WP_Post Object ( [ID] => 630311 [post_author] => 84 [post_date] => 2019-06-05 18:00:01 [post_date_gmt] => 2019-06-05 16:00:01 [post_content] =>

SUV: ecco i SEAT Urban Vehicles

SEAT ha completato la sua gamma SUV e dopo il lancio di SEAT Ateca e SEAT Arona, l’arrivo di SEAT Tarraco ha sancito il completamento della famiglia dei SEAT Urban Vehicles. Ora SEAT ha un tridente pronto per affrontare la città (e non solo) in ogni situazione. Per esempio, la SEAT Arona ha dimensioni compatte e l'agilità di una city car, utile per svicolare anche nelle più piccole stradine, poi c'è SEAT Ateca che unisce un design moderno, grande abitabilità e spazio e, infine, c'è SEAT Tarraco, che mixa la tecnologia alla possibilità di avere sette posti a bordo per portare la famiglia, compresa la suocera, sempre al seguito. Abbiamo quindi tre SUV, dalle diverse dimensioni e dalle diverse caratteristiche. Ma ora partiamo con rigoroso ordine alfabetico e andiamole a conoscere bene insieme.

SEAT Arona

La SEAT Arona è un po' la sorella maggiore della famosa utilitaria spagnola, la Ibiza, ma con misure maggiorate. Con i sui 4,14 m di lunghezza, 1,78 m di larghezza e 1,55 m di altezza, la Arona è più alta di 11 cm e dista 3,8 cm in più della Ibiza da terra. Le linee sono tipiche di SEAT, così nette e spigolose e danno alla vettura un piglio sportivo e moderno. Gli interni sono curati ma composte solo da plastiche rigide mentre l'abitacolo permettere di stare comodi se si è in quattro persone (è presente il quinto posto ma è piccolo e scomodo). Il baule è ampio è ha una capienza che va da 400 litri fino a 1280 litri. Su strada, è stabile e maneggevole mentre in frenata da una grande sensazione di sicurezza, con il pedale del freno corposo e modulabile. Tra tutti i motori disponibili (scopri qui la SEAT Arona TGI a metano) è da preferire il tre cilindri 1.0 TSI che risponde bene già dai minimi regimi, ha un buon allungo ma è anche rumoroso. Di contro i diesel si comportano bene ma sono un po' vuoti ai bassi regimi. La trasmissione? Sia il manuale che l'automatico a doppia frizione DSG (qui, scopri di più sul cambio automatico DSG) sono fluidi e rapidi, senza impuntamenti di sorta nemmeno nelle situazioni più concitate. Secondo le stime di SEAT, la Arona è acquistata per il 75% da uomini ed è molto gettonata come seconda auto di famiglia. Inoltre, il SUV più piccolo di casa SEAT è utilizzato prevalentemente per gli spostamenti casa-lavoro con una media di più di 13.000 chilometri percorsi all'anno. Per portarsi a casa la SEAT Arona, il prezzo di partenza è di 14.900 euro con una rata di 159 euro al mese per l'allestimento top, 129 euro per quello di base. Qui il configuratore.

SEAT Ateca

Ora parliamo del SUV di medie dimensioni (4,36 m di lunghezza, 1,84 m di larghezza, 1,60 m altezza) di casa SEAT. Se la Arona è stata costruita partendo dalla Ibiza, la Ateca è nata sulla stessa base della SEAT Leon e della Volkswagen Tiguan.
Anche lei, è caratterizzata da linee nette e spigolose per gli esterni ma a differenza della SEAT Arona offre un abitacolo più curato, con materiali che alternano parti più 'croccanti' ad altre più morbide. Anche qui sul divanetto posteriore si viaggia comodi in due anche se c'è la possibilità di trovare un po' di spazio per il terzo incomodo. Il bagagliaio va da 510 litri nella configurazione standard e raggiunge i 1604 litri con i sedili reclinati. La Seat Ateca è animata da due motori, a iniezione diretta e turbo-compressi. Parliamo del millino a benzina a tre cilindri  da 116 CV e del 1.6 diesel sempre con 116 CV. E' disponibile anche il 2.0 TDI da 150 CV (qui l'approfondimento).
Su strada, le dimensioni compatte e la buona maneggevolezza la aiutano in città e nelle viuzze più piccole anche se un po' si paga la visibilità non eccezionale. In autostrada il comfort e la silenziosità la rendono una grande passista mentre sulle strade extraurbane, quelle sgombre dal traffico, la SEAT Ateca tiene bene la strada e la traiettoria da noi impostata.
Secondo SEAT il guidatore 'ideale' della Ateca è quello che vive la sua macchina a 360 gradi e anche durante il tempo libero oltre che nel consueto tragitto casa lavoro, in media ha dai 30 ai 50 anni e percorre meno di 20.000 chilometri l'anno.
Per portarsi a casa la SEAT Ateca, il prezzo di partenza è di 20.500 euro con una rata di 190 euro al mese. Qui, il configuratore.

SEAT Tarraco

E infine parliamo della Tarraco, il SUV più grande di casa SEAT (lunga 4,74 m di lunghezza, larga 1,84 m e altra 1,66 m). La Tarraco nasce della stessa piattaforma su cui è stata sviluppata la Skoda Kodiaq e la  Volkswagen Tiguan Allspace. Quindi parliamo di tanto spazio a disposizione con un abitacolo pronto per ospitare agevolmente cinque persone o anche sette persone grazie ai due sedili aggiuntivi (optional) a scomparsa nel baule. Il bagagliaio è una piccola piazza d'armi con una capacità di 700 litri, in configurazione sette posti fino a 1775 litri, mentre per la configurazione a cinque posti la capacità parte da 760 litri con il divanetto alzato, fino a 1920 litri.
Una volta seduto dietro al volante l'abitacolo è curato e la qualità costruttiva è buona con materiali che mixano plastica morbida e dura. Il quadro strumenti è completamente digitale mentre il sistema dell'infotainment è incastonato all'interno di in touch-screen di 8 pollici. Da segnalare la presenza di Apple CarPlay e Android Auto.
La SEAT Tarraco ha una ricca dotazione di serie con il climatizzatore trizona, i fari full led e diversi sistemi di assistenza alla guida tra cui la frenata automatica di emergenza, l'allarme anti-colpo di sonno e il line assist. Rimane optional il cruise control adattativo.
Per la SEAT Tarraco possiamo scegliere tra la versione a due o a quattro ruote motrici. La prima è abbinata al cambio manuale a sei rapporti, mentre la versione integrale può essere abbinata anche all'automatico a doppia frizione DSG a sette marce.
Capitolo motori. Abbiamo a disposizione motori a benzina o turbodiesel, con potenze che variano da 150 o 190 CV, inoltre la lieta novella è che nel 2020 arriverà una versione ibrida plug-in con più di 200 CV. I motori hanno un'importante spinta ai bassi con la coppia che continua fluida fino ai medi regimi. Il cambio manuale non ha impuntamenti mentre quello robotizzato a doppia frizione a 7 rapporti è rapido e intelligente.
Su strada, la SEAT Tarraco è confortevole, grazie alle sospensioni elettroniche che ci permettono di superare con facilità qualsiasi ostacolo ma è anche decisa e pronta quando la si impegna sulle strade più sgombre dal traffico. Sul misto l’auto non si corica troppo di lato, e lo sterzo è preciso e progressivo. Peccato solo per i fruscii aerodinamici degli specchietti retrovisori che incominciano ad 'entrare' all'interno dell'abitacolo una volta superati i 120 km/h.
Secondo SEAT la Tarraco è acquistata per il 56% da uomini con, in media, 34-50 anni, sono professionisti ambiziosi, dinamici e sportivi.
Per potarsi a casa la SEAT Tarraco il vostro assegno dovrà riportare la cifra di partenza di 24.000 euro con una rata di 199 euro al mese. Qui, il configuratore.
[post_title] => SEAT Ateca, Arona e Tarraco: in VIDEO tutto quello che dovete sapere sui SUV [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => seat-suv-ateca-arona-tarraco-listino-prezzi-configuratore-prova-motori-interni [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-06-05 22:21:16 [post_modified_gmt] => 2019-06-05 20:21:16 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=630311 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

SEAT Ateca, Arona e Tarraco: in VIDEO tutto quello che dovete sapere sui SUV

SEAT Ateca, Arona e Tarraco: le differenze tra i vari SUV

SEAT Ateca, Arona e Tarraco: le differenze tra i vari SUV. Prezzi, prova su strada, motori, interni, estetica
SEAT Ateca, Arona e Tarraco: in VIDEO tutto quello che dovete sapere sui SUV

SUV: ecco i SEAT Urban Vehicles

SEAT ha completato la sua gamma SUV e dopo il lancio di SEAT Ateca e SEAT Arona, l’arrivo di SEAT Tarraco ha sancito il completamento della famiglia dei SEAT Urban Vehicles. Ora SEAT ha un tridente pronto per affrontare la città (e non solo) in ogni situazione. Per esempio, la SEAT Arona ha dimensioni compatte e l’agilità di una city car, utile per svicolare anche nelle più piccole stradine, poi c’è SEAT Ateca che unisce un design moderno, grande abitabilità e spazio e, infine, c’è SEAT Tarraco, che mixa la tecnologia alla possibilità di avere sette posti a bordo per portare la famiglia, compresa la suocera, sempre al seguito. Abbiamo quindi tre SUV, dalle diverse dimensioni e dalle diverse caratteristiche. Ma ora partiamo con rigoroso ordine alfabetico e andiamole a conoscere bene insieme.

SEAT Arona

La SEAT Arona è un po’ la sorella maggiore della famosa utilitaria spagnola, la Ibiza, ma con misure maggiorate. Con i sui 4,14 m di lunghezza, 1,78 m di larghezza e 1,55 m di altezza, la Arona è più alta di 11 cm e dista 3,8 cm in più della Ibiza da terra.

Le linee sono tipiche di SEAT, così nette e spigolose e danno alla vettura un piglio sportivo e moderno. Gli interni sono curati ma composte solo da plastiche rigide mentre l’abitacolo permettere di stare comodi se si è in quattro persone (è presente il quinto posto ma è piccolo e scomodo). Il baule è ampio è ha una capienza che va da 400 litri fino a 1280 litri.

Su strada, è stabile e maneggevole mentre in frenata da una grande sensazione di sicurezza, con il pedale del freno corposo e modulabile. Tra tutti i motori disponibili (scopri qui la SEAT Arona TGI a metano) è da preferire il tre cilindri 1.0 TSI che risponde bene già dai minimi regimi, ha un buon allungo ma è anche rumoroso. Di contro i diesel si comportano bene ma sono un po’ vuoti ai bassi regimi. La trasmissione? Sia il manuale che l’automatico a doppia frizione DSG (qui, scopri di più sul cambio automatico DSG) sono fluidi e rapidi, senza impuntamenti di sorta nemmeno nelle situazioni più concitate.

Secondo le stime di SEAT, la Arona è acquistata per il 75% da uomini ed è molto gettonata come seconda auto di famiglia. Inoltre, il SUV più piccolo di casa SEAT è utilizzato prevalentemente per gli spostamenti casa-lavoro con una media di più di 13.000 chilometri percorsi all’anno.

Per portarsi a casa la SEAT Arona, il prezzo di partenza è di 14.900 euro con una rata di 159 euro al mese per l’allestimento top, 129 euro per quello di base. Qui il configuratore.

SEAT Ateca

Ora parliamo del SUV di medie dimensioni (4,36 m di lunghezza, 1,84 m di larghezza, 1,60 m altezza) di casa SEAT. Se la Arona è stata costruita partendo dalla Ibiza, la Ateca è nata sulla stessa base della SEAT Leon e della Volkswagen Tiguan.
Anche lei, è caratterizzata da linee nette e spigolose per gli esterni ma a differenza della SEAT Arona offre un abitacolo più curato, con materiali che alternano parti più ‘croccanti’ ad altre più morbide. Anche qui sul divanetto posteriore si viaggia comodi in due anche se c’è la possibilità di trovare un po’ di spazio per il terzo incomodo. Il bagagliaio va da 510 litri nella configurazione standard e raggiunge i 1604 litri con i sedili reclinati. La Seat Ateca è animata da due motori, a iniezione diretta e turbo-compressi. Parliamo del millino a benzina a tre cilindri  da 116 CV e del 1.6 diesel sempre con 116 CV. E’ disponibile anche il 2.0 TDI da 150 CV (qui l’approfondimento).
Su strada, le dimensioni compatte e la buona maneggevolezza la aiutano in città e nelle viuzze più piccole anche se un po’ si paga la visibilità non eccezionale. In autostrada il comfort e la silenziosità la rendono una grande passista mentre sulle strade extraurbane, quelle sgombre dal traffico, la SEAT Ateca tiene bene la strada e la traiettoria da noi impostata.
Secondo SEAT il guidatore ‘ideale’ della Ateca è quello che vive la sua macchina a 360 gradi e anche durante il tempo libero oltre che nel consueto tragitto casa lavoro, in media ha dai 30 ai 50 anni e percorre meno di 20.000 chilometri l’anno.
Per portarsi a casa la SEAT Ateca, il prezzo di partenza è di 20.500 euro con una rata di 190 euro al mese. Qui, il configuratore.

SEAT Tarraco

E infine parliamo della Tarraco, il SUV più grande di casa SEAT (lunga 4,74 m di lunghezza, larga 1,84 m e altra 1,66 m). La Tarraco nasce della stessa piattaforma su cui è stata sviluppata la Skoda Kodiaq e la  Volkswagen Tiguan Allspace. Quindi parliamo di tanto spazio a disposizione con un abitacolo pronto per ospitare agevolmente cinque persone o anche sette persone grazie ai due sedili aggiuntivi (optional) a scomparsa nel baule. Il bagagliaio è una piccola piazza d’armi con una capacità di 700 litri, in configurazione sette posti fino a 1775 litri, mentre per la configurazione a cinque posti la capacità parte da 760 litri con il divanetto alzato, fino a 1920 litri.
Una volta seduto dietro al volante l’abitacolo è curato e la qualità costruttiva è buona con materiali che mixano plastica morbida e dura. Il quadro strumenti è completamente digitale mentre il sistema dell’infotainment è incastonato all’interno di in touch-screen di 8 pollici. Da segnalare la presenza di Apple CarPlay e Android Auto.
La SEAT Tarraco ha una ricca dotazione di serie con il climatizzatore trizona, i fari full led e diversi sistemi di assistenza alla guida tra cui la frenata automatica di emergenza, l’allarme anti-colpo di sonno e il line assist. Rimane optional il cruise control adattativo.
Per la SEAT Tarraco possiamo scegliere tra la versione a due o a quattro ruote motrici. La prima è abbinata al cambio manuale a sei rapporti, mentre la versione integrale può essere abbinata anche all’automatico a doppia frizione DSG a sette marce.
Capitolo motori. Abbiamo a disposizione motori a benzina o turbodiesel, con potenze che variano da 150 o 190 CV, inoltre la lieta novella è che nel 2020 arriverà una versione ibrida plug-in con più di 200 CV. I motori hanno un’importante spinta ai bassi con la coppia che continua fluida fino ai medi regimi. Il cambio manuale non ha impuntamenti mentre quello robotizzato a doppia frizione a 7 rapporti è rapido e intelligente.
Su strada, la SEAT Tarraco è confortevole, grazie alle sospensioni elettroniche che ci permettono di superare con facilità qualsiasi ostacolo ma è anche decisa e pronta quando la si impegna sulle strade più sgombre dal traffico. Sul misto l’auto non si corica troppo di lato, e lo sterzo è preciso e progressivo. Peccato solo per i fruscii aerodinamici degli specchietti retrovisori che incominciano ad ‘entrare’ all’interno dell’abitacolo una volta superati i 120 km/h.
Secondo SEAT la Tarraco è acquistata per il 56% da uomini con, in media, 34-50 anni, sono professionisti ambiziosi, dinamici e sportivi.
Per potarsi a casa la SEAT Tarraco il vostro assegno dovrà riportare la cifra di partenza di 24.000 euro con una rata di 199 euro al mese. Qui, il configuratore.

SEAT Ateca, Arona e Tarraco: in VIDEO tutto quello che dovete sapere sui SUV
5 (100%) 1 vote
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati