WP_Post Object ( [ID] => 616367 [post_author] => 24 [post_date] => 2019-03-28 16:42:40 [post_date_gmt] => 2019-03-28 15:42:40 [post_content] => Il Gruppo Volkswagen non ha alcun interesse verso Fiat Chyrsler Automobiles, né tanto meno nei confronti di uno o più brand premium del costruttore italo-americano. Ad affermarlo è Herbert Diess, presidente del colosso automobilistico tedesco, che in occasione di un colloquio con il Sole 24 Ore ha spiegato che al momento le priorità del Gruppo Volkswagen sono altre. Il manager tedesco ha escluso anche qualsiasi interesse per i singoli marchi di FCA come Alfa Romeo e Maserati: "Se possiamo essere interessati anche soltanto ad Alfa Romeo o alla Maserati? Avevo una Alfa GTV sei cilindri. Era bellissimo guidarla. Ma, davvero, noi i marchi del lusso li abbiamo già".

Le tante voci attorno a FCA

Le parole del numero uno di Volkswagen, che di fatto allontanano in maniera definitiva FCA da una possibile trattativa di fusione con il costruttore di Wolfsburg, arrivano in un periodo nel quale Fiat-Chrysler è finita più volte al centro di indiscrezioni e rumors con diversi soggetti dell'automotive interessati a una possibile aggregazione. Dalle voci su un possibile interesse del Gruppo PSA ai contatti con le Case coreane e cinesi, si è arrivati qualche giorno fa alle indiscrezioni sulla manifestazione d'interesse di Renault-Nissan. Ipotesi, quella di fusione con altri costruttori, che è tra le più attenzionate da parte dei vertici FCA che sono da tempi alla ricerca di partner e/o acquirenti.

Acquisizioni troppo costose e impegnative

A differenza di quanto avvenuto negli ultimi 20-25 anni, caratterizzati dall'acquisto di numerosi marchi come Seat, Skoda, Bentley, Bugatti, Lamborghini, Porsche, Ducati, Man e Scania, il Gruppo Volkswagen da qualche anno, soprattutto dopo il dieselgate che ha spinto al necessario abbattimento dei costi, ha dovuto rivedere la sua politica espansiva. Ora il colosso tedesco, come sottolinea Diess, ha priorità differenti rispetto all'acquisizione di altri brand definite "operazioni che richiedono troppe energie".

Proseguimento dell'alleanza con Ford

Il Gruppo Volkswagen, spiega il suo presidente, è per il momento concentrato sulle sue attività interne. Tuttavia questo non significa che il costruttore tedesco non sia disponibile a valutare collaborazioni con altre Case, in particolare se queste sono rivolte alla riduzione dei costi di sviluppo o alla condivisione degli investimenti in nuove tecnologie. Un partnership di questo tipo è infatti nata recentemente con Ford, azienda con la quale Volkswagen potrebbe ampliare la collaborazione, anche se Diess fissa dei paletti: "Noi proseguiamo con l'alleanza con Ford, che ha una componente soprattutto commerciale e che non evolverà sul piano dell'equity". [post_title] => Gruppo Volkswagen, Diess: "Non siamo interessati a FCA" [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => gruppo-volkswagen-diess-non-siamo-interessati-a-fca [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-03-28 16:42:40 [post_modified_gmt] => 2019-03-28 15:42:40 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=616367 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Gruppo Volkswagen, Diess: “Non siamo interessati a FCA”

Le acquisizioni non sono priorità del costruttore tedesco

Il Gruppo Volkswagen non ha alcun interesse di acquisire FCA o uno dei suoi marchi premium come Alfa Romeo e Maserati. Lo ha dichiarato al Sole 24 Ore Herber Diess, presidente del colosso automobilistico tedesco.
Gruppo Volkswagen, Diess: “Non siamo interessati a FCA”

Il Gruppo Volkswagen non ha alcun interesse verso Fiat Chyrsler Automobiles, né tanto meno nei confronti di uno o più brand premium del costruttore italo-americano.

Ad affermarlo è Herbert Diess, presidente del colosso automobilistico tedesco, che in occasione di un colloquio con il Sole 24 Ore ha spiegato che al momento le priorità del Gruppo Volkswagen sono altre.

Il manager tedesco ha escluso anche qualsiasi interesse per i singoli marchi di FCA come Alfa Romeo e Maserati: “Se possiamo essere interessati anche soltanto ad Alfa Romeo o alla Maserati? Avevo una Alfa GTV sei cilindri. Era bellissimo guidarla. Ma, davvero, noi i marchi del lusso li abbiamo già”.

Le tante voci attorno a FCA

Le parole del numero uno di Volkswagen, che di fatto allontanano in maniera definitiva FCA da una possibile trattativa di fusione con il costruttore di Wolfsburg, arrivano in un periodo nel quale Fiat-Chrysler è finita più volte al centro di indiscrezioni e rumors con diversi soggetti dell’automotive interessati a una possibile aggregazione. Dalle voci su un possibile interesse del Gruppo PSA ai contatti con le Case coreane e cinesi, si è arrivati qualche giorno fa alle indiscrezioni sulla manifestazione d’interesse di Renault-Nissan. Ipotesi, quella di fusione con altri costruttori, che è tra le più attenzionate da parte dei vertici FCA che sono da tempi alla ricerca di partner e/o acquirenti.

Acquisizioni troppo costose e impegnative

A differenza di quanto avvenuto negli ultimi 20-25 anni, caratterizzati dall’acquisto di numerosi marchi come Seat, Skoda, Bentley, Bugatti, Lamborghini, Porsche, Ducati, Man e Scania, il Gruppo Volkswagen da qualche anno, soprattutto dopo il dieselgate che ha spinto al necessario abbattimento dei costi, ha dovuto rivedere la sua politica espansiva. Ora il colosso tedesco, come sottolinea Diess, ha priorità differenti rispetto all’acquisizione di altri brand definite “operazioni che richiedono troppe energie”.

Proseguimento dell’alleanza con Ford

Il Gruppo Volkswagen, spiega il suo presidente, è per il momento concentrato sulle sue attività interne. Tuttavia questo non significa che il costruttore tedesco non sia disponibile a valutare collaborazioni con altre Case, in particolare se queste sono rivolte alla riduzione dei costi di sviluppo o alla condivisione degli investimenti in nuove tecnologie. Un partnership di questo tipo è infatti nata recentemente con Ford, azienda con la quale Volkswagen potrebbe ampliare la collaborazione, anche se Diess fissa dei paletti: “Noi proseguiamo con l’alleanza con Ford, che ha una componente soprattutto commerciale e che non evolverà sul piano dell’equity”.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati