WP_Post Object ( [ID] => 633401 [post_author] => 24 [post_date] => 2019-06-01 15:00:17 [post_date_gmt] => 2019-06-01 13:00:17 [post_content] => La Ferrari SF90 Stradale rappresenta una prima assoluta in termini di powertrain, dato che si tratta della prima Ferrari di serie della storia ad essere spinta da un propulsione di tipo ibrido plug-in. L'architettura PHEV della Ferrari SF90 Stradale è composta da un motore endotermico benzina affiancato da ben tre motori elettrici, due indipendenti sull'assale anteriore ed uno al posteriore tra motore e cambio. Il powertrain raggiunge complessivamente i 1.000 CV di potenza.

Il motore V8 turbo da 780 CV

La base della motorizzazione della Ferrari SF90 Stradale è il motore benzina V8 turbo, nominato per il quarto anno consecutivo "motore dell'anno", che ha incrementato la cilindrata da 3.902 cc a 3.990 cc grazie all'alesaggio portato ora a 88 mm. Capace di erogare una potenza di 780 CV e una coppia massima di 800 Nm a 6.000 giri/min., il motore V8 ha potenza massima specifica di 195 CV/l. Sia l'impianto di aspirazione che di scarico sono stati completamente riprogettati con una nuova testata di larghezza ridotta, con l'iniettore posizionato centralmente e con l'adozione del GDI a 350 bar. La riprogettazione del motore ha permesso migliorie fluidodinamiche, oltre ad un abbassamento del baricentro.

Il nuovo cambio doppia frizione a 8 marce

Anche il cambio, a doppia frizione a 8 rapporti, è stato completamente rivisto, con architettura a doppia frizione a bagno d'olio, l'introduzione di un nuovo rapporto di velocità e il miglioramento dell'efficienza, facendo scendere i consumi dell'8% (ciclo WLTP) in utilizzo urbano e autostradale. Il nuovo cambio a 8 marce è anche più leggero di 7 chilogrammi, con la nuova frizione che migliora le prestazioni del 35%.

Tre motori elettrici da 220 CV

La Ferrari SF90 Stradale affianca al V8 tre motori elettrici che assicurano un totale di 220 CV. Uno motore elettrico è collocato tra il V8 e il cambio, mentre gli altri due sono posizionati sull'assale anteriore. Ad alimentare le tre unità c'è una batteria Li-ion ad alte prestazioni, posizionata immediatamente dietro ai sedili, che garantisce 25 chilometri d'autonomia in modalità elettrica. Con il motore benzina spento, i due motori indipendenti anteriori permettono alla SF90 Stradale di raggiungere una velocità massima di 135 km/h.

Quattro modalità di guida

Attraverso l'apposito selettore posto sul volante, e denominato eManettino, il conducente della Ferrari SF90 Stradale può selezionare quattro diverse modalità di gestione del powertrain: eDrive, Hybrid, Performance e Qualify. In modalità eDrive il motore endotermico resta spento e la trazione è affidata al solo assale anteriore elettrico, con un autonomia massima di 25 chilometri. Hybrid è la modalità standard di funzionamento, che a seconda delle necessità decide autonomamente se tenere acceso o spento il motore benzina. Il setup Performance mantiene invece il V8 sempre accesso ed è quello più adatto per godersi il divertimento di guida. In modalità Qualify la Ferrari SF90 Stradale raggiunge la massima potenza della power unit, stimolando al massimo sia il motore endotermico che i motori elettrici. [post_title] => Ferrari SF90 Stradale: il powertrain ibrido plug-in da 1.000 CV [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => ferrari-sf90-stradale-il-powertrain-ibrido-plug-in-da-1-000-cv [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-05-31 18:53:24 [post_modified_gmt] => 2019-05-31 16:53:24 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=633401 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Ferrari SF90 Stradale: il powertrain ibrido plug-in da 1.000 CV

Il benzina V8 turbo affiancato da tre motori elettrici

La Ferrari SF90 Stradale è la prima ibrida plug-in di serie del Cavallino con il suo powertrain da ben 1.000 CV di potenza erogati dalla combinazione tra il V8 turbo da 780 CV e i tre motori elettrici da 220 CV.
Ferrari SF90 Stradale: il powertrain ibrido plug-in da 1.000 CV

La Ferrari SF90 Stradale rappresenta una prima assoluta in termini di powertrain, dato che si tratta della prima Ferrari di serie della storia ad essere spinta da un propulsione di tipo ibrido plug-in.

L’architettura PHEV della Ferrari SF90 Stradale è composta da un motore endotermico benzina affiancato da ben tre motori elettrici, due indipendenti sull’assale anteriore ed uno al posteriore tra motore e cambio. Il powertrain raggiunge complessivamente i 1.000 CV di potenza.

Il motore V8 turbo da 780 CV

La base della motorizzazione della Ferrari SF90 Stradale è il motore benzina V8 turbo, nominato per il quarto anno consecutivo “motore dell’anno”, che ha incrementato la cilindrata da 3.902 cc a 3.990 cc grazie all’alesaggio portato ora a 88 mm. Capace di erogare una potenza di 780 CV e una coppia massima di 800 Nm a 6.000 giri/min., il motore V8 ha potenza massima specifica di 195 CV/l. Sia l’impianto di aspirazione che di scarico sono stati completamente riprogettati con una nuova testata di larghezza ridotta, con l’iniettore posizionato centralmente e con l’adozione del GDI a 350 bar. La riprogettazione del motore ha permesso migliorie fluidodinamiche, oltre ad un abbassamento del baricentro.

Il nuovo cambio doppia frizione a 8 marce

Anche il cambio, a doppia frizione a 8 rapporti, è stato completamente rivisto, con architettura a doppia frizione a bagno d’olio, l’introduzione di un nuovo rapporto di velocità e il miglioramento dell’efficienza, facendo scendere i consumi dell’8% (ciclo WLTP) in utilizzo urbano e autostradale. Il nuovo cambio a 8 marce è anche più leggero di 7 chilogrammi, con la nuova frizione che migliora le prestazioni del 35%.

Tre motori elettrici da 220 CV

La Ferrari SF90 Stradale affianca al V8 tre motori elettrici che assicurano un totale di 220 CV. Uno motore elettrico è collocato tra il V8 e il cambio, mentre gli altri due sono posizionati sull’assale anteriore. Ad alimentare le tre unità c’è una batteria Li-ion ad alte prestazioni, posizionata immediatamente dietro ai sedili, che garantisce 25 chilometri d’autonomia in modalità elettrica. Con il motore benzina spento, i due motori indipendenti anteriori permettono alla SF90 Stradale di raggiungere una velocità massima di 135 km/h.

Quattro modalità di guida

Attraverso l’apposito selettore posto sul volante, e denominato eManettino, il conducente della Ferrari SF90 Stradale può selezionare quattro diverse modalità di gestione del powertrain: eDrive, Hybrid, Performance e Qualify. In modalità eDrive il motore endotermico resta spento e la trazione è affidata al solo assale anteriore elettrico, con un autonomia massima di 25 chilometri. Hybrid è la modalità standard di funzionamento, che a seconda delle necessità decide autonomamente se tenere acceso o spento il motore benzina. Il setup Performance mantiene invece il V8 sempre accesso ed è quello più adatto per godersi il divertimento di guida. In modalità Qualify la Ferrari SF90 Stradale raggiunge la massima potenza della power unit, stimolando al massimo sia il motore endotermico che i motori elettrici.

Ferrari SF90 Stradale: il powertrain ibrido plug-in da 1.000 CV
5 (100%) 1 vote
Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati