Ecobonus, via libera agli incentivi per l’acquisto di ibride ed elettriche

Ecobonus, via libera agli incentivi per l’acquisto di ibride ed elettriche

Subito boom di prenotazioni sulla piattaforma web

Ecobonus, via libera agli incentivi per l’acquisto di ibride ed elettriche

La procedura di erogazione dell’Ecobonus, misura che prevede contributi per l’acquisto di veicoli a ridotte emissioni di CO2 (elettriche ed ibride), è attiva.

Questo è stato possibile grazie alla registrazione alla Corte dei Conti, con successiva pubblicazione in Gazzetta ufficiale, del decreto del Ministero dello Sviluppo Economico, adottato di concerto con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e il Ministero dell’Economia e delle Finanze, previsto nella Legge di Bilancio 2019.

20 milioni di fondi per i primi 120 giorni

Da un paio di giorni la piattaforma web dedicata (raggiungibile all’indirizzo ecobonus.mise.gov.it) consente ai concessionari di inserire l’ordine e la prenotazione dell’incentivo. Già nel giro di poche ore dall’attivazione è stato registrato un boom di prenotazioni degli incentivi all’acquisto di auto elettriche e ibride plug-in a basse emissioni. Nel primo giorno è stato infatti “bruciato” circa un quinto, pari a 4 milioni di euro, dell’importo complessivo di 20 milioni di euro (prima tranche dei 60 milioni stanziati per il 2019) previsti per i primi 120 giorni, ovvero fino al 5 agosto prossimo. Una soluzione questa che nelle intenzioni del ministro dello sviluppo economico, Luigi Di Maio, dovrebbe aiutare a distribuire l’effetto delle immatricolazioni legate agli incentivi su tutto l’anno solare.

Il peso degli ordini accumulati nel boom iniziale

Visto il ritardo dell’attivazione della piattaforma ministeriale per l’Ecobonus prevista per il primo marzo, sul boom iniziale pesa la coda di contratti che si è accumulata nelle settimane precedenti. Bisognerà dunque aspettare qualche settimana per capire se il ritmo di prenotazione degli incentivi rimarrà costante o se invece calerà. Soltanto allora si potrà capire se la prima fetta di fondi di 20 milioni di euro basterà fino ad agosto o andrà esaurita prima.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati