WP_Post Object ( [ID] => 635461 [post_author] => 70 [post_date] => 2019-06-11 15:17:00 [post_date_gmt] => 2019-06-11 13:17:00 [post_content] => Hyundai lancia una nuova campagna di comunicazione, denominata Next Awaits. Un racconto del futuro del marchio coreano, ripercorrendo la storia e la volontà di innovazione continua. “Progresso e innovazione sono le due parole chiave per Hyundai – le parole di Andrea Crespi, direttore generale Hyundai Italia, nel corso della presentazione a Milano – E’ l’anima di questo brand, ogni obiettivo raggiunto è un punto di partenza verso quello successivo”.

La campagna Hyundai Next Awaits

Entrando nel dettaglio, lo spot principale racconta, attraverso un flashback, il percorso di evoluzione di Hyundai, dalle sue origini industriali fino alla trasformazione in casa automobilistica oggi leader nella mobilità del futuro. Insieme a quelli che sono gli attuali modelli simbolo di questa evoluzione, Ioniq, Kona Electric e Nexo, nel film compaiono alcune tra le più amate automobili vintage di Hyundai: una tra tutte, l’iconica Pony. Ci saranno anche altri spot, con gli altri modelli di punta della casa coreana.

La storia di Hyundai e la matita di Giorgetto Giugiaro

Tra i protagonisti della storia di Hyundai, c’è il cavaliere Giorgetto Giugiaro. Fu lui a disegnare l’iconica Pony negli anni ’70, la prima auto coreana prodotta in serie ed introdotta anche nel mercato europeo dal 1978, diventando il modello di punta della casa asiatica. Lo storico designer spiega come è nato il suo approdo a Hyundai: “Quando ho conosciuto il fondatore, ero appena tornato dal Salone di Francoforte 1973 – il racconto – Mi invitò in Corea e mi spiegò la sua idea di realizzare un’industria automobilistica. Non c’era nulla ero un po’ scettico”. L’episodio per convincerlo: “Lui l’ha notato e mi ha portato in un porto, spiegandomi che prima non c’era niente e come aveva costruito da zero una nave. La sua determinazione era altissima, ha mostrato un coraggio eccezionale e mi ha convinto”. Così nacque, come dicevamo, la Pony.

Hyundai ed il futuro

Ora il mondo è cambiato ed anche le sfide sono diverse: “Oggi l’auto deve essere globale e c’è molta più competizione – ha detto Nicola Danza, responsabile exterior design del centro stile Hyundai – Però il design è sempre stato e sempre sarà innovazione”. “Bisogna avere coraggio e non pensare alle cose scontate – dice Giugiaro, parlando poi del futuro del marchio coreano – Hyundai ha più libertà, essendo un marchio relativamente giovane. Ha tutte le carte in regola per stupire ancora ed attrarre”. Un'investitura di prestigio. [post_title] => Hyundai #NextAwaits: nel futuro con uno sguardo al passato [INTERVISTA VIDEO] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => hyundai-nextawaits-intervista-video-foto [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-06-11 15:24:32 [post_modified_gmt] => 2019-06-11 13:24:32 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=635461 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Hyundai #NextAwaits: nel futuro con uno sguardo al passato [INTERVISTA VIDEO]

Presentata la nuova campagna del marchio coreano

Hyundai Next Awaits è la nuova campagna del marchio coreano, in cui il passato si unisce con il futuro, con progresso ed innovazione come parole chiave. Ne abbiamo parlato con Andrea Crespi, managing director di Hyundai Italia.

Hyundai lancia una nuova campagna di comunicazione, denominata Next Awaits. Un racconto del futuro del marchio coreano, ripercorrendo la storia e la volontà di innovazione continua. “Progresso e innovazione sono le due parole chiave per Hyundai – le parole di Andrea Crespi, direttore generale Hyundai Italia, nel corso della presentazione a Milano – E’ l’anima di questo brand, ogni obiettivo raggiunto è un punto di partenza verso quello successivo”.

La campagna Hyundai Next Awaits

Entrando nel dettaglio, lo spot principale racconta, attraverso un flashback, il percorso di evoluzione di Hyundai, dalle sue origini industriali fino alla trasformazione in casa automobilistica oggi leader nella mobilità del futuro.

Insieme a quelli che sono gli attuali modelli simbolo di questa evoluzione, Ioniq, Kona Electric e Nexo, nel film compaiono alcune tra le più amate automobili vintage di Hyundai: una tra tutte, l’iconica Pony. Ci saranno anche altri spot, con gli altri modelli di punta della casa coreana.

La storia di Hyundai e la matita di Giorgetto Giugiaro

Tra i protagonisti della storia di Hyundai, c’è il cavaliere Giorgetto Giugiaro. Fu lui a disegnare l’iconica Pony negli anni ’70, la prima auto coreana prodotta in serie ed introdotta anche nel mercato europeo dal 1978, diventando il modello di punta della casa asiatica.

Lo storico designer spiega come è nato il suo approdo a Hyundai: “Quando ho conosciuto il fondatore, ero appena tornato dal Salone di Francoforte 1973 – il racconto – Mi invitò in Corea e mi spiegò la sua idea di realizzare un’industria automobilistica. Non c’era nulla ero un po’ scettico”.

L’episodio per convincerlo: “Lui l’ha notato e mi ha portato in un porto, spiegandomi che prima non c’era niente e come aveva costruito da zero una nave. La sua determinazione era altissima, ha mostrato un coraggio eccezionale e mi ha convinto”. Così nacque, come dicevamo, la Pony.

Hyundai ed il futuro

Ora il mondo è cambiato ed anche le sfide sono diverse: “Oggi l’auto deve essere globale e c’è molta più competizione – ha detto Nicola Danza, responsabile exterior design del centro stile Hyundai – Però il design è sempre stato e sempre sarà innovazione”.

“Bisogna avere coraggio e non pensare alle cose scontate – dice Giugiaro, parlando poi del futuro del marchio coreano – Hyundai ha più libertà, essendo un marchio relativamente giovane. Ha tutte le carte in regola per stupire ancora ed attrarre”. Un’investitura di prestigio.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati