WP_Post Object ( [ID] => 633371 [post_author] => 70 [post_date] => 2019-06-02 10:05:47 [post_date_gmt] => 2019-06-02 08:05:47 [post_content] => La Peugeot 309 GTI 16 fu una vettura di buon successo, sia come auto per la famiglia che nelle competizioni: presentata nel luglio 1989, quest’anno festeggia i 30 anni di vita. Ne furono costruiti quasi 9.000 esemplari in quattro anni ed oggi è un modello molto richiesto nel mercato delle auto d’epoca, visto il numero ridotto di esemplari in buone condizioni rimasti.

La storia della Peugeot 309 GTI 16

Il progetto 309 non nacque sotto il marchio Peugeot, ma era un modello che sarebbe dovuto entrare nella gamma Talbot. Però la storia fu diversa e la 309 entrò nella gamma della casa francese, posizionata tra la 205 e la 405. Questo modello fu utilizzato anche nelle competizioni, viste le doti di motricità e bilanciamento, definite “non comuni” per quel segmento all’epoca. Così, nel luglio 1989, fu presentata la versione GTI 16, al vertice della gamma e destinata appunto anche al rendimento nel motorsport, in particolare perché riprendeva la meccanica della 205 GTI da 130 cavalli, ma con una potenza superiore, visti i 160 cavalli di cui disponeva. Per sfruttare al meglio più le doti di base dell’auto, la casa, infatti, decise di inserire sotto il cofano uno dei motori più performanti della casa in quegli anni, il 1,9 litri con testata a 16 valvole e 160 CV, lo stesso adottato dalla più grande 405 Mi16. Questa scelta ha dato alla vettura una grossa opportunità consentendole di esprimersi veramente al massimo in ambito sportivo.

Le caratteristiche della Peugeot 309 GTI 16

Un modello con un design piuttosto sobrio, senza appendici o cerchi vistosi, ma con solamente la scritta sul cofano posteriore GTI 16, per distinguerla dalla 309 GTI. All’interno dell’abitacolo, i sedili sportivi e avvolgenti erano dotati di regolazione lombare e rivestiti al centro di tessuto “quartet blu” con i fianchetti in velluto Infine, la 309 GTI 16 V nasceva con un buon equipaggiamento di serie e questa è la ragione delle poche opzioni disponibili all’epoca: vernice metallizzata, tetto apribile, aria condizionata e interni integrali in cuoio. In totale, ne furono realizzati 8.664 esemplari. [post_title] => Peugeot 309 GTI 16: la sportiva francese compie 30 anni [FOTO] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => peugeot-309-gti-16-la-sportiva-francese-compie-30-anni-foto [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-05-31 17:16:39 [post_modified_gmt] => 2019-05-31 15:16:39 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=633371 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Peugeot 309 GTI 16: la sportiva francese compie 30 anni [FOTO]

Ne furono realizzati quasi 9.000 esemplari tra il 1989 ed il 1993

La Peugeot 309 GTI 16 compie 30 anni. Era stata lanciata nel luglio 1989, come la versione top di gamma della 309 e con uno dei motori più potente della casa francese dell'epoca, grazie ai suoi 160 cavalli.

La Peugeot 309 GTI 16 fu una vettura di buon successo, sia come auto per la famiglia che nelle competizioni: presentata nel luglio 1989, quest’anno festeggia i 30 anni di vita. Ne furono costruiti quasi 9.000 esemplari in quattro anni ed oggi è un modello molto richiesto nel mercato delle auto d’epoca, visto il numero ridotto di esemplari in buone condizioni rimasti.

La storia della Peugeot 309 GTI 16

Il progetto 309 non nacque sotto il marchio Peugeot, ma era un modello che sarebbe dovuto entrare nella gamma Talbot. Però la storia fu diversa e la 309 entrò nella gamma della casa francese, posizionata tra la 205 e la 405. Questo modello fu utilizzato anche nelle competizioni, viste le doti di motricità e bilanciamento, definite “non comuni” per quel segmento all’epoca.

Così, nel luglio 1989, fu presentata la versione GTI 16, al vertice della gamma e destinata appunto anche al rendimento nel motorsport, in particolare perché riprendeva la meccanica della 205 GTI da 130 cavalli, ma con una potenza superiore, visti i 160 cavalli di cui disponeva.

Per sfruttare al meglio più le doti di base dell’auto, la casa, infatti, decise di inserire sotto il cofano uno dei motori più performanti della casa in quegli anni, il 1,9 litri con testata a 16 valvole e 160 CV, lo stesso adottato dalla più grande 405 Mi16. Questa scelta ha dato alla vettura una grossa opportunità consentendole di esprimersi veramente al massimo in ambito sportivo.

Le caratteristiche della Peugeot 309 GTI 16

Un modello con un design piuttosto sobrio, senza appendici o cerchi vistosi, ma con solamente la scritta sul cofano posteriore GTI 16, per distinguerla dalla 309 GTI. All’interno dell’abitacolo, i sedili sportivi e avvolgenti erano dotati di regolazione lombare e rivestiti al centro di tessuto “quartet blu” con i fianchetti in velluto

Infine, la 309 GTI 16 V nasceva con un buon equipaggiamento di serie e questa è la ragione delle poche opzioni disponibili all’epoca: vernice metallizzata, tetto apribile, aria condizionata e interni integrali in cuoio. In totale, ne furono realizzati 8.664 esemplari.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati