WP_Post Object ( [ID] => 625420 [post_author] => 40 [post_date] => 2019-04-26 16:21:30 [post_date_gmt] => 2019-04-26 14:21:30 [post_content] => L'articolato disegno dei gruppi ottici non è il solo elemento interessante, osservando due nuove ipotesi di restyling dell'Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio. Nuove idee frutto della passione per questo marchio, distinguibili dal frontale e dalle dedicate propaggini che definiscono un'aerodinamica anteriore più elaborata.

Tonale resta ispirante

Dopo aver dato spazio a una precedente ipotesi dedicata alla Giulietta, nell'occasione si torna a parlare della Giulia Quadrifoglio e di un suo eventuale aggiornamento. Del resto si può supporre un debutto della versione aggiornata il prossimo anno o nel 2021, dato che l'attuale versione è stata introdotta nel 2016. Un rinnovamento di metà ciclo che confermerebbe anche quanto anticipato nel piano proposto in occasione del Capital Markets Day di giugno. La dicitura MCA affianco al nome Giulia risulta indicativa, ma altrettanto suggestivi sono gli accenni alla parte propulsiva dei prossimi modelli fatti nel corso di quell'evento. Anche in questo caso la concept car Tonale rappresenta il preludio di un nuovo capitolo evolutivo. Diventa progressivamente rilevante l'elettrificazione ed è logico supporre che anche la prossima Quadrifoglio possa essere equipaggiata con un sistema ibrido o forse è meglio pensare a un'unità mild-hybrid, con l'attuale motore V6 di 2.9 litri Bi-Turbo sostenuto da un E-Booster che ne amplifichi resa ed efficienza, ottenendo anche un proporzionale incremento di potenza. È doveroso ricordare, inoltre, che l'attuale Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio dispone già di un'elevata spinta, pari a 510 cavalli e 600 Nm di coppia massima che le consentono di superare i 300 km/h di velocità. Tornando alle ipotesi avanzate, il design dei gruppi ottici appare un chiaro riferimento al disegno connotativo della concept car Tonale, firmata dagli esperti del Centro Stile Alfa Romeo. Sebbene l'articolata trama sia composta solo da due e non tre "onde", come ad esempio quella dell'ipotizzata Giulietta (già mostrata) maggiormente legata al prototipo. Nel complesso, queste ipotesi non presentano troppe radicali differenze rispetto al modello già noto, anche perché gli immaginati affinamenti riguardano strettamente il frontale. Ma solitamente qualsiasi restyling è distinguibile per una serie di aggiornamenti localizzati nella zona anteriore e in quella posteriore. Stuzzicante l'adozione di una base frontale che ricalca quella della Ferrari 488 Pista. Un'aerodinamica elaborata e sofisticata che però potrebbe non essere compatibile con il raffinato Aero Splitter attivo che già contraddistingue la Giulia Quadrifoglio, almeno che non si ipotizzi una modifica del concetto assieme a una nuova analisi dei flussi. Un processo possibile, ma articolato. A differenza della seconda ipotesi, quasi un sottile affinamento dell'attuale design, forse leggermente più tagliente e con inediti elementi aerodinamici all'esterno. Un'idea suggestiva anche questa. Rendering: LEPORSAL, Totò Salvo Lepore [post_title] => Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio: ipotesi di restyling pensando alla concept Tonale [RENDERING] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => alfa-romeo-giulia-quadrifoglio-restyling-ipotesi-opinioni-rendering [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-04-26 16:21:30 [post_modified_gmt] => 2019-04-26 14:21:30 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=625420 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio: ipotesi di restyling pensando alla concept Tonale [RENDERING]

Un frontale più elaborato?

Come potrebbe essere la prossima Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio, se fosse aggiornata considerando gli stilemi anticipati dalla concept car introdotta a Ginevra
Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio: ipotesi di restyling pensando alla concept Tonale [RENDERING]

L’articolato disegno dei gruppi ottici non è il solo elemento interessante, osservando due nuove ipotesi di restyling dell’Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio. Nuove idee frutto della passione per questo marchio, distinguibili dal frontale e dalle dedicate propaggini che definiscono un’aerodinamica anteriore più elaborata.

Tonale resta ispirante

Dopo aver dato spazio a una precedente ipotesi dedicata alla Giulietta, nell’occasione si torna a parlare della Giulia Quadrifoglio e di un suo eventuale aggiornamento. Del resto si può supporre un debutto della versione aggiornata il prossimo anno o nel 2021, dato che l’attuale versione è stata introdotta nel 2016. Un rinnovamento di metà ciclo che confermerebbe anche quanto anticipato nel piano proposto in occasione del Capital Markets Day di giugno. La dicitura MCA affianco al nome Giulia risulta indicativa, ma altrettanto suggestivi sono gli accenni alla parte propulsiva dei prossimi modelli fatti nel corso di quell’evento. Anche in questo caso la concept car Tonale rappresenta il preludio di un nuovo capitolo evolutivo. Diventa progressivamente rilevante l’elettrificazione ed è logico supporre che anche la prossima Quadrifoglio possa essere equipaggiata con un sistema ibrido o forse è meglio pensare a un’unità mild-hybrid, con l’attuale motore V6 di 2.9 litri Bi-Turbo sostenuto da un E-Booster che ne amplifichi resa ed efficienza, ottenendo anche un proporzionale incremento di potenza. È doveroso ricordare, inoltre, che l’attuale Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio dispone già di un’elevata spinta, pari a 510 cavalli e 600 Nm di coppia massima che le consentono di superare i 300 km/h di velocità.
Tornando alle ipotesi avanzate, il design dei gruppi ottici appare un chiaro riferimento al disegno connotativo della concept car Tonale, firmata dagli esperti del Centro Stile Alfa Romeo. Sebbene l’articolata trama sia composta solo da due e non tre “onde”, come ad esempio quella dell’ipotizzata Giulietta (già mostrata) maggiormente legata al prototipo. Nel complesso, queste ipotesi non presentano troppe radicali differenze rispetto al modello già noto, anche perché gli immaginati affinamenti riguardano strettamente il frontale. Ma solitamente qualsiasi restyling è distinguibile per una serie di aggiornamenti localizzati nella zona anteriore e in quella posteriore. Stuzzicante l’adozione di una base frontale che ricalca quella della Ferrari 488 Pista. Un’aerodinamica elaborata e sofisticata che però potrebbe non essere compatibile con il raffinato Aero Splitter attivo che già contraddistingue la Giulia Quadrifoglio, almeno che non si ipotizzi una modifica del concetto assieme a una nuova analisi dei flussi. Un processo possibile, ma articolato. A differenza della seconda ipotesi, quasi un sottile affinamento dell’attuale design, forse leggermente più tagliente e con inediti elementi aerodinamici all’esterno. Un’idea suggestiva anche questa.

Rendering: LEPORSAL, Totò Salvo Lepore

Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio: ipotesi di restyling pensando alla concept Tonale [RENDERING]
5 (100%) 1 vote
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati