Adas: saranno obbligatori a partire dal 2022

Adas: saranno obbligatori a partire dal 2022

Il regolamento dovrà essere approvato dal Parlamento UE

Gli Adas sono ormai presenti su buona parte delle vetture, ma dal maggio 2022 dovranno essere obbligatoriamente disponibili di serie su tutti i veicoli. E ci saranno anche norme più severe per quanto riguarda i crash test.
Adas: saranno obbligatori a partire dal 2022

I sistemi di assistenza alla guida (Adas) dovranno essere presenti di serie sulle nuove auto vendute in Europa, a partire dal maggio 2022. La Commissione Europea, infatti, ha trovato un’intesa su un nuovo regolamento per aumentare la sicurezza sulle strade del Vecchio Continente: per farla diventare effettiva, ora dovrà essere approvata dal Parlamento entro la fine dell’anno.

Gli Adas che diventeranno obbligatori

Sono circa trenta le dotazioni previste da questo nuovo regolamento, a partire dalla frenata automatica d’emergenza, il mantenimento della corsia ed il monitoraggio del livello di attenzione del conducente. Non mancano anche altri sistemi, però, come il riconoscimento dei segnali stradali, la limitazione della velocità oppure il segnale d’arresto d’emergenza.

Tra le dotazioni previste, ci potrebbe essere anche l’introduzione di una scatola nera con dei sensori sulle vetture, grazie ai quali potranno essere memorizzate alcune informazioni, prima di un incidente stradale.

Gli Adas possono prevenire 25.000 morti

La decisione di introdurre questi sistemi di assistenza alla guida obbligatori è legata alle stime fatte dalla Commissione Europea, secondo cui gli Adas potranno prevenire circa 25.000 morti e 140.000 feriti sulle strade europee tra il 2022 ed il 2038.

I modelli nuovi, come dicevamo, dovranno soddisfare questo regolamento dal maggio 2022, ma anche i veicoli già in commercio ed omologati prima del 2022 dovranno dotarsi degli Adas obbligatori, ma avranno tempo due ulteriori anni: entro il maggio 2024.

Cambiano anche i crash test

Questa nuova regolamentazione non riguarda solamente i sistemi di assistenza alla guida, ma anche norme più severe per quanto riguarda i crash test. In particolare, i veicoli verranno sottoposti a nuove prove laterali ed anteriori, che dovranno superare per essere omologati.

Scopri le Offerte



    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati

    Auto

    Mazda CX-30: ecco gli ADAS, gli aiuti alla guida

    Mazda CX-30: ecco gli aiuti alla guida
    La nuova Mazda CX-30 rientra nell’affollata categoria dei SUV compatti, posizionandosi di diritto tra CX-3 e CX-5. Lo Sport Utility Vehicle giapponese permette di avere in