WP_Post Object ( [ID] => 629871 [post_author] => 70 [post_date] => 2019-05-17 15:58:34 [post_date_gmt] => 2019-05-17 13:58:34 [post_content] => Un esemplare della Ferrari 288 GTO è stata rubato in Germania, ma è stato ritrovato poche ore dopo da parte della polizia, in una zona vicina a dove è avvenuto il furto. Questo modello del Cavallino, prodotto solamente in 272 esemplari tra il 1984 ed il 1985, è uno dei più ricercati a livello mondiale ed ha una valutazione di circa 2 milioni di euro.

Ferrari 288 GTO, il furto durante un test drive

Il furto della rossa è avvenuto in maniera un po’ particolare. Il proprietario della Ferrari ed il ladro avevano concordato un appuntamento per una prova di guida, in quanto l’uomo si era dichiarato interessato alla vettura. Tuttavia, quando il proprietario è sceso dall’auto per scambiare i posti di guida con il possibile acquirente, quest’ultimo ha accelerato immediatamente e non ha permesso al venditore di salire sulla 288 GTO, dandosi così alla fuga. Nonostante il malvivente debba essere ancora catturato, la Ferrari è stata ritrovata dalla polizia in una zona non molto distante dal luogo del furto, dove era stata nascosta in un garage.

La storia della Ferrari 288 GTO

Come dicevamo, la Ferrari 288 GTO è stata prodotta in appena 272 esemplari, a metà degli anni ’80, ma la vettura era originariamente stata studiata per competere e vincere nei rally Gruppo B, su richiesta diretta di Enzo Ferrari. Tuttavia, la categoria fu abolita e Maranello rese questa vettura di serie, con tutti gli esemplari già venduti prima dell’inizio della produzione. La vettura è spinta da un motore V8 biturbo da 2.9 litri con 400 cavalli di potenza e 496 Nm di coppia massima, abbinato al cambio manuale a cinque rapporti. Le prestazioni sono, ovviamente, di alto livello: 305 km/h di velocità massima e 12,7 secondi per coprire i 400 metri da fermo. [post_title] => Ferrari 288 GTO: rubato un esemplare in Germania durante un test [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => ferrari-288-gto-rubata-germania [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-05-17 15:58:34 [post_modified_gmt] => 2019-05-17 13:58:34 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=629871 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Ferrari 288 GTO: rubato un esemplare in Germania durante un test

La vettura di Maranello è stata ritrovata qualche ora dopo

Una Ferrari 288 GTO è stata rubata in Germania, nel corso di un test drive con un potenziale acquirente. La rossa, di cui sono stati prodotti solamente 272 esemplari, è stata ritrovata qualche ora dopo in un garage.
Ferrari 288 GTO: rubato un esemplare in Germania durante un test

Un esemplare della Ferrari 288 GTO è stata rubato in Germania, ma è stato ritrovato poche ore dopo da parte della polizia, in una zona vicina a dove è avvenuto il furto. Questo modello del Cavallino, prodotto solamente in 272 esemplari tra il 1984 ed il 1985, è uno dei più ricercati a livello mondiale ed ha una valutazione di circa 2 milioni di euro.

Ferrari 288 GTO, il furto durante un test drive

Il furto della rossa è avvenuto in maniera un po’ particolare. Il proprietario della Ferrari ed il ladro avevano concordato un appuntamento per una prova di guida, in quanto l’uomo si era dichiarato interessato alla vettura.

Tuttavia, quando il proprietario è sceso dall’auto per scambiare i posti di guida con il possibile acquirente, quest’ultimo ha accelerato immediatamente e non ha permesso al venditore di salire sulla 288 GTO, dandosi così alla fuga.

Nonostante il malvivente debba essere ancora catturato, la Ferrari è stata ritrovata dalla polizia in una zona non molto distante dal luogo del furto, dove era stata nascosta in un garage.

La storia della Ferrari 288 GTO

Come dicevamo, la Ferrari 288 GTO è stata prodotta in appena 272 esemplari, a metà degli anni ’80, ma la vettura era originariamente stata studiata per competere e vincere nei rally Gruppo B, su richiesta diretta di Enzo Ferrari. Tuttavia, la categoria fu abolita e Maranello rese questa vettura di serie, con tutti gli esemplari già venduti prima dell’inizio della produzione.

La vettura è spinta da un motore V8 biturbo da 2.9 litri con 400 cavalli di potenza e 496 Nm di coppia massima, abbinato al cambio manuale a cinque rapporti. Le prestazioni sono, ovviamente, di alto livello: 305 km/h di velocità massima e 12,7 secondi per coprire i 400 metri da fermo.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati