WP_Post Object ( [ID] => 629854 [post_author] => 40 [post_date] => 2019-05-17 17:25:46 [post_date_gmt] => 2019-05-17 15:25:46 [post_content] => Strade, vetture, passione, in sostanza la 1000 Miglia. Una festa che riprende vita ogni anno. Nell'occasione Volkswagen celebra il suo Maggiolino, considerando l'uscita dalla catena di montaggio del modello più recente. Un esemplare iconico, considerando l'importante storia produttiva della casa tedesca.

Una “Final Edition” per il Maggiolino

1951 Pretzel Beetle “Mille Miglia”: The Beetle was assembled according to the original documents for Strähle’s car and took part in the 2011 Mille Miglia for Volkswagen. La partecipazione di due esemplari a questa 1000 Miglia rappresenta un omaggio a una delle vetture più famose a livello internazionale che, in diverse serie comprendendo anche la "New Beetle", ha proposto una formula costruttiva carica di romanticismo e innovazione. Un saluto a un'icona che esce di scena, considerando quanto sottolineato dal costruttore. Un "arrivederci" in vista dell'uscita dalla catena di montaggio dell'ultimo Maggiolino, prevista per questa estate. "Dopo oltre 70 anni dall’inizio della produzione originale e 21 anni dopo il lancio del New Beetle, è l’ora dell’arrivederci" indica ancora il costruttore tedesco nella sua nota. Dopo la "Ultima Edición" del Maggiolino d'epoca è prevista una "Final Edition" per l'attuale, da quanto indicato.

Tra ricordi e festeggiamenti

Ein Volkswagen Beetle aufgenommen am 27.11.2018 im US-amerikanischen Los Angeles (USA). Die L.A. Autoshow zeigt der Öffentlichkeit die neuesten Modelle für den weltweit zweitgrößten Automarkt. Foto: Friso Gentsch/Volkswagen La suggestiva carovana della 1000 Miglia rievoca la forza agonistica e culturale di una corsa che dal 1927 al 1957, quando fu sospesa temporaneamente, offrì memorabili confronti carichi di tempra fisica e determinazione. La "corsa più bella del mondo" come fu definita, splendente nuovamente nel 1977. La presenza del Maggiolino risale agli anni '50, si trattava di modelli ad elevate prestazioni che consentirono anche di raggiungere ragguardevoli risultati. Nell'appuntamento del 2019 sono presenti due esemplari modificati per replicare due leggendarie partecipanti alla storica Freccia Rossa: un Maggiolino Pretzel del 1951 e un Maggiolino Ovali del 1956. Del resto possono prendere parte alla manifestazione solo auto che dimostrino di aver effettivamente preso parte alla 1000 Miglia tra il 1927 e il 1957, con specifiche identiche a quelle originali. Nel caso del Maggiolino Ovali si tratta di "una replica autentica", recuperando le informazioni fornite dal costruttore. Assemblata dalla Volkswagen Classic, per prendere parte alle edizioni del 2011 e 2012, presenta un'unità retrostante firmata Porsche da 75 cavalli. Sul secondo esemplare sono stati effettuati vari interventi impiegando delle parti sempre Porsche per 60 cavalli complessivi, seguendo sempre le indicazioni riportate su documentazione originale del "Dapferle" e l’iscrizione di Strähle alla 1000 Miglia del lontano 1954, da quanto segnalato. Doveroso ricordare proprio il lavoro di Paul-Ernst Strähle che raccolse tanto interesse nel 1954 con il Maggiolino soprannominato "Dapferle", dopo essere intervenuto su un modello del 1948 impiegando proprio componenti derivanti da una Porsche 356, sino a conquistare il primo posto nella classe fino a 1.300 cc e il terzo gradino nella graduatoria per vetture da 1.500 cc, come indicato. Foto: Volkswagen [post_title] => Volkswagen Maggiolino: due storici esemplari alla 1000 Miglia, prima del gran finale [FOTO] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => volkswagen-maggiolino-due-esemplari-storici-1000-miglia-2019 [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-05-17 17:36:35 [post_modified_gmt] => 2019-05-17 15:36:35 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=629854 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Volkswagen Maggiolino: due storici esemplari alla 1000 Miglia, prima del gran finale [FOTO]

Il saluto a un'icona del marchio

Due esemplari d'epoca del celebre Maggiolino Volkswagen partecipano alla 1000 Miglia 2019, rievocando altrettante storiche già presenti alla famosa Freccia Rossa
Volkswagen Maggiolino: due storici esemplari alla 1000 Miglia, prima del gran finale [FOTO]

Strade, vetture, passione, in sostanza la 1000 Miglia. Una festa che riprende vita ogni anno. Nell’occasione Volkswagen celebra il suo Maggiolino, considerando l’uscita dalla catena di montaggio del modello più recente. Un esemplare iconico, considerando l’importante storia produttiva della casa tedesca.

Una “Final Edition” per il Maggiolino

1951 Pretzel Beetle “Mille Miglia”: The Beetle was assembled according to the original documents for Strähle’s car and took part in the 2011 Mille Miglia for Volkswagen.

La partecipazione di due esemplari a questa 1000 Miglia rappresenta un omaggio a una delle vetture più famose a livello internazionale che, in diverse serie comprendendo anche la “New Beetle”, ha proposto una formula costruttiva carica di romanticismo e innovazione. Un saluto a un’icona che esce di scena, considerando quanto sottolineato dal costruttore. Un “arrivederci” in vista dell’uscita dalla catena di montaggio dell’ultimo Maggiolino, prevista per questa estate. “Dopo oltre 70 anni dall’inizio della produzione originale e 21 anni dopo il lancio del New Beetle, è l’ora dell’arrivederci” indica ancora il costruttore tedesco nella sua nota. Dopo la “Ultima Edición” del Maggiolino d’epoca è prevista una “Final Edition” per l’attuale, da quanto indicato.

Tra ricordi e festeggiamenti

Ein Volkswagen Beetle aufgenommen am 27.11.2018 im US-amerikanischen Los Angeles (USA). Die L.A. Autoshow zeigt der Öffentlichkeit die neuesten Modelle für den weltweit zweitgrößten Automarkt. Foto: Friso Gentsch/Volkswagen

La suggestiva carovana della 1000 Miglia rievoca la forza agonistica e culturale di una corsa che dal 1927 al 1957, quando fu sospesa temporaneamente, offrì memorabili confronti carichi di tempra fisica e determinazione. La “corsa più bella del mondo” come fu definita, splendente nuovamente nel 1977. La presenza del Maggiolino risale agli anni ’50, si trattava di modelli ad elevate prestazioni che consentirono anche di raggiungere ragguardevoli risultati. Nell’appuntamento del 2019 sono presenti due esemplari modificati per replicare due leggendarie partecipanti alla storica Freccia Rossa: un Maggiolino Pretzel del 1951 e un Maggiolino Ovali del 1956. Del resto possono prendere parte alla manifestazione solo auto che dimostrino di aver effettivamente preso parte alla 1000 Miglia tra il 1927 e il 1957, con specifiche identiche a quelle originali. Nel caso del Maggiolino Ovali si tratta di “una replica autentica”, recuperando le informazioni fornite dal costruttore. Assemblata dalla Volkswagen Classic, per prendere parte alle edizioni del 2011 e 2012, presenta un’unità retrostante firmata Porsche da 75 cavalli. Sul secondo esemplare sono stati effettuati vari interventi impiegando delle parti sempre Porsche per 60 cavalli complessivi, seguendo sempre le indicazioni riportate su documentazione originale del “Dapferle” e l’iscrizione di Strähle alla 1000 Miglia del lontano 1954, da quanto segnalato. Doveroso ricordare proprio il lavoro di Paul-Ernst Strähle che raccolse tanto interesse nel 1954 con il Maggiolino soprannominato “Dapferle”, dopo essere intervenuto su un modello del 1948 impiegando proprio componenti derivanti da una Porsche 356, sino a conquistare il primo posto nella classe fino a 1.300 cc e il terzo gradino nella graduatoria per vetture da 1.500 cc, come indicato.

Foto: Volkswagen

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati