WP_Post Object ( [ID] => 630008 [post_author] => 40 [post_date] => 2019-05-20 13:21:20 [post_date_gmt] => 2019-05-20 11:21:20 [post_content] => La futura Fiat Panda potrebbe o meno ereditare qualche aspetto estetico che contraddistingue la Concept Centoventi, anticipata a Ginevra. In ogni caso, è interessante notare la forza creativa dei diversi appassionati di design ed elaborazioni grafiche, che continuano a proporre possibili idee prendendo o meno ispirazione da quanto già introdotto dalle case, oppure percorrendo strade imbattute.

Seguendo la Centoventi?

La nuova Panda immaginata dall'artista LACO Design trae profondamente spunto dalla Concept Centoventi, introdotta alla kermesse svizzera, intervenendo in punti specifici della parte esterna. Modifiche mirate sui fianchi, ad esempio, che presentano porte più definite e classiche maniglie rispetto al prototipo elettrico. Pochi tocchi anche nella zona frontale, riplasmando la parte bassa del paraurti che risulta arricchito da una presa d'aria con griglia a nido d'ape, mentre più su figura un ulteriore sfogo orizzontale sotto l'ampio logo Fiat privo di cornice, aggiornato seguendo quanto fatto sulla produzione sudamericana. Nel complesso, il disegno dei gruppi ottici ricalca quanto proposto a Ginevra, così come spiccano i tratti secchi, scolpiti ma anche arrotondati della colorata concept car. Anche nella zona posteriore si nota complessivamente la profonda parentela con il prototipo elettrico, sebbene anche quest'area risulti finemente riplasmata. Discorso a parte se si pensa all'ampio pannello posteriore interattivo proposto sulla concept, un elemento futuristico al momento. Più congeniale invece la soluzione di bordo che consente di accogliere dispositivi mobili, affianco al quadro strumenti digitale. Compatibile con l'idea di praticità ed economicità dell'utilitaria torinese.

Si parla di un'unità mild hybrid

Recenti rumors, oltre ad eventuali nuovi modelli che potrebbero rafforzare la presenza del marchio su più segmenti di mercato, suggeriscono la possibile adozione di un'unità mild hybrid. Ossia un ibrido più leggero costituito da un'unità elettrica molto contenuta di supporto alla termica, legata a una batteria altrettanto piccola e quindi non così gravosa sul peso complessivo della vettura. Questa configurazione potrebbe trovare posto sull'intera proposta di Fiat, varianti di 500 e Tipo comprese, quindi sulla prossima Panda. Una soluzione forse abbinata al motore 900 TwinAir , sebbene non si possa escludere un abbinamento anche al 1.0 Firefly da 120 CV. Riprendendo alcune indiscrezioni su questa architettura propulsiva mHEV, il moto-generatore sarebbe legato a una rete elettrica di supporto che, a sua volta, affiancherebbe quella dedicata alle necessità interne da 12 volt. Il propulsore elettrico e quello termico risulterebbero collegati tramite una cinghia che, rispetto a un alternatore, fungerebbe da supporto in partenza e starter. Funzionale anche il sostegno stesso in accelerazione e in fase di decelerazione, stimando un possibile recupero del 40% d'energia in frenata, indirizzata verso la batteria. L'azione tipica di un generatore. Per il momento non affiorano indicazioni specifiche in merito, doveroso dunque il condizionale. Rendering: LACO Design [post_title] => Fiat Panda: un'immaginata nuova generazione ispirata alla Concept Centoventi [RENDERING] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => fiat-panda-nuova-generazione-ipotesi-rumors-anticipazioni [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-05-20 13:21:20 [post_modified_gmt] => 2019-05-20 11:21:20 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=630008 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Fiat Panda: un’immaginata nuova generazione ispirata alla Concept Centoventi [RENDERING]

Potrebbe ricevere una o più unità mild hybrid?

Una nuova ipotesi dedicata alla Fiat Panda riporta in primo piano la compatta torinese. Si prende spunto dalla concept car introdotta alla scorsa edizione del Salone di Ginevra. Tra le indiscrezioni anche possibili novità sotto il cofano
Fiat Panda: un’immaginata nuova generazione ispirata alla Concept Centoventi [RENDERING]

La futura Fiat Panda potrebbe o meno ereditare qualche aspetto estetico che contraddistingue la Concept Centoventi, anticipata a Ginevra. In ogni caso, è interessante notare la forza creativa dei diversi appassionati di design ed elaborazioni grafiche, che continuano a proporre possibili idee prendendo o meno ispirazione da quanto già introdotto dalle case, oppure percorrendo strade imbattute.

Seguendo la Centoventi?

La nuova Panda immaginata dall’artista LACO Design trae profondamente spunto dalla Concept Centoventi, introdotta alla kermesse svizzera, intervenendo in punti specifici della parte esterna. Modifiche mirate sui fianchi, ad esempio, che presentano porte più definite e classiche maniglie rispetto al prototipo elettrico. Pochi tocchi anche nella zona frontale, riplasmando la parte bassa del paraurti che risulta arricchito da una presa d’aria con griglia a nido d’ape, mentre più su figura un ulteriore sfogo orizzontale sotto l’ampio logo Fiat privo di cornice, aggiornato seguendo quanto fatto sulla produzione sudamericana. Nel complesso, il disegno dei gruppi ottici ricalca quanto proposto a Ginevra, così come spiccano i tratti secchi, scolpiti ma anche arrotondati della colorata concept car. Anche nella zona posteriore si nota complessivamente la profonda parentela con il prototipo elettrico, sebbene anche quest’area risulti finemente riplasmata. Discorso a parte se si pensa all’ampio pannello posteriore interattivo proposto sulla concept, un elemento futuristico al momento. Più congeniale invece la soluzione di bordo che consente di accogliere dispositivi mobili, affianco al quadro strumenti digitale. Compatibile con l’idea di praticità ed economicità dell’utilitaria torinese.

Si parla di un’unità mild hybrid

Recenti rumors, oltre ad eventuali nuovi modelli che potrebbero rafforzare la presenza del marchio su più segmenti di mercato, suggeriscono la possibile adozione di un’unità mild hybrid. Ossia un ibrido più leggero costituito da un’unità elettrica molto contenuta di supporto alla termica, legata a una batteria altrettanto piccola e quindi non così gravosa sul peso complessivo della vettura. Questa configurazione potrebbe trovare posto sull’intera proposta di Fiat, varianti di 500 e Tipo comprese, quindi sulla prossima Panda. Una soluzione forse abbinata al motore 900 TwinAir , sebbene non si possa escludere un abbinamento anche al 1.0 Firefly da 120 CV.
Riprendendo alcune indiscrezioni su questa architettura propulsiva mHEV, il moto-generatore sarebbe legato a una rete elettrica di supporto che, a sua volta, affiancherebbe quella dedicata alle necessità interne da 12 volt. Il propulsore elettrico e quello termico risulterebbero collegati tramite una cinghia che, rispetto a un alternatore, fungerebbe da supporto in partenza e starter. Funzionale anche il sostegno stesso in accelerazione e in fase di decelerazione, stimando un possibile recupero del 40% d’energia in frenata, indirizzata verso la batteria. L’azione tipica di un generatore. Per il momento non affiorano indicazioni specifiche in merito, doveroso dunque il condizionale.

Rendering: LACO Design

Fiat Panda: un’immaginata nuova generazione ispirata alla Concept Centoventi [RENDERING]
4.3 (86.67%) 3 votes
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati