WP_Post Object ( [ID] => 625998 [post_author] => 24 [post_date] => 2019-04-30 18:06:45 [post_date_gmt] => 2019-04-30 16:06:45 [post_content] => Nissan avrebbe rifiutato la proposta di fusione avanzata da Renault. A riportare l'indiscrezione è il Financial Times, rilanciando alcune anticipazioni del quotidiano francese Les Echos e di quello giapponese Yomiuri Shimbun. Stando a quanto riportato dal quotidiano finanziario, la proposta fatta dalla Casa della Losanga per trasformare l'Alleanza Renault-Nissan in una fusione tra i due costruttori è stata respinta al mittente con un no netto e categorico.

Holding con quote al 50% per entrambe la proposta di Renault

Con la vicenda relativa ai guai giudiziari di Carlos Ghosn, ex presidente dell'Alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi, sullo sfondo, Renault e Nissan stanno vivendo un fase turbolenta del loro rapporto, nella quale stanno provando a ridefinire i paletti di una relazione che non è più così stabile e serena come qualche mese fa. Renault avrebbe proposto a Nissan la creazione di una nuova holding comune, con sede in un Paese terzo non europeo (si parla di Singapore), con quote divise in maniera equa al 50% tra gli azionisti delle due società e presenza nel CDA equamente suddivisa tra le due Case automobilistiche.

Ipotesi che non piace né a Nissan né al Governo giapponese

Una proposta, avanzata da Renault per cercare di porre rimedio quanto prima ai preoccupanti trend di mercato in calo di vendite e profitti di Nissan. Tuttavia, il progetto di fusione messo sul tavolo dalla Casa francese non avrebbe trovato una calda accoglienza in Giappone, anzi. Infatti sia Nissan che il governo nipponico, che detiene delle quote del costruttore, non avrebbero visto di buon occhio la proposta, con la Casa giapponese intenzionata a rifiutarla. Nissan non sarebbe interessata nemmeno a discutere di tale ipotesi di fusione tramite la creazione di una nuova holding, con la Casa nipponica che continua a ribadire che la priorità del momento è quella del rilanciare Nissan. Vedremo come si svilupperà il rapporto, che appare sempre più teso, tra le due Case automobilistiche. Renault e Nissan si sono unite in un'Alleanza nel 1999, con il costruttore francese che detiene il 43,4% delle quote Nissan, mentre i giapponesi posseggono il 15% delle quote Renault. [post_title] => Nissan rigetta la proposta di fusione fatta da Renault [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => nissan-rigetta-la-proposta-di-fusione-fatta-da-renault [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-04-30 18:07:12 [post_modified_gmt] => 2019-04-30 16:07:12 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=625998 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Nissan rigetta la proposta di fusione fatta da Renault

Secondo i media è arrivato un convinto no dalla Casa giapponese

Nissan avrebbe rifiutato la proposta di fusione avanzata da Renault, tramite la creazione di una nuova holding con quote al 50% per le due Case automobilistiche.
Nissan rigetta la proposta di fusione fatta da Renault

Nissan avrebbe rifiutato la proposta di fusione avanzata da Renault. A riportare l’indiscrezione è il Financial Times, rilanciando alcune anticipazioni del quotidiano francese Les Echos e di quello giapponese Yomiuri Shimbun.

Stando a quanto riportato dal quotidiano finanziario, la proposta fatta dalla Casa della Losanga per trasformare l’Alleanza Renault-Nissan in una fusione tra i due costruttori è stata respinta al mittente con un no netto e categorico.

Holding con quote al 50% per entrambe la proposta di Renault

Con la vicenda relativa ai guai giudiziari di Carlos Ghosn, ex presidente dell’Alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi, sullo sfondo, Renault e Nissan stanno vivendo un fase turbolenta del loro rapporto, nella quale stanno provando a ridefinire i paletti di una relazione che non è più così stabile e serena come qualche mese fa. Renault avrebbe proposto a Nissan la creazione di una nuova holding comune, con sede in un Paese terzo non europeo (si parla di Singapore), con quote divise in maniera equa al 50% tra gli azionisti delle due società e presenza nel CDA equamente suddivisa tra le due Case automobilistiche.

Ipotesi che non piace né a Nissan né al Governo giapponese

Una proposta, avanzata da Renault per cercare di porre rimedio quanto prima ai preoccupanti trend di mercato in calo di vendite e profitti di Nissan. Tuttavia, il progetto di fusione messo sul tavolo dalla Casa francese non avrebbe trovato una calda accoglienza in Giappone, anzi. Infatti sia Nissan che il governo nipponico, che detiene delle quote del costruttore, non avrebbero visto di buon occhio la proposta, con la Casa giapponese intenzionata a rifiutarla. Nissan non sarebbe interessata nemmeno a discutere di tale ipotesi di fusione tramite la creazione di una nuova holding, con la Casa nipponica che continua a ribadire che la priorità del momento è quella del rilanciare Nissan.

Vedremo come si svilupperà il rapporto, che appare sempre più teso, tra le due Case automobilistiche. Renault e Nissan si sono unite in un’Alleanza nel 1999, con il costruttore francese che detiene il 43,4% delle quote Nissan, mentre i giapponesi posseggono il 15% delle quote Renault.

Nissan rigetta la proposta di fusione fatta da Renault
5 (100%) 2 votes
Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati