WP_Post Object ( [ID] => 628797 [post_author] => 70 [post_date] => 2019-05-15 11:38:07 [post_date_gmt] => 2019-05-15 09:38:07 [post_content] => Matteo Salvini punta sulla detrazione dell’Iva al 100% sulle auto aziendali. Il Ministro degli interni ha aperto a questa proposta nel corso dell’Automotive Dealer Day 2019, in cui ha parlato dello stato di salute del mercato dell’auto in Italia. “Mi impegno a nome mio, della Lega e del Governo – le parole del ministro – ad operare, già dalla manovra finanziaria del prossimo autunno, per portare il settore italiano dell’auto ai livelli degli altri Paesi europei”.

Salvini, le auto aziendali ed i numeri

All’interno di questi cambiamenti, c’è appunto la detraibilità totale dell’Iva sulle auto aziendali, che attualmente è al 40%: “Solo in Italia è parziale – ha proseguito - Significherebbe cambiare il parco auto e lo Stato incasserebbe di più rispetto a oggi. La detrazione deve passare al 100%, anche se lo Stato deve fare bene i conti”. Un po’ di numeri vengono fatti da Plinio Vanini, il presidente del principale gruppo concessionario italiano, su questa ipotesi: “L’impatto della proposta è stimato da Federauto, attorno a 1,5 miliardi di euro in tre anni. Ma questa manovra fiscale sarebbe un successo per tutti, dai consumatori ai cittadini, dalla filiera allo Stato. L’aumento incrementale stimato è di 100mila vetture nuove all’anno, portando nelle casse dello Stato circa 1,8 miliardi di euro nel triennio”.

Salvini ed il mercato dell’auto in Italia

Se la proposta della detraibilità totale sulle auto aziendali è stato il tema principale, Salvini ha parlato anche dell’intero mercato italiano dell’auto. “In questa fase c’è qualche pregiudizio anti-auto, anti-diesel, anti-benzina – ha dichiarato mentre i dati scientifici dicono che gli ultimi modelli, frutto di ricerca e di evoluzioni, abbiano quantomeno gli stessi parametri inquinanti” rispetto alle altre motorizzazioni. Le idee del leader della Lega per far tornare a crescere il mercato dell’auto: “Alcune iniziative hanno rallentato lo sviluppo di questo settore mentre dobbiamo istituire un tavolo continuativo con i giusti interlocutori e le giuste competenze per ridare all'auto ed alla sua filiera le basi necessarie a poter riprendere a crescere nel rispetto dell'ambiente e dei consumatori”. Photo credit: pagina ufficiale Facebook di Matteo Salvini [post_title] => Salvini: "Detrazione Iva al 100% sulle auto aziendali" [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => salvini-detrazione-iva-al-100-sulle-auto-aziendali [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-05-15 11:38:56 [post_modified_gmt] => 2019-05-15 09:38:56 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=628797 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Salvini: “Detrazione Iva al 100% sulle auto aziendali”

Le idee del vicepremier sul mercato dell'auto in Italia

La detraibilità totale dell'Iva sulle auto aziendali è uno dei temi affrontati da Matteo Salvini all'Automotive Dealer Day 2019, in cui ha affrontato anche altri temi riguardanti il momento difficile del mercato italiano dell'auto.
Salvini: “Detrazione Iva al 100% sulle auto aziendali”

Matteo Salvini punta sulla detrazione dell’Iva al 100% sulle auto aziendali. Il Ministro degli interni ha aperto a questa proposta nel corso dell’Automotive Dealer Day 2019, in cui ha parlato dello stato di salute del mercato dell’auto in Italia. “Mi impegno a nome mio, della Lega e del Governo – le parole del ministro – ad operare, già dalla manovra finanziaria del prossimo autunno, per portare il settore italiano dell’auto ai livelli degli altri Paesi europei”.

Salvini, le auto aziendali ed i numeri

All’interno di questi cambiamenti, c’è appunto la detraibilità totale dell’Iva sulle auto aziendali, che attualmente è al 40%: “Solo in Italia è parziale – ha proseguito – Significherebbe cambiare il parco auto e lo Stato incasserebbe di più rispetto a oggi. La detrazione deve passare al 100%, anche se lo Stato deve fare bene i conti”.

Un po’ di numeri vengono fatti da Plinio Vanini, il presidente del principale gruppo concessionario italiano, su questa ipotesi: “L’impatto della proposta è stimato da Federauto, attorno a 1,5 miliardi di euro in tre anni. Ma questa manovra fiscale sarebbe un successo per tutti, dai consumatori ai cittadini, dalla filiera allo Stato. L’aumento incrementale stimato è di 100mila vetture nuove all’anno, portando nelle casse dello Stato circa 1,8 miliardi di euro nel triennio”.

Salvini ed il mercato dell’auto in Italia

Se la proposta della detraibilità totale sulle auto aziendali è stato il tema principale, Salvini ha parlato anche dell’intero mercato italiano dell’auto. “In questa fase c’è qualche pregiudizio anti-auto, anti-diesel, anti-benzina – ha dichiarato mentre i dati scientifici dicono che gli ultimi modelli, frutto di ricerca e di evoluzioni, abbiano quantomeno gli stessi parametri inquinanti” rispetto alle altre motorizzazioni.

Le idee del leader della Lega per far tornare a crescere il mercato dell’auto: “Alcune iniziative hanno rallentato lo sviluppo di questo settore mentre dobbiamo istituire un tavolo continuativo con i giusti interlocutori e le giuste competenze per ridare all’auto ed alla sua filiera le basi necessarie a poter riprendere a crescere nel rispetto dell’ambiente e dei consumatori”.

Photo credit: pagina ufficiale Facebook di Matteo Salvini

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati