WP_Post Object ( [ID] => 628012 [post_author] => 70 [post_date] => 2019-05-13 09:14:55 [post_date_gmt] => 2019-05-13 07:14:55 [post_content] => Amsterdam contro le vetture benzina e diesel. Il consiglio comunale della città olandese, infatti, ha deciso di vietare completamente la circolazione ai veicoli a motorizzazione tradizionale nel 2030, con una serie di divieti progressivi, prima di arrivare allo stop definitivo. “L’inquinamento è spesso un killer silenzioso ed è uno dei più grandi rischi per la salute ad Amsterdam”, la spiegazione.

I divieti progressivi ad Amsterdam

La lotta all’inquinamento avrà, come dicevamo, varie tappe. A partire dall’anno prossimo (2020), scatterà il blocco della circolazione dei diesel con più di 15 anni sull’anello autostradale A10, cioè la tangenziale attorno alla città olandese. Dal 2022, invece, non entreranno più nel centro città gli autobus non elettrici. Lo step precedente al blocco definitivo, arriverà nel 2025: entro quell’anno infatti, il divieto sarà esteso anche alle imbarcazioni da diporto, ciclomotori e ciclomotori leggeri. Per poi arrivare al 2030, quando non circoleranno più veicoli benzina e diesel all’interno di Amsterdam.

L’elettrico e le polemiche su questo piano

Questo è quanto scritto dal consiglio comunale, ma ci sono vari problemi per metterlo in pratica e sono subito scattate le polemiche. Sono le tempistiche ad aver fatto storcere soprattutto il naso: secondo molti, infatti, sarà quasi impossibile veder sostituito tutto il parco auto circolante in poco più di 10 anni. E, comunque, sui cittadini si abbatterebbero pesanti costi per la sostituzione di auto, moto e barche, che potrebbero essere insostenibili per numerose famiglie. L’obiettivo è quello di avere una circolazione a zero emissioni: secondo i calcoli fatti, serviranno tra 16.000 e 23.000 stazioni di ricarica per rendere fattibile un parco auto solo elettrico o ad idrogeno. Attualmente sono 3.000 quelle presenti in città. Il consiglio comunale vuole incentivare questo cambiamento, offrendo una stazione di ricarica ad ogni acquirente di questi veicoli. Photo credit: sito ufficiale Amsterdam [post_title] => Amsterdam: blocco dei veicoli benzina e diesel dal 2030 [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => amsterdam-blocco-stop-ban-benzina-diesel-2030 [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-05-13 09:14:55 [post_modified_gmt] => 2019-05-13 07:14:55 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=628012 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Amsterdam: blocco dei veicoli benzina e diesel dal 2030

I divieti progressivi inizieranno dal 2020

Il consiglio comunale di Amsterdam ha annunciato il divieto totale di circolazione di veicoli benzina e diesel a partire dal 2030. Ci saranno dei blocchi progressivi, ma sono già scoppiate le polemiche nella città olandese.
Amsterdam: blocco dei veicoli benzina e diesel dal 2030

Amsterdam contro le vetture benzina e diesel. Il consiglio comunale della città olandese, infatti, ha deciso di vietare completamente la circolazione ai veicoli a motorizzazione tradizionale nel 2030, con una serie di divieti progressivi, prima di arrivare allo stop definitivo. “L’inquinamento è spesso un killer silenzioso ed è uno dei più grandi rischi per la salute ad Amsterdam”, la spiegazione.

I divieti progressivi ad Amsterdam

La lotta all’inquinamento avrà, come dicevamo, varie tappe. A partire dall’anno prossimo (2020), scatterà il blocco della circolazione dei diesel con più di 15 anni sull’anello autostradale A10, cioè la tangenziale attorno alla città olandese. Dal 2022, invece, non entreranno più nel centro città gli autobus non elettrici.

Lo step precedente al blocco definitivo, arriverà nel 2025: entro quell’anno infatti, il divieto sarà esteso anche alle imbarcazioni da diporto, ciclomotori e ciclomotori leggeri. Per poi arrivare al 2030, quando non circoleranno più veicoli benzina e diesel all’interno di Amsterdam.

L’elettrico e le polemiche su questo piano

Questo è quanto scritto dal consiglio comunale, ma ci sono vari problemi per metterlo in pratica e sono subito scattate le polemiche. Sono le tempistiche ad aver fatto storcere soprattutto il naso: secondo molti, infatti, sarà quasi impossibile veder sostituito tutto il parco auto circolante in poco più di 10 anni. E, comunque, sui cittadini si abbatterebbero pesanti costi per la sostituzione di auto, moto e barche, che potrebbero essere insostenibili per numerose famiglie.

L’obiettivo è quello di avere una circolazione a zero emissioni: secondo i calcoli fatti, serviranno tra 16.000 e 23.000 stazioni di ricarica per rendere fattibile un parco auto solo elettrico o ad idrogeno. Attualmente sono 3.000 quelle presenti in città. Il consiglio comunale vuole incentivare questo cambiamento, offrendo una stazione di ricarica ad ogni acquirente di questi veicoli.

Photo credit: sito ufficiale Amsterdam

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati