WP_Post Object ( [ID] => 630901 [post_author] => 37 [post_date] => 2019-05-22 14:50:00 [post_date_gmt] => 2019-05-22 12:50:00 [post_content] => Un’occasione per testare le ultime novità, ma anche per scoprire le strategie e gli obiettivi intrapresi dalle Case. Presso il Monza Eni Circuit Mercedes-Benz ha svelato all’evento Company Car Drive (22-23 Maggio) la propria visione sino al 2039. Che coinvolge elettrificazione, connettività e sicurezza sia sul piano delle vetture sia per quanto concerne i van, passando per i cosiddetti “mobility talks”, incentrati sull’approfondimento di quattro tematiche critiche.

Ambition2039 e CO2 Neutral

A prendere subito la parola è stato Eugenio Blasetti (Direttore Comunicazione Mercedes-Benz Italia): «Il concetto Ambition2039 è stato presentato ufficialmente pochi giorni fa dal nuovo CEO del gruppo, Ola Kaellenius. Questo significa che l’intera gamma dovrà essere ‘CO2 Neutral’ entro il 2039, quindi in meno di 3 cicli di vita per un'automobile. Vogliamo offrire ai nostri clienti un’esperienza di guida passando per diversi step come la produzione al 50% di Mercedes elettriche o plug-in. ‘CO2 Neutral’ non vuole inoltre dire solo benzina o diesel, ma anche altre energie. È il caso degli e-fuel, ossia carburanti sintetici che non espellano anidride carbonica e che vengano prodotti da energie rinnovabili. Il motore endotermico non va pertanto dato come già morto. Dal 2022 inoltre anche le fabbriche saranno ‘CO2 Neutral’, ovvero non produrranno anidride oltre il necessario. Infine Mercedes-Benz si impegna con quest'ultima strategia anche nei confronti dei suoi fornitori». Dalla smart EQ fortwo e forfour all’eVito, fino alla nuova EQC (qui la nostra prova): la strategia di elettrificazione della Stella passa oggi anche per le motorizzazioni ibride EQ Boost ed ibride plug-in EQ Power, con cui Mercedes-Benz combina il meglio dei due mondi. Di cui si fa oggi ideale ambasciatrice la Classe E 300 de EQ Power, prima berlina di segmento premium della Casa che può vantare l’unione di un motore diesel e di uno elettrico.

Anche smart per le flotte business

«In un futuro a misura di smart city, smart sarà sempre più un elemento strategico nell’ecosistema della mobilità aziendale» - ha dichiarato Maurizio Zaccaria (smart & innovative sales Senior Manager Italia e responsabile fleet per il marchio smart) - «Le sue caratteristiche uniche, la rendono il mezzo ideale per gli spostamenti urbani a zero emissioni e per questo già oggi offriamo alle aziende soluzioni personalizzate che partono dall’esperienza acquisita sui clienti privati con un business model che si adatta alle singole esigenze aziendali». Smart si conferma pertanto un pilastro fondamentale per il concetto Ambition2039. Il brand del gruppo Mercedes-Benz si è attivato per determinare quei parametri che sono in comune tra l’uso privato e quello business, tra cui il momento della ricarica per l’auto elettrica. Ciò è servito a fornire varie opzioni sia in luoghi pubblici sia privati, come i garage. Inoltre si sono rilevati vantaggi anche per quanto concerne gli spostamenti urbani, con la possibilità di accedere alle aree limitate garantendo un basso impatto ambientale.

Le flotte Mercedes-Benz piacciono ai clienti Business

Christian Catini (Responsabile flotte Mercedes-Benz Italia) ha infine esposto il quadro italiano per quanto concerne il mercato del B2B: «Il nostro gruppo da inizio 2019 ha immatricolato 8500 vetture nel mondo business in Italia, di cui oltre 3000 per le PMI, il 14% del totale. La Classe A è la più richiesta, confermandosi come la nostra “piccola ammiraglia” e rappresentando il 47% delle vendite per le flotte. Infine il 34% fa parte del canale business extra, ossia veicoli con contratti a lungo termine che garantiscono un ampio numero di optional nel pacchetto». Ad oggi l’offerta di Mercedes-Benz coinvolge tutte le tipologie di Classe A, la new-entry CLA, di cui a breve arriverà anche la Shooting Brake, e la GLA. Inoltre la sport-tourer Classe B si presta anch’essa al debutto. Crescendo di categoria ci sono la Classe C e la Classe E, sia berlina che station wagon. Completano poi i SUV con la rinnovata GLC, la GLE ed entro la fine dell’anno la GLB. Parlando di van elettrici ecco l’eVito: offre un’autonomia di 150 km ed è pensato per l’uso cittadino quando il traffico è basso, ad esempio di notte. «Elettrificazione, connettività e dispositivi di sicurezza sempre più evoluti rappresentano elementi di crescente interesse per i fleet manager» - ha concluso Catini - «Ed è per questo che abbiamo deciso di realizzare all’interno di Company Car Drive i ‘Mobility Talks’, un nuovo format per approfondire i megatrend nel mondo delle company car ed offrire ai fleet manager un’importante occasione di confronto. Tra questi “I vantaggi dell’elettrificazione”, “Connettività by Mercedes-Benz”, “Infrastrutture di Ricarica” ed “ADAS”». [post_title] => Mercedes-Benz, ecco come sarà il futuro delle flotte business [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => mercedes-benz-ecco-come-sara-il-futuro-delle-flotte-business [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-05-22 14:50:00 [post_modified_gmt] => 2019-05-22 12:50:00 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=630901 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Mercedes-Benz, ecco come sarà il futuro delle flotte business

Svelate le carte al Company Car Drive 2019

Ambition2039 e ‘CO2 Neutral’ tra le strategie di punta, ma anche molto altro per il fleet B2B di Mercedes-Benz.
Mercedes-Benz, ecco come sarà il futuro delle flotte business

Un’occasione per testare le ultime novità, ma anche per scoprire le strategie e gli obiettivi intrapresi dalle Case. Presso il Monza Eni Circuit Mercedes-Benz ha svelato all’evento Company Car Drive (22-23 Maggio) la propria visione sino al 2039. Che coinvolge elettrificazione, connettività e sicurezza sia sul piano delle vetture sia per quanto concerne i van, passando per i cosiddetti “mobility talks”, incentrati sull’approfondimento di quattro tematiche critiche.

Ambition2039 e CO2 Neutral

A prendere subito la parola è stato Eugenio Blasetti (Direttore Comunicazione Mercedes-Benz Italia): «Il concetto Ambition2039 è stato presentato ufficialmente pochi giorni fa dal nuovo CEO del gruppo, Ola Kaellenius. Questo significa che l’intera gamma dovrà essere ‘CO2 Neutral’ entro il 2039, quindi in meno di 3 cicli di vita per un’automobile. Vogliamo offrire ai nostri clienti un’esperienza di guida passando per diversi step come la produzione al 50% di Mercedes elettriche o plug-in. ‘CO2 Neutral’ non vuole inoltre dire solo benzina o diesel, ma anche altre energie. È il caso degli e-fuel, ossia carburanti sintetici che non espellano anidride carbonica e che vengano prodotti da energie rinnovabili. Il motore endotermico non va pertanto dato come già morto. Dal 2022 inoltre anche le fabbriche saranno ‘CO2 Neutral’, ovvero non produrranno anidride oltre il necessario. Infine Mercedes-Benz si impegna con quest’ultima strategia anche nei confronti dei suoi fornitori».

Dalla smart EQ fortwo e forfour all’eVito, fino alla nuova EQC (qui la nostra prova): la strategia di elettrificazione della Stella passa oggi anche per le motorizzazioni ibride EQ Boost ed ibride plug-in EQ Power, con cui Mercedes-Benz combina il meglio dei due mondi. Di cui si fa oggi ideale ambasciatrice la Classe E 300 de EQ Power, prima berlina di segmento premium della Casa che può vantare l’unione di un motore diesel e di uno elettrico.

Anche smart per le flotte business

«In un futuro a misura di smart city, smart sarà sempre più un elemento strategico nell’ecosistema della mobilità aziendale» – ha dichiarato Maurizio Zaccaria (smart & innovative sales Senior Manager Italia e responsabile fleet per il marchio smart) – «Le sue caratteristiche uniche, la rendono il mezzo ideale per gli spostamenti urbani a zero emissioni e per questo già oggi offriamo alle aziende soluzioni personalizzate che partono dall’esperienza acquisita sui clienti privati con un business model che si adatta alle singole esigenze aziendali».

Smart si conferma pertanto un pilastro fondamentale per il concetto Ambition2039. Il brand del gruppo Mercedes-Benz si è attivato per determinare quei parametri che sono in comune tra l’uso privato e quello business, tra cui il momento della ricarica per l’auto elettrica. Ciò è servito a fornire varie opzioni sia in luoghi pubblici sia privati, come i garage. Inoltre si sono rilevati vantaggi anche per quanto concerne gli spostamenti urbani, con la possibilità di accedere alle aree limitate garantendo un basso impatto ambientale.

Le flotte Mercedes-Benz piacciono ai clienti Business

Christian Catini (Responsabile flotte Mercedes-Benz Italia) ha infine esposto il quadro italiano per quanto concerne il mercato del B2B: «Il nostro gruppo da inizio 2019 ha immatricolato 8500 vetture nel mondo business in Italia, di cui oltre 3000 per le PMI, il 14% del totale. La Classe A è la più richiesta, confermandosi come la nostra “piccola ammiraglia” e rappresentando il 47% delle vendite per le flotte. Infine il 34% fa parte del canale business extra, ossia veicoli con contratti a lungo termine che garantiscono un ampio numero di optional nel pacchetto».

Ad oggi l’offerta di Mercedes-Benz coinvolge tutte le tipologie di Classe A, la new-entry CLA, di cui a breve arriverà anche la Shooting Brake, e la GLA. Inoltre la sport-tourer Classe B si presta anch’essa al debutto. Crescendo di categoria ci sono la Classe C e la Classe E, sia berlina che station wagon. Completano poi i SUV con la rinnovata GLC, la GLE ed entro la fine dell’anno la GLB. Parlando di van elettrici ecco l’eVito: offre un’autonomia di 150 km ed è pensato per l’uso cittadino quando il traffico è basso, ad esempio di notte.

«Elettrificazione, connettività e dispositivi di sicurezza sempre più evoluti rappresentano elementi di crescente interesse per i fleet manager» – ha concluso Catini – «Ed è per questo che abbiamo deciso di realizzare all’interno di Company Car Drive i ‘Mobility Talks’, un nuovo format per approfondire i megatrend nel mondo delle company car ed offrire ai fleet manager un’importante occasione di confronto. Tra questi “I vantaggi dell’elettrificazione”, “Connettività by Mercedes-Benz”, “Infrastrutture di Ricarica” ed “ADAS”».

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati