garibaldi, il Lungoparma, quindi parco Ducale nel quale si anticipa una degustazione di prodotti locali per i vari equipaggi protagonisti della manifestazione. Nella Bassa di Giuseppe Verdi, giungendo a Busseto, il gruppo della Freccia Rossa, sfiorando Le Roncole, è diretto i portici della città quindi nella piazza dedicata al noto compositore italiano, in una suggestiva cornice dove è prevista anche al presenza delle carrozze di Verdi dette "Ferrari" e la Bianchina di Guareschi. Motori e sapori, quindi, che costituiscono una particolare alchimia sempre ricca di spunti culturali. [post_title] => 1000 Miglia 2019: anticipata una nuova tappa tra i sapori della Food Valley italiana [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => 1000-miglia-2019-anticipata-una-nuova-tappa-tra-i-sapori-della-food-valley-italiana [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-03-25 17:28:14 [post_modified_gmt] => 2019-03-25 16:28:14 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=614873 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

1000 Miglia 2019: anticipata una nuova tappa tra i sapori della Food Valley italiana

Ritorno nel parmense

La storica Freccia Rossa ripercorre dei territori carichi di ricchezze alimentari e tradizione
1000 Miglia 2019: anticipata una nuova tappa tra i sapori della Food Valley italiana

Riprende vita uno degli appuntamenti più attesi dagli appassionati di auto storiche. Un evento che va al di là della dimensione di evento stesso, risultando un racconto culturale e motoristico sempre nuovo. I protagonisti della 1000 Miglia, in programma dal 15 al 18 maggio, tornano a calcare le strade italiane da Brescia verso Roma e ritorno, passando nell’occasione anche in quei territori della provincia parmense che rappresentano il fulcro della nota Food Valley italiana.

Cibo e motori

Prodotti legati alla terra e all’ingegno, suoni, panorami, insomma sono diversi gli aspetti che avvicinano il pubblico alla carovana della storica 1000 Miglia. Un’edizione programmata questo anno tra mercoledì 15 e sabato 18 maggio, composta da un gruppo nutrito di vetture. Si segnalano 430 esemplari, sempre realizzati come da tradizione tra il 1927 e il 1957. Protagoniste ed equipaggi che proprio nella giornata del 18 maggio sono attesi anche nel ricco territorio tra Langhirano, Torrechiara, Parma e Busseto.
Un incontro di storie affini ma diverse in luoghi carichi di tradizione, che arricchiscono ogni volta il Paese. Ad esempio approdando a Langhirano che ha dato i natali a Renata Tebaldi, artista al livello dell’altrettanto nota Maria Callas. Questo territorio non solo è punto di origine di uno prosciutto Dop famoso nel mondo, ma anche di altri blasonati prodotti enogastronomici apprezzati a livello internazionale. Gli equipaggi della 1000 Miglia fanno tappa qui, proseguendo sui tratti collinari verso il castello di Torrechiara che figurò nella pellicola di Ladyhawke. Un maniero realizzato su volere di Pier Maria II de’ Rossi nel quale incontrava l’amata Bianca Pellegrini. Ora sede annuale di un festival in onore proprio della citata Tebaldi.
A Parma, invece, è previsto già dal mattino un passaggio delle auto legate al Ferrari Tribute to 1000 Miglia e del Mercedes-Benz 1000 Miglia Challenge prima delle vetture storiche della Freccia Rossa, scorrendo nei luoghi nevralgici della vita cittadina come piazza Garibaldi, il Lungoparma, quindi parco Ducale nel quale si anticipa una degustazione di prodotti locali per i vari equipaggi protagonisti della manifestazione.
Nella Bassa di Giuseppe Verdi, giungendo a Busseto, il gruppo della Freccia Rossa, sfiorando Le Roncole, è diretto i portici della città quindi nella piazza dedicata al noto compositore italiano, in una suggestiva cornice dove è prevista anche al presenza delle carrozze di Verdi dette “Ferrari” e la Bianchina di Guareschi. Motori e sapori, quindi, che costituiscono una particolare alchimia sempre ricca di spunti culturali.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati