WP_Post Object ( [ID] => 618606 [post_author] => 80 [post_date] => 2019-04-07 13:36:07 [post_date_gmt] => 2019-04-07 11:36:07 [post_content] => Il bollo auto è una tassa di possesso legata al veicolo, quindi va versata sia che il mezzo venga utilizzato oppure no. La gestione è affidata all'A.C.I. e l'incasso spetta alla regione di competenza oppure viene gestito dalla agenzia delle entrate se la regione è a statuto speciale. Se per tre anni consecutivi il proprietario del veicolo non paga il bollo la legge prevede la radiazione del veicolo dai registri del P.R.A., la comunicazione alla Motorizzazione competente e il ritiro delle targhe e del libretto di circolazione da parte degli organi di polizia, rendendo di fatto il veicolo non più idoneo alla circolazione.

L'articolo 96 del Codice della Strada definisce le sanzioni

Questa procedura è specificata dettagliatamente all'articolo 96 del Codice della Strada, che dice: “ Ferme restando le procedure di recupero degli importi dovuti per le tasse automobilistiche, l’A.C.I., qualora accerti il mancato pagamento di detti tributi per almeno tre anni consecutivi, notifica al proprietario del veicolo la richiesta dei motivi dell’inadempimento e, ove non sia dimostrato l’effettuato pagamento entro trenta giorni dalla data di tale notifica, chiede la cancellazione d’ufficio del veicolo dagli archivi del P.R.A., che ne dà comunicazione al competente ufficio della Direzione generale della M.C.T.C. per il ritiro d’ufficio delle targhe e della carta di circolazione tramite gli organi di polizia, con le modalità stabilite con decreto del Ministro delle finanze, sentito il Ministro dei trasporti e della navigazione.”

Come evitare la radiazione

La radiazione può però essere evitata se il proprietario del veicolo, alla contestazione dell'atto, risponde entro 30 giorni dimostrando almeno uno di questi elementi: 1. Dando prova dei pagamenti di almeno un bollo dei tre anni precedenti 2. Che il veicolo non era più in suo possesso per il periodo in esame (vendita, furto, rottamazione) 3. Che il veicolo è esente dall'obbligo del versamento del bollo Queste sono le uniche motivazioni valide per evitare la radiazione del proprio mezzo. Quindi se per tre anni consecutivi non viene versato il bollo, vengono ignorate tutte le comunicazione relative al versamento inviate al proprietario, l'unico modo per evitare la radiazione è rispondere alla notifica con la documentazione necessaria, altrimenti l'unico scenario possibile è la radiazione del veicolo. [post_title] => Bollo non pagato: come evitare la radiazione [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => bollo-non-pagato-come-evitare-la-radiazione [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-04-07 13:36:07 [post_modified_gmt] => 2019-04-07 11:36:07 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=618606 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Bollo non pagato: come evitare la radiazione

Cosa succede quando il veicolo viene radiato d'ufficio

I bolli non pagati possono portare al fermo definitivo del proprio mezzo
Bollo non pagato: come evitare la radiazione

Il bollo auto è una tassa di possesso legata al veicolo, quindi va versata sia che il mezzo venga utilizzato oppure no. La gestione è affidata all’A.C.I. e l’incasso spetta alla regione di competenza oppure viene gestito dalla agenzia delle entrate se la regione è a statuto speciale. Se per tre anni consecutivi il proprietario del veicolo non paga il bollo la legge prevede la radiazione del veicolo dai registri del P.R.A., la comunicazione alla Motorizzazione competente e il ritiro delle targhe e del libretto di circolazione da parte degli organi di polizia, rendendo di fatto il veicolo non più idoneo alla circolazione.

L’articolo 96 del Codice della Strada definisce le sanzioni

Questa procedura è specificata dettagliatamente all’articolo 96 del Codice della Strada, che dice:

“ Ferme restando le procedure di recupero degli importi dovuti per le tasse automobilistiche, l’A.C.I., qualora accerti il mancato pagamento di detti tributi per almeno tre anni consecutivi, notifica al proprietario del veicolo la richiesta dei motivi dell’inadempimento e, ove non sia dimostrato l’effettuato pagamento entro trenta giorni dalla data di tale notifica, chiede la cancellazione d’ufficio del veicolo dagli archivi del P.R.A., che ne dà comunicazione al competente ufficio della Direzione generale della M.C.T.C. per il ritiro d’ufficio delle targhe e della carta di circolazione tramite gli organi di polizia, con le modalità stabilite con decreto del Ministro delle finanze, sentito il Ministro dei trasporti e della navigazione.”

Come evitare la radiazione

La radiazione può però essere evitata se il proprietario del veicolo, alla contestazione dell’atto, risponde entro 30 giorni dimostrando almeno uno di questi elementi:

1. Dando prova dei pagamenti di almeno un bollo dei tre anni precedenti
2. Che il veicolo non era più in suo possesso per il periodo in esame (vendita, furto, rottamazione)
3. Che il veicolo è esente dall’obbligo del versamento del bollo

Queste sono le uniche motivazioni valide per evitare la radiazione del proprio mezzo. Quindi se per tre anni consecutivi non viene versato il bollo, vengono ignorate tutte le comunicazione relative al versamento inviate al proprietario, l’unico modo per evitare la radiazione è rispondere alla notifica con la documentazione necessaria, altrimenti l’unico scenario possibile è la radiazione del veicolo.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati