WP_Post Object ( [ID] => 633837 [post_author] => 24 [post_date] => 2019-06-04 10:49:23 [post_date_gmt] => 2019-06-04 08:49:23 [post_content] => Gli attuali rapporti tra Nissan e Renault dovranno essere rivisti in maniera profonda se si deciderà di dare seguito alla possibile fusione tra FCA e il costruttore francese. A lanciare l'avvertimento è stato l'amministratore delegato di Nissan, Hiroto Saikawa, in una dichiarazione rilasciata a ridosso del CdA di Renault che dovrebbe aprire ufficialmente la trattativa per gettare le basi dell'aggregazione con Fiat Chrysler Automobiles.

Nissan e Mitsubishi prudenti

Nonostante la proposta di fusione di FCA arrivata sul tavolo di Renault non riguarda, al momento, né Nissan né Mitsubishi (che con i francesi compongono l'Alleanza a tre), i vertici della Losanga nei giorni scorsi sono volati in Giappone per illustrare ai dirigenti delle due Case nipponiche i termini cardine della proposta di FCA e rassicurare sui vantaggi per tutti di un eventuale fusione. Tuttavia per il momento Nissan e Mitsubishi hanno mostrato grande prudenza, affermando di voler valutare con attenzione tutti i dettagli per poter dare un risposta che richiederà inevitabilmente un po' di tempo, pur consapevoli di non aver i numeri all'interno dell'Alleanza per poter opporsi all'operazione.

Saikawa: "Servirà una revisione profonda della relazione esistente con Renault"

Ora però le ultime dichiarazioni di Saikawa fanno intuire che gli ostacoli da superare per portare a termine la fusione FCA-Renault non saranno pochi. Le parole del numero uno di Nissan non lasciano spazio a interpretazioni: "Credo che la potenziale aggiunta della Fiat Chrysler come nuovo membro dell'Alleanza possa ampliare gli ambiti di collaborazione e creare nuove opportunità per ulteriori sinergie. Detto questo, la proposta attualmente in discussione è una fusione completa che, se realizzata, altererebbe significativamente la struttura del nostro partner Renault. Ciò richiederebbe una revisione profonda della relazione esistente tra la Nissan e la Renault. Dal punto di vista della protezione dei suoi interessi, la Nissan analizzerà e prenderà in considerazione i suoi rapporti contrattuali esistenti e il modo in cui dovrà operare in futuro".

Due nodi per Nissan: tecnologie e rapporti di forza

Tra le questioni più spinose che Nissan dovrà valutare con attenzione c'è quella della protezione delle tecnologie relative a guida autonoma ed elettrificazione, sviluppate in quasi vent'anni di Alleanza con Renault, e che potrebbe anche portare alla mancata concessione a FCA del diritto di utilizzarle. Altro nodo da sciogliere per la Casa di Yokohama sarà quello di ritagliarsi uno spazio adeguato, dunque con un peso decisivo sulle strategie future, all'interno dei rapporti di forza tra tutte le parti coinvolti dalla possibile aggregazione. [post_title] => FCA-Renault, Nissan avvisa: "Bisognerà rivedere i legami con la Casa francese" [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => fusione-fca-renault-nissan-2 [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-06-04 10:49:23 [post_modified_gmt] => 2019-06-04 08:49:23 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=633837 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

FCA-Renault, Nissan avvisa: “Bisognerà rivedere i legami con la Casa francese”

Ad affermarlo è l'ad della Casa giapponese Hiroto Saikawa

Hiroto Saikawa, amministratore delegato di Nissan, lancia l'avvertimento sulla necessaria revisione dei rapporti con i francesi in caso di fusione tra FCA e Renault.
FCA-Renault, Nissan avvisa: “Bisognerà rivedere i legami con la Casa francese”

Gli attuali rapporti tra Nissan e Renault dovranno essere rivisti in maniera profonda se si deciderà di dare seguito alla possibile fusione tra FCA e il costruttore francese.

A lanciare l’avvertimento è stato l’amministratore delegato di Nissan, Hiroto Saikawa, in una dichiarazione rilasciata a ridosso del CdA di Renault che dovrebbe aprire ufficialmente la trattativa per gettare le basi dell’aggregazione con Fiat Chrysler Automobiles.

Nissan e Mitsubishi prudenti

Nonostante la proposta di fusione di FCA arrivata sul tavolo di Renault non riguarda, al momento, né Nissan né Mitsubishi (che con i francesi compongono l’Alleanza a tre), i vertici della Losanga nei giorni scorsi sono volati in Giappone per illustrare ai dirigenti delle due Case nipponiche i termini cardine della proposta di FCA e rassicurare sui vantaggi per tutti di un eventuale fusione. Tuttavia per il momento Nissan e Mitsubishi hanno mostrato grande prudenza, affermando di voler valutare con attenzione tutti i dettagli per poter dare un risposta che richiederà inevitabilmente un po’ di tempo, pur consapevoli di non aver i numeri all’interno dell’Alleanza per poter opporsi all’operazione.

Saikawa: “Servirà una revisione profonda della relazione esistente con Renault”

Ora però le ultime dichiarazioni di Saikawa fanno intuire che gli ostacoli da superare per portare a termine la fusione FCA-Renault non saranno pochi. Le parole del numero uno di Nissan non lasciano spazio a interpretazioni: “Credo che la potenziale aggiunta della Fiat Chrysler come nuovo membro dell’Alleanza possa ampliare gli ambiti di collaborazione e creare nuove opportunità per ulteriori sinergie. Detto questo, la proposta attualmente in discussione è una fusione completa che, se realizzata, altererebbe significativamente la struttura del nostro partner Renault. Ciò richiederebbe una revisione profonda della relazione esistente tra la Nissan e la Renault. Dal punto di vista della protezione dei suoi interessi, la Nissan analizzerà e prenderà in considerazione i suoi rapporti contrattuali esistenti e il modo in cui dovrà operare in futuro”.

Due nodi per Nissan: tecnologie e rapporti di forza

Tra le questioni più spinose che Nissan dovrà valutare con attenzione c’è quella della protezione delle tecnologie relative a guida autonoma ed elettrificazione, sviluppate in quasi vent’anni di Alleanza con Renault, e che potrebbe anche portare alla mancata concessione a FCA del diritto di utilizzarle. Altro nodo da sciogliere per la Casa di Yokohama sarà quello di ritagliarsi uno spazio adeguato, dunque con un peso decisivo sulle strategie future, all’interno dei rapporti di forza tra tutte le parti coinvolti dalla possibile aggregazione.

FCA-Renault, Nissan avvisa: “Bisognerà rivedere i legami con la Casa francese”
5 (100%) 1 vote
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati