WP_Post Object ( [ID] => 616704 [post_author] => 70 [post_date] => 2019-03-31 09:13:33 [post_date_gmt] => 2019-03-31 07:13:33 [post_content] => Abarth oggi compie 70 anni. Un compleanno importante per un marchio storico dell’auto, in particolare nel mondo del motorsport. Lo Scorpione resta, però, sempre giovane, tanto da aver realizzato lo scorso anno il record storico di vendite in Europa, con 23.500 unità immatricolate ed un aumento del 36,5% rispetto al 2017. Per celebrare il compleanno, è nata la gamma 70esimo anniversario.

Abarth, un marchio nato il 31 marzo 1949

La data di nascita dello storico marchio è il 31 marzo 1949, quando Carlo Abarth ha deciso di fondare la Abarth&C, con il pilota Guido Scagliarini. La prima vettura prodotta è stata la 204 A, modello utilizzato da Tazio Nuvolari per vincere la sua ultima gara un anno più tardi. Oltre all’attività corse, il fondatore decide di produrre le cassette di trasformazione per vetture di serie che aumentano potenza, velocità e accelerazione. I kit propongono le marmitte di scarico diventate ben presto un’icona dell’azienda, con 257.000 esemplari prodotti nel solo 1962. La fine degli anni ’50 e gli anni ’60 sono il momento di maggior successo con numerosi successi in campo sportivo, tra vittorie, primati di durata e di velocità. Come i record realizzati dalla Fiat Abarth 750 sul circuito di Monza.

1958: nasce la Fiat 500 Abarth

Uno dei modelli più famosi è la Fiat 500 Abarth, nata nel 1958, esaltando al massimo le potenzialità dell’utilitaria. Lo stesso anno diventa più stretta la collaborazione con Fiat, con un riconoscimento dei premi in denaro allo Scorpione, in base a vittorie e record. E la risposta è impressionante: 10 record del mondo, 133 record internazionali, più di 10.000 vittorie su pista. Le vetture sono numerose: dalla 850 TC alla Fiat Abarth 1000 Berlina, passando per la 2300 S, ma anche con i successi degli anni successivi con la 124 Abarth e la 131 Abarth.

Il rilancio del marchio Abarth nel 2008

Il 24 ottobre 1979 si spegne Carlo Abarth e servono un po’ di anni per il rilancio del marchio, che avviene nel 2008, con una nuova linea per gli amanti dell’automobilismo sportivo. I primi modelli prodotti sono Abarth Grande Punto e Abarth 500, per poi dare vita ad una serie di vetture negli anni a seguire. Fino ad arrivare ai giorni nostri, con la nuova gamma Abarth 595 e la gamma ‘70esimo anniversario’, declinata sui modelli 595 e 124, oltre alle nuovissime Abarth 595 esseesse e Abarth 124 Rally Tribute. [post_title] => Abarth: 70 anni di storia, tanti auguri allo Scorpione [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => abarth-70-anni-di-storia-tanti-auguri-allo-scorpione [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-03-29 16:58:35 [post_modified_gmt] => 2019-03-29 15:58:35 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=616704 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Abarth: 70 anni di storia, tanti auguri allo Scorpione

Dal 31 marzo 1949 ad oggi: tanti successi e record

Abarth festeggia oggi i suoi 70 anni di storia. Il marchio dello Scorpione vedeva la luce il 31 marzo 1949 e, da allora, si sono susseguiti trionfi e record in campo sportivo, ma anche modelli di successo stradali.
Abarth: 70 anni di storia, tanti auguri allo Scorpione

Abarth oggi compie 70 anni. Un compleanno importante per un marchio storico dell’auto, in particolare nel mondo del motorsport. Lo Scorpione resta, però, sempre giovane, tanto da aver realizzato lo scorso anno il record storico di vendite in Europa, con 23.500 unità immatricolate ed un aumento del 36,5% rispetto al 2017. Per celebrare il compleanno, è nata la gamma 70esimo anniversario.

Abarth, un marchio nato il 31 marzo 1949

La data di nascita dello storico marchio è il 31 marzo 1949, quando Carlo Abarth ha deciso di fondare la Abarth&C, con il pilota Guido Scagliarini. La prima vettura prodotta è stata la 204 A, modello utilizzato da Tazio Nuvolari per vincere la sua ultima gara un anno più tardi.

Oltre all’attività corse, il fondatore decide di produrre le cassette di trasformazione per vetture di serie che aumentano potenza, velocità e accelerazione. I kit propongono le marmitte di scarico diventate ben presto un’icona dell’azienda, con 257.000 esemplari prodotti nel solo 1962.

La fine degli anni ’50 e gli anni ’60 sono il momento di maggior successo con numerosi successi in campo sportivo, tra vittorie, primati di durata e di velocità. Come i record realizzati dalla Fiat Abarth 750 sul circuito di Monza.

1958: nasce la Fiat 500 Abarth

Uno dei modelli più famosi è la Fiat 500 Abarth, nata nel 1958, esaltando al massimo le potenzialità dell’utilitaria. Lo stesso anno diventa più stretta la collaborazione con Fiat, con un riconoscimento dei premi in denaro allo Scorpione, in base a vittorie e record. E la risposta è impressionante: 10 record del mondo, 133 record internazionali, più di 10.000 vittorie su pista.

Le vetture sono numerose: dalla 850 TC alla Fiat Abarth 1000 Berlina, passando per la 2300 S, ma anche con i successi degli anni successivi con la 124 Abarth e la 131 Abarth.

Il rilancio del marchio Abarth nel 2008

Il 24 ottobre 1979 si spegne Carlo Abarth e servono un po’ di anni per il rilancio del marchio, che avviene nel 2008, con una nuova linea per gli amanti dell’automobilismo sportivo. I primi modelli prodotti sono Abarth Grande Punto e Abarth 500, per poi dare vita ad una serie di vetture negli anni a seguire.

Fino ad arrivare ai giorni nostri, con la nuova gamma Abarth 595 e la gamma ‘70esimo anniversario’, declinata sui modelli 595 e 124, oltre alle nuovissime Abarth 595 esseesse e Abarth 124 Rally Tribute.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati