WP_Post Object ( [ID] => 618628 [post_author] => 84 [post_date] => 2019-04-11 22:24:24 [post_date_gmt] => 2019-04-11 20:24:24 [post_content] =>

Estetica per tutti i gusti

La Renault Scenic e la Renault Grand Scenic non hanno certo bisogno di presentazioni visto che sono presenti entrambe sulle nostre strade ormai da molti anni. Per chi fosse arrivato da Marte proprio in questo momento, invece, posso dirvi che sono dei crossover di segmento B votati alla famiglia a cinque o sette posti, dalla guida alta e con la trazione anteriore. La Renault Scenic e la sorella maggiore Grand Scenic propongono un design evoluto che strizza l’occhio alla Espace,  come si evince dal grande parabrezza curvilineo panoramico che oltre a caratterizzarne l’aspetto amplia anche la visibilità a bordo. Traggono l'attenzione dei più, i cerchi da 20 pollici di serie che, insieme al lato muscolo e al tetto curvilineo, danno alle vetture un piglio decisamente sportivo. L'anteriore presenta un muso corto e stretto, con la griglia nera caratterizzata da inserti cromati che finiscono la loro corsa nei fari Pure Vision (optional), decisamente accattivanti. Per finire il posteriore, con le grandi luci che abbracciano idealmente la coda, impreziosita dall'accenno di spoiler.

Motori con la tecnologia AD-Blue

Ora, a listino della Renault Scenic e della Renault Grand Scenic c'è un nuovo motore diesel: il 1.7 BLUE dCi che prevede l’introduzione, oltre al FAP (Filtro antiparticolato), del cosiddetto liquido Ad-Blue, una soluzione trasparente che viene iniettata nei gas di scarico dei motori diesel per ridurne le emissioni. Renault, piuttosto che intervenire sul motore 1.5 dCi e sul 1.6 dCi, ha deciso di creare un nuovo motore più pulito grazie a nuove tecnologie e all'uso del liquido Ad-Blue. Il 1.7 Blue dCi, è una diretta evoluzione del 1.6 dCi, omologato però con le severe normative Euro 6d TEMP. È abbinabile al cambio automatico a doppia frizione Renault EDC a sei rapporti oppure al cambio manuale a sei marce. Le potenze? Possiamo scegliere tra 120 CV oppure 150 CV.

La prova su strada del 1.7 Blue dCi da 120 CV

La nostra prova è iniziata con il motore 1.7 Blue dCi da 120CV, un propulsore sviluppato da Renault al 100%, abbinato al cambio manuale a sei rapporti, l'unico al momento disponibile visto che l'automatico sarà disponibile più avanti. Si tratta di un motore diesel con la coppia di 300 Nm che entra in gioco a 1.500 giri e continua a spingere fino a 3.500 giri, la sua spinta è lineare e progressiva. L'accelerazione è corposa e il range di utilizzo del motore è abbastanza ampio visto che prima di sentire la necessità di buttare dentro un'altra marcia si può spingere il motore fino a 4.000 giri. Il cambio? Ha fatto bene il suo dovere soprattutto nelle viuzze e nelle strade di Torino. Quando il traffico mi ha obbligato a giocare con il cambio e con la frizione per adeguarmi alla viabilità irregolare, la leva, dagli innesti non troppo corti, ha fatto qualche resistenza. Bene, invece, la sua posizione all'interno dell'abitacolo. Il cambio è rialzato e si trova vicino alla mia mano, a tutto vantaggio della comodità di utilizzo.

La prova su strada del 1.7 Blue dCi da 150 CV

Ho anche provato il motore 1.7 Blue dCi da 150 CV che ovviamente si è comportato in modo molto simile al 120 CV ma con potenza e coppia maggiorata. La maggior potenza e la maggior spinta messa a disposizione dalla coppia di 340 Nm, mi ha permesso di affrontare qualche sorpasso con più tranquillità e qualche ripartenza più garibaldina al semaforo.

La rumorosità

Capitolo rumorosità. Il motore 1.7 Blue dCi da 120 CV resta abbastanza silenzioso sia quando si trotta per la città sia in autostrada ma se impegniamo il motore in una forte accelerata il tipico rumore un po' metallico del diesel entrerà comunque in abitacolo. Poche le vibrazioni, presenti in misura maggiore quando si sfiora la linea rossa o si riparte un po' troppo sportivi dai semafori. Resta da segnalare un leggero fruscio aerodinamico creato dagli ampi specchietti retrovisori. Ottimo lo star&Stop, rapido nel far ripartire il motore

Per una guida tranquilla o più sportiva

Bisogna sottolineare che questi motori non sono proprio studiati per i papà o per le mamme più sportive, il loro campo da gioco preferito sono la guida tranquilla e più compassata della città. Questo però non vuol dire che i motori 1.7 Blue dCi non riescano a divertire all'occorrenza. Soprattutto considerando la generosa coppia ai bassi, si riesce ad avere qualche bella soddisfazione sulle strade più sgombre dal traffico.

Consumi

E, infine, capitolo consumi. In un percorso misto comprendente le strade urbane di Torino, quelle extraurbane e un po' di autostrada, il computer di bordo mi ha segnalato un consumo medio di 5,5-6,0 litri ogni 100 km per il motore 1.7 Blue dCi da 120 CV.

Il listino prezzi 

La Renault Scenic e la Grand Scenic con il nuovo motore Blue dCi da 1.7 litri sono già disponibili alla vendita. Il listino parte da 25.650 euro per la Scenic Sport Edition con motore Blue dCi 120 CV e da 29.500 euro per la Scenic Sport Edition con motore Blue dCi 150 CV. Le rispettive versioni della Grand Scenic costano 1.500 euro in più. [post_title] => Renault Scenic 2019 e Renault Grand Scenic 2019: alla prova il 1.7 Blue dCi [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => renault-scenic-grand-scenic-2019-1-7-blue-dci-motori-diesel-prova-opinione-consumi-recensione [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-04-11 22:24:24 [post_modified_gmt] => 2019-04-11 20:24:24 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=618628 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Renault Scenic 2019 e Renault Grand Scenic 2019: alla prova il 1.7 Blue dCi

La Renault Scenic 2019 e la Renault Grand Scenic 2019 accolgono a listino il motore 1.7 Blue dCi da 120 e 150 CV

La Renault Scenic 2019 e la Renault Grand Scenic 2019 accolgono a listino il motore 1.7 Blue dCi da 120 e 150 CV. Ecco la nostra prova su strada, le opinioni e i consumi.

Estetica per tutti i gusti

La Renault Scenic e la Renault Grand Scenic non hanno certo bisogno di presentazioni visto che sono presenti entrambe sulle nostre strade ormai da molti anni. Per chi fosse arrivato da Marte proprio in questo momento, invece, posso dirvi che sono dei crossover di segmento B votati alla famiglia a cinque o sette posti, dalla guida alta e con la trazione anteriore.

La Renault Scenic e la sorella maggiore Grand Scenic propongono un design evoluto che strizza l’occhio alla Espace,  come si evince dal grande parabrezza curvilineo panoramico che oltre a caratterizzarne l’aspetto amplia anche la visibilità a bordo. Traggono l’attenzione dei più, i cerchi da 20 pollici di serie che, insieme al lato muscolo e al tetto curvilineo, danno alle vetture un piglio decisamente sportivo. L’anteriore presenta un muso corto e stretto, con la griglia nera caratterizzata da inserti cromati che finiscono la loro corsa nei fari Pure Vision (optional), decisamente accattivanti. Per finire il posteriore, con le grandi luci che abbracciano idealmente la coda, impreziosita dall’accenno di spoiler.

Motori con la tecnologia AD-Blue

Ora, a listino della Renault Scenic e della Renault Grand Scenic c’è un nuovo motore diesel: il 1.7 BLUE dCi che prevede l’introduzione, oltre al FAP (Filtro antiparticolato), del cosiddetto liquido Ad-Blue, una soluzione trasparente che viene iniettata nei gas di scarico dei motori diesel per ridurne le emissioni. Renault, piuttosto che intervenire sul motore 1.5 dCi e sul 1.6 dCi, ha deciso di creare un nuovo motore più pulito grazie a nuove tecnologie e all’uso del liquido Ad-Blue.

Il 1.7 Blue dCi, è una diretta evoluzione del 1.6 dCi, omologato però con le severe normative Euro 6d TEMP. È abbinabile al cambio automatico a doppia frizione Renault EDC a sei rapporti oppure al cambio manuale a sei marce. Le potenze? Possiamo scegliere tra 120 CV oppure 150 CV.

La prova su strada del 1.7 Blue dCi da 120 CV

La nostra prova è iniziata con il motore 1.7 Blue dCi da 120CV, un propulsore sviluppato da Renault al 100%, abbinato al cambio manuale a sei rapporti, l’unico al momento disponibile visto che l’automatico sarà disponibile più avanti. Si tratta di un motore diesel con la coppia di 300 Nm che entra in gioco a 1.500 giri e continua a spingere fino a 3.500 giri, la sua spinta è lineare e progressiva. L’accelerazione è corposa e il range di utilizzo del motore è abbastanza ampio visto che prima di sentire la necessità di buttare dentro un’altra marcia si può spingere il motore fino a 4.000 giri. Il cambio? Ha fatto bene il suo dovere soprattutto nelle viuzze e nelle strade di Torino. Quando il traffico mi ha obbligato a giocare con il cambio e con la frizione per adeguarmi alla viabilità irregolare, la leva, dagli innesti non troppo corti, ha fatto qualche resistenza. Bene, invece, la sua posizione all’interno dell’abitacolo. Il cambio è rialzato e si trova vicino alla mia mano, a tutto vantaggio della comodità di utilizzo.

La prova su strada del 1.7 Blue dCi da 150 CV

Ho anche provato il motore 1.7 Blue dCi da 150 CV che ovviamente si è comportato in modo molto simile al 120 CV ma con potenza e coppia maggiorata. La maggior potenza e la maggior spinta messa a disposizione dalla coppia di 340 Nm, mi ha permesso di affrontare qualche sorpasso con più tranquillità e qualche ripartenza più garibaldina al semaforo.

La rumorosità

Capitolo rumorosità. Il motore 1.7 Blue dCi da 120 CV resta abbastanza silenzioso sia quando si trotta per la città sia in autostrada ma se impegniamo il motore in una forte accelerata il tipico rumore un po’ metallico del diesel entrerà comunque in abitacolo. Poche le vibrazioni, presenti in misura maggiore quando si sfiora la linea rossa o si riparte un po’ troppo sportivi dai semafori. Resta da segnalare un leggero fruscio aerodinamico creato dagli ampi specchietti retrovisori. Ottimo lo star&Stop, rapido nel far ripartire il motore

Per una guida tranquilla o più sportiva

Bisogna sottolineare che questi motori non sono proprio studiati per i papà o per le mamme più sportive, il loro campo da gioco preferito sono la guida tranquilla e più compassata della città. Questo però non vuol dire che i motori 1.7 Blue dCi non riescano a divertire all’occorrenza. Soprattutto considerando la generosa coppia ai bassi, si riesce ad avere qualche bella soddisfazione sulle strade più sgombre dal traffico.

Consumi

E, infine, capitolo consumi. In un percorso misto comprendente le strade urbane di Torino, quelle extraurbane e un po’ di autostrada, il computer di bordo mi ha segnalato un consumo medio di 5,5-6,0 litri ogni 100 km per il motore 1.7 Blue dCi da 120 CV.

Il listino prezzi 

La Renault Scenic e la Grand Scenic con il nuovo motore Blue dCi da 1.7 litri sono già disponibili alla vendita. Il listino parte da 25.650 euro per la Scenic Sport Edition con motore Blue dCi 120 CV e da 29.500 euro per la Scenic Sport Edition con motore Blue dCi 150 CV. Le rispettive versioni della Grand Scenic costano 1.500 euro in più.

Renault Scenic 2019 e Renault Grand Scenic 2019: alla prova il 1.7 Blue dCi
5 (100%) 1 vote
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati