WP_Post Object ( [ID] => 634017 [post_author] => 70 [post_date] => 2019-06-05 11:00:23 [post_date_gmt] => 2019-06-05 09:00:23 [post_content] => Il mercato auto in Italia torna al segno negativo. Dopo il lieve rialzo di aprile, il mese di maggio appena terminato ha visto il calo dell’1,2% delle immatricolazioni, rispetto allo stesso periodo del 2018. Sono state 197.307 le vetture vendute nell’ultimo mese, mentre facendo un raffronto con il periodo gennaio-maggio, c’è stato un calo del 3,8% rispetto ai primi cinque mesi dell’anno scorso.

Continua il crollo del diesel, crescono le ibride

Entrando più nel dettaglio delle alimentazioni, non si ferma il grande calo del diesel, visti i divieti e la ‘demonizzazione’ di parte delle istituzioni. Ha perso circa il 10% di quota di mercato, cedendo circa un quinto dei volumi immatricolati. Di conseguenza, prosegue la crescita delle vetture benzina, con un aumento del 22,5% delle immatricolazioni a maggio, così come prosegue la salita delle vetture ibride (+34,7% nei volumi). Le vetture elettriche quasi raddoppiano i volumi immatricolati, salendo allo 0,6% sul totale mercato. In forte calo invece il metano che si ferma all’1,9% nel mese e all’1,5% nel cumulato, mentre segna in maggio un +5,1% il Gpl.

Positive le citycar, male il Segmento C

Fra i segmenti, hanno numeri positivi le city car (+9,9%), mentre rimangono stabili le utilitarie del segmento B, al 37,3% di rappresentatività. Riportano una flessione i segmenti medi e superiori, in particolare il segmento C scende al 31,5% di quota di mercato, mentre l’alto di gamma segna un buon incremento (+9,3%). In flessione tutte le carrozzerie, ad eccezione dei crossover (+15,7%) che ottengono in maggio il 32,5% di quota e il 31,9% nel cumulato gennaio-maggio.

Domina sempre la Fiat Panda, crescono PSA e Volkswagen

Parlando delle case e dei gruppi, c’è da segnalare una flessione per il Gruppo FCA (-6,12%), così come per Daimler (-9,03%), mentre hanno fatto segnare un segno positivo PSA (+3,5%), Volkswagen (+7,95%) e Toyota (+7,80%). Per quanto riguarda i singoli modelli, non cambia il dominio della Fiat Panda al comando della graduatoria: 13.736 esemplari immatricolati, più del doppio rispetto alle inseguitrici. Sul podio ci sono anche Renault Clio (6.421) e Fiat 500 (6.361).

Unrae e la detraibilità dell’IVA per le auto aziendali

Il prossimo futuro non pare portare grandi novità, almeno a breve termine, ma uno slancio per il mercato potrebbe arrivare in autunno, se venisse attuata la proposta sulla detraibilità al 100% dell’IVA per le auto aziendali. “Riteniamo che la revisione della fiscalità sia una delle leve strategiche per lo sviluppo e il rilancio delle imprese italiane, aumentandone la competitività anche nei confronti di quelle straniere che, non solo beneficiano di una detraibilità totale dell’IVA sulle auto aziendali, ma anche di maggiori deducibilità – le parole di Michele Crisci, presidente dell’UNRAE - Misure del genere potrebbero rappresentare un volàno per incentivare le imprese ad aumentare gli investimenti e di conseguenza anche uno strumento per accelerare il rinnovo del parco circolante, che al momento presenta tassi di sostituzione assolutamente insufficienti”. [post_title] => Mercato auto Italia: nuovo calo a maggio 2019, -1,2% [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => mercato-auto-italia-maggio-2019-calo-immatricolazioni [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-06-05 11:00:23 [post_modified_gmt] => 2019-06-05 09:00:23 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=634017 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Mercato auto Italia: nuovo calo a maggio 2019, -1,2%

L'UNRAE: "Aspettiamo detraibilità al 100% delle auto aziendali"

Il mercato auto italiano prosegue il suo momento di difficoltà, pagando un lieve ribasso anche nel mese di maggio e perdendo quasi il 4% nei primi cinque mesi dell'anno. La vettura più venduta in Italia resta sempre la Fiat Panda.
Mercato auto Italia: nuovo calo a maggio 2019, -1,2%

Il mercato auto in Italia torna al segno negativo. Dopo il lieve rialzo di aprile, il mese di maggio appena terminato ha visto il calo dell’1,2% delle immatricolazioni, rispetto allo stesso periodo del 2018. Sono state 197.307 le vetture vendute nell’ultimo mese, mentre facendo un raffronto con il periodo gennaio-maggio, c’è stato un calo del 3,8% rispetto ai primi cinque mesi dell’anno scorso.

Continua il crollo del diesel, crescono le ibride

Entrando più nel dettaglio delle alimentazioni, non si ferma il grande calo del diesel, visti i divieti e la ‘demonizzazione’ di parte delle istituzioni. Ha perso circa il 10% di quota di mercato, cedendo circa un quinto dei volumi immatricolati. Di conseguenza, prosegue la crescita delle vetture benzina, con un aumento del 22,5% delle immatricolazioni a maggio, così come prosegue la salita delle vetture ibride (+34,7% nei volumi).

Le vetture elettriche quasi raddoppiano i volumi immatricolati, salendo allo 0,6% sul totale mercato. In forte calo invece il metano che si ferma all’1,9% nel mese e all’1,5% nel cumulato, mentre segna in maggio un +5,1% il Gpl.

Positive le citycar, male il Segmento C

Fra i segmenti, hanno numeri positivi le city car (+9,9%), mentre rimangono stabili le utilitarie del segmento B, al 37,3% di rappresentatività. Riportano una flessione i segmenti medi e superiori, in particolare il segmento C scende al 31,5% di quota di mercato, mentre l’alto di gamma segna un buon incremento (+9,3%).

In flessione tutte le carrozzerie, ad eccezione dei crossover (+15,7%) che ottengono in maggio il 32,5% di quota e il 31,9% nel cumulato gennaio-maggio.

Domina sempre la Fiat Panda, crescono PSA e Volkswagen

Parlando delle case e dei gruppi, c’è da segnalare una flessione per il Gruppo FCA (-6,12%), così come per Daimler (-9,03%), mentre hanno fatto segnare un segno positivo PSA (+3,5%), Volkswagen (+7,95%) e Toyota (+7,80%).

Per quanto riguarda i singoli modelli, non cambia il dominio della Fiat Panda al comando della graduatoria: 13.736 esemplari immatricolati, più del doppio rispetto alle inseguitrici. Sul podio ci sono anche Renault Clio (6.421) e Fiat 500 (6.361).

Unrae e la detraibilità dell’IVA per le auto aziendali

Il prossimo futuro non pare portare grandi novità, almeno a breve termine, ma uno slancio per il mercato potrebbe arrivare in autunno, se venisse attuata la proposta sulla detraibilità al 100% dell’IVA per le auto aziendali.

“Riteniamo che la revisione della fiscalità sia una delle leve strategiche per lo sviluppo e il rilancio delle imprese italiane, aumentandone la competitività anche nei confronti di quelle straniere che, non solo beneficiano di una detraibilità totale dell’IVA sulle auto aziendali, ma anche di maggiori deducibilità – le parole di Michele Crisci, presidente dell’UNRAE – Misure del genere potrebbero rappresentare un volàno per incentivare le imprese ad aumentare gli investimenti e di conseguenza anche uno strumento per accelerare il rinnovo del parco circolante, che al momento presenta tassi di sostituzione assolutamente insufficienti”.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati