WP_Post Object ( [ID] => 633178 [post_author] => 86 [post_date] => 2019-05-31 11:31:13 [post_date_gmt] => 2019-05-31 09:31:13 [post_content] =>

Prima di sporcarci di fango, parliamo del “Falco da Pista” di casa Jeep. Abbiamo messo le mani sul nuovo Grand Cherokee Supercharged Trackhawk nella sua versione 2019: partendo dal nome fino ad arrivare all’immenso V8 da 6,2 litri sovralimentato, ricorda a tutte le sue sorelline più piccole chi è il capobranco. Grosso. Potente. Eccessivo. Una vettura robusta, capace allo stesso tempo di una leggerezza disarmante sullo 0-100 (3.7 secondi dichiarati), che nonostante la sua coppia di 868 Nm (4800 giri/min) e i suoi 710 CV, rimane confortevole e maneggevole sulle strade cittadine. Non c’è molto da dire sul suo feroce look esterno “all black”, così come per quello interno con sedili avvolgenti che non si fanno mancare anche delle porte HDMI integrate, se per caso vi venisse voglia di godervi un film durante il viaggio.

Nuova Jeep Cherokee Trailhawk 2019: una vettura moderna che decide di sporcarsi le mani

È arrivato il momento di indossare giacca, cravatta e… stivali! Sì, perché la nuova Cherokee Trailhawk accentua ancora di più la duplice natura del mid-size SUV di casa Jeep. Infatti si conferma una vettura studiata per sporcarsi le mani nei percorsi più fangosi, ma che racchiude in sé un ambiente pieno di comfort, connettività e sicurezza. Questa versione Trailhawk, a prima vista, potrebbe confondersi con una normale Cherokee, dalla quale si differenzia solo in altezza con 2 cm in più, ma nel selettore di guida centrale troviamo alcuni comandi in più essenziali per affrontare salite e discese su fondi pesantemente disconnessi. Questo mix risulta ottimale per un pubblico che vuole viaggiare confortevole nelle strade cittadine e extra urbane e che al tempo stesso non vuole farsi cogliere impreparato da nevicate o acquazzoni improvvisi.

 

Jeep Cherokee Trailhawk mostra un restyling esterno che si aggiorna, ma non troppo

I designer di casa Jeep hanno mantenuto il lavoro di restyling fatto sulla versione normale della Cherokee 2019. Rimangono quindi l’iconica griglia frontale a sette feritoie e i fari Full LED completi di luci diurne con una forma allungata. Rimane ben visibile anche il radar posto nella parte frontale inferiore. Per completare lo spirito wild di questa Jeep Cherokee Trailhawk, viene integrato il tetto panoramico con apertura elettrica. Sul posteriore notiamo i gruppi ottici a LED, il gancio da traino sporgente e i due tubi di scarico. Il bagagliaio, anche lui con apertura elettrica, ospita inoltre l’inconfondibile marchio Trailhawk. I cerchi in lega da 17’’ marchiati Jeep, completano il look esterno praticamente uguale alla nuova Cherokee 2019 nella sua versione normale.

 

Internamente alla Jeep Cherokee Trailhawk ci si sente comodi

Nell’abitacolo vengono confermati gli studi e l’applicazione dei designer di Jeep per rendere questa Cherokee Trailhawk adatta ad ogni esigenza. Anche qui rimane invariata la maggior parte degli aspetti interni rispetto alla versione 2019 della Cherokee. Il volante ha la classica impostazione della nuova gamma Jeep, con comandi al volante e comodi pulsanti per navigazione e volume nella zona posteriore, vicino ai paddle per il comando manuale del cambio a 9 rapporti. Sul quadro davanti al guidatore vengono mostrate una vasta gamma di informazioni utili per la guida, come il navigatore, la pressione delle gomme, velocità elettronica e così via. A sinistra del volante troviamo dei pratici tasti fisici per controllare i gruppi ottici e l’apertura elettronica del bagagliaio. Passando al centro, troviamo il grosso schermo da 8,4’’ che controlla la parte elettronica della Cherokee Trailhawk: è supportato anche il sistema Apple CarPlay e Android Auto, che risultano quasi superflui considerato l’ottimo funzionamento del sistema integrato per la navigazione e la riproduzione dei media via bluetooth. Arrivando alle novità di questo interno, troviamo il selettore di guida posizionato vicino alla leva del cambio: è qui che accade la trasformazione della Cherokee Trailhawk, soprattutto nei tratti sterrati. In serie, troviamo il comando per il blocco del differenziale posteriore, quello per il 4WD Low (modalità espressamente progettata per l'uso temporaneo in condizioni che richiedono una trazione supplementare o si desidera la massima potenza di traino), e quelli per la marcia in discese ripide e su fondi disconnessi. Inoltre, girando la manopola, possiamo selezionare le modalità Auto, Snow, Sport, Sand/Mud e l’esclusiva modalità Rock per un’aderenza estrema. Ma anche sui fondi più disconnessi, si può stare comodi sui sedili in pelle anche per i passeggeri posteriori, in un abitacolo spazioso e confortevole. Inoltre, non ci sarà nessun problema di spazio per i lunghi viaggi grazie ai 570 litri di capienza del bagagliaio che diventano 1.555 con i sedili abbattuti.

 

Jeep Cherokee Trailhawk ha un motore che sa quando dare il meglio

L’indomita versione Cherokee Trailhawk sarà disponibile esclusivamente con il nuovo motore turbo benzina a iniezione diretta da 2,0 litri che con 400 Nm di coppia e una potenza di 272 CV, arriverà nei prossimi mesi nelle concessionarie. Secondo I dati ufficiali della casa, questa meccanica in combinazione con il cambio automatico a 9 rapporti, può raggiungere la velocità massima di 206 km/h a fronte di un’accelerazione da 0 a 100 in 7,2 secondi. I consumi e le emissioni, conformi allo standard Euro 6d-temp, si assestano sui 9 litri ogni 100 km nel ciclo combinato europeo (12 litri invece nel ciclo urbano) con emissioni di 207 grammi di CO2 al chilometro. Purtroppo per gli amanti di Jeep Cherokee, con questa versione bisognerà pagare l’ecotassa.

 

Jeep Cherokee Trailhawk in sintesi: su strada va bene e in off road va meglio

Potente, robusta, comoda. Ecco come abbiamo trovato questa nuova Jeep Cherokee Trailhawk su vari tipi di tracciati. Nel complesso si tratta di un SUV con delle doti da fuoristrada, ma che risulta comodo e piacevole nella guida cittadina. Il volante è preciso e trasmette una sensazione di leggerezza non indifferente tra una rotonda e l’altra. Gli svariati sistemi di sicurezza, uniti ai sensori attivi durante le manovre, aiutano a districarsi nelle zone urbane senza grossi problemi. Per testare la vera natura di questo SUV è però doveroso immergersi nel fango, come abbiamo fatto noi tra le cave di marmo del lago di Garda. Posizionando il selettore di guida sulla modalità 4WD Low in combinazione con Mud o Rock, nemmeno le salite fangose più impervie hanno impensierito la Cherokee Trailhawk. Sotto la pioggia e immersi nel fango, questo SUV riesce a far divertire qualunque guidatore, anche i meno esperti di off road. Nella nostra prova sul tracciato fangoso (sotto la pioggia) abbiamo anche provato il nuovo Wrangler Rubicon. Anche paragonato con il 4x4 più robusto di Jeep, la nuova Cherokee Trailhawk ha tenuto testa con un percorso leggermente meno difficile rispetto a quello studiato per il Rubicon (con pendenze vertiginose e buche profonde quasi un metro). In poche parole, che vi piaccia viaggiare comodi su strada o che vogliate affrontare sterrati medio-difficili senza grossi timori, questa nuova Cherokee Trailhawk fa al caso vostro.

Sicuramente Jeep ha puntato molto sul dualismo in questo mid-size SUV per solleticare le fantasie di divertimento “dirt” dei clienti vecchi e nuovi, strizzando l’occhio ad un pubblico giovane senza però disprezzare quello maturo e più esigente. Purtroppo non è stato ancora rilasciato il prezzo ufficiale per questa nuova Jeep Cherokee Trailhawk 2019.

[post_title] => Nuova gamma Jeep Trailhawk 2019: i falchi degli sterrati si aggiornano [VIDEO TEST DRIVE] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => nuova-gamma-jeep-trailhawk-2019-i-falchi-degli-sterrati-si-aggiornano-video-test-drive [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-06-06 14:49:03 [post_modified_gmt] => 2019-06-06 12:49:03 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=633178 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Nuova gamma Jeep Trailhawk 2019: i falchi degli sterrati si aggiornano [VIDEO TEST DRIVE]

Una potenza domata sulle strade cittadine che si scatena senza riserve nei tragitti più selvaggi

La famiglia dei rapaci della strada (e degli off-road) accoglie due nuovi falchi per un 2019 che si è fatto davvero scoppiettante per il gruppo FCA: la Jeep Compass Trailhawk e la Jeep Cherokee Trailhawk. Due auto che in città sanno essere mansuete, ma nelle situazioni estreme fanno subito capire per cosa sono state progettate: fango e divertimento.

Prima di sporcarci di fango, parliamo del “Falco da Pista” di casa Jeep. Abbiamo messo le mani sul nuovo Grand Cherokee Supercharged Trackhawk nella sua versione 2019: partendo dal nome fino ad arrivare all’immenso V8 da 6,2 litri sovralimentato, ricorda a tutte le sue sorelline più piccole chi è il capobranco. Grosso. Potente. Eccessivo. Una vettura robusta, capace allo stesso tempo di una leggerezza disarmante sullo 0-100 (3.7 secondi dichiarati), che nonostante la sua coppia di 868 Nm (4800 giri/min) e i suoi 710 CV, rimane confortevole e maneggevole sulle strade cittadine. Non c’è molto da dire sul suo feroce look esterno “all black”, così come per quello interno con sedili avvolgenti che non si fanno mancare anche delle porte HDMI integrate, se per caso vi venisse voglia di godervi un film durante il viaggio.

Nuova Jeep Cherokee Trailhawk 2019: una vettura moderna che decide di sporcarsi le mani

È arrivato il momento di indossare giacca, cravatta e… stivali! Sì, perché la nuova Cherokee Trailhawk accentua ancora di più la duplice natura del mid-size SUV di casa Jeep. Infatti si conferma una vettura studiata per sporcarsi le mani nei percorsi più fangosi, ma che racchiude in sé un ambiente pieno di comfort, connettività e sicurezza. Questa versione Trailhawk, a prima vista, potrebbe confondersi con una normale Cherokee, dalla quale si differenzia solo in altezza con 2 cm in più, ma nel selettore di guida centrale troviamo alcuni comandi in più essenziali per affrontare salite e discese su fondi pesantemente disconnessi. Questo mix risulta ottimale per un pubblico che vuole viaggiare confortevole nelle strade cittadine e extra urbane e che al tempo stesso non vuole farsi cogliere impreparato da nevicate o acquazzoni improvvisi.

 

Jeep Cherokee Trailhawk mostra un restyling esterno che si aggiorna, ma non troppo

I designer di casa Jeep hanno mantenuto il lavoro di restyling fatto sulla versione normale della Cherokee 2019. Rimangono quindi l’iconica griglia frontale a sette feritoie e i fari Full LED completi di luci diurne con una forma allungata. Rimane ben visibile anche il radar posto nella parte frontale inferiore. Per completare lo spirito wild di questa Jeep Cherokee Trailhawk, viene integrato il tetto panoramico con apertura elettrica. Sul posteriore notiamo i gruppi ottici a LED, il gancio da traino sporgente e i due tubi di scarico. Il bagagliaio, anche lui con apertura elettrica, ospita inoltre l’inconfondibile marchio Trailhawk. I cerchi in lega da 17’’ marchiati Jeep, completano il look esterno praticamente uguale alla nuova Cherokee 2019 nella sua versione normale.

 

Internamente alla Jeep Cherokee Trailhawk ci si sente comodi

Nell’abitacolo vengono confermati gli studi e l’applicazione dei designer di Jeep per rendere questa Cherokee Trailhawk adatta ad ogni esigenza. Anche qui rimane invariata la maggior parte degli aspetti interni rispetto alla versione 2019 della Cherokee. Il volante ha la classica impostazione della nuova gamma Jeep, con comandi al volante e comodi pulsanti per navigazione e volume nella zona posteriore, vicino ai paddle per il comando manuale del cambio a 9 rapporti. Sul quadro davanti al guidatore vengono mostrate una vasta gamma di informazioni utili per la guida, come il navigatore, la pressione delle gomme, velocità elettronica e così via. A sinistra del volante troviamo dei pratici tasti fisici per controllare i gruppi ottici e l’apertura elettronica del bagagliaio. Passando al centro, troviamo il grosso schermo da 8,4’’ che controlla la parte elettronica della Cherokee Trailhawk: è supportato anche il sistema Apple CarPlay e Android Auto, che risultano quasi superflui considerato l’ottimo funzionamento del sistema integrato per la navigazione e la riproduzione dei media via bluetooth. Arrivando alle novità di questo interno, troviamo il selettore di guida posizionato vicino alla leva del cambio: è qui che accade la trasformazione della Cherokee Trailhawk, soprattutto nei tratti sterrati. In serie, troviamo il comando per il blocco del differenziale posteriore, quello per il 4WD Low (modalità espressamente progettata per l’uso temporaneo in condizioni che richiedono una trazione supplementare o si desidera la massima potenza di traino), e quelli per la marcia in discese ripide e su fondi disconnessi. Inoltre, girando la manopola, possiamo selezionare le modalità Auto, Snow, Sport, Sand/Mud e l’esclusiva modalità Rock per un’aderenza estrema. Ma anche sui fondi più disconnessi, si può stare comodi sui sedili in pelle anche per i passeggeri posteriori, in un abitacolo spazioso e confortevole. Inoltre, non ci sarà nessun problema di spazio per i lunghi viaggi grazie ai 570 litri di capienza del bagagliaio che diventano 1.555 con i sedili abbattuti.

 

Jeep Cherokee Trailhawk ha un motore che sa quando dare il meglio

L’indomita versione Cherokee Trailhawk sarà disponibile esclusivamente con il nuovo motore turbo benzina a iniezione diretta da 2,0 litri che con 400 Nm di coppia e una potenza di 272 CV, arriverà nei prossimi mesi nelle concessionarie. Secondo I dati ufficiali della casa, questa meccanica in combinazione con il cambio automatico a 9 rapporti, può raggiungere la velocità massima di 206 km/h a fronte di un’accelerazione da 0 a 100 in 7,2 secondi. I consumi e le emissioni, conformi allo standard Euro 6d-temp, si assestano sui 9 litri ogni 100 km nel ciclo combinato europeo (12 litri invece nel ciclo urbano) con emissioni di 207 grammi di CO2 al chilometro. Purtroppo per gli amanti di Jeep Cherokee, con questa versione bisognerà pagare l’ecotassa.

 

Jeep Cherokee Trailhawk in sintesi: su strada va bene e in off road va meglio

Potente, robusta, comoda. Ecco come abbiamo trovato questa nuova Jeep Cherokee Trailhawk su vari tipi di tracciati. Nel complesso si tratta di un SUV con delle doti da fuoristrada, ma che risulta comodo e piacevole nella guida cittadina. Il volante è preciso e trasmette una sensazione di leggerezza non indifferente tra una rotonda e l’altra. Gli svariati sistemi di sicurezza, uniti ai sensori attivi durante le manovre, aiutano a districarsi nelle zone urbane senza grossi problemi. Per testare la vera natura di questo SUV è però doveroso immergersi nel fango, come abbiamo fatto noi tra le cave di marmo del lago di Garda. Posizionando il selettore di guida sulla modalità 4WD Low in combinazione con Mud o Rock, nemmeno le salite fangose più impervie hanno impensierito la Cherokee Trailhawk. Sotto la pioggia e immersi nel fango, questo SUV riesce a far divertire qualunque guidatore, anche i meno esperti di off road. Nella nostra prova sul tracciato fangoso (sotto la pioggia) abbiamo anche provato il nuovo Wrangler Rubicon. Anche paragonato con il 4×4 più robusto di Jeep, la nuova Cherokee Trailhawk ha tenuto testa con un percorso leggermente meno difficile rispetto a quello studiato per il Rubicon (con pendenze vertiginose e buche profonde quasi un metro). In poche parole, che vi piaccia viaggiare comodi su strada o che vogliate affrontare sterrati medio-difficili senza grossi timori, questa nuova Cherokee Trailhawk fa al caso vostro.

Sicuramente Jeep ha puntato molto sul dualismo in questo mid-size SUV per solleticare le fantasie di divertimento “dirt” dei clienti vecchi e nuovi, strizzando l’occhio ad un pubblico giovane senza però disprezzare quello maturo e più esigente.
Purtroppo non è stato ancora rilasciato il prezzo ufficiale per questa nuova Jeep Cherokee Trailhawk 2019.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati