WP_Post Object ( [ID] => 635905 [post_author] => 8 [post_date] => 2019-06-12 15:25:30 [post_date_gmt] => 2019-06-12 13:25:30 [post_content] => La nuova Renault Clio 2019 arriva sul mercato europeo e mondiale con la classica missione impossibile che attende tutte le vetture di successo. Confermare e migliorare quanto buono fatto fino ad oggi. Stiamo parlando di una delle segmento B più vendute del Vecchio Continente, che da diversi anni è anche l’auto straniera più venduta d’Italia (nel 2018 è addirittura diventata la più venduta in assoluto, superata unicamente dalla Fiat Panda). Per conquistare ancora una volta il pubblico era necessario modernizzare tutto il progetto, senza però discostarsi eccessivamente da quanto già si aveva sotto mano. La nuova Renault Clio 2019, in questo nostro primo contatto sulle strade intorno a Lisbona, sembrerebbe aver imboccato la strada giusta, attendendo la risposta insindacabile del mercato.

Il design della nuova Renault Clio 2019: confermato e modernizzato

Dal punto di vista estetico la nuova Renault Clio 2019 non è cambiata più di tanto. Anzi, si tratta dell’aspetto più fedele alla quarta generazione dell’intero progetto. Questo, però, non significa assolutamente che sia “uguale a quella vecchia”. Anzi, le modifiche apportate alla carrozzeria e ai suoi elementi contribuiscono ad ammodernare nettamente uno stile che risultata già al passo coi tempi negli ultimi anni e che ora potrà nuovamente farsi valere. Iniziamo a parlare del frontale, ad esempio: la forma della griglia è rimasta la stessa, ma la zona intorno al logo della Losanga è stato allargato, per renderla più significativa e colpire maggiormente lo sguardo. Il cambiamento maggiore, però, arriva sui fari: questi sono diventati più sottili e avvolgenti, con una differenza sostanziale. Gli elementi a forma di “C”, tipici del marchio Renault, si ribaltano e vanno ad avvolgere l’intero gruppo ottico, con un lato che sconfina nella carrozzeria. Una scelta al passo coi tempi che caratterizza ancora di più la firma luminosa dell’auto. Al di sotto di questi notiamo anche le luci antinebbia, il cui elemento è ora in posizione leggermente rialzata e, soprattutto, non più indipendente bensì incluso in un deflettore d’aria, che punta a migliorare l’aerodinamica sulle ruote anteriori. Da notare, infine, il cofano, che ora presenta delle nervature molto più accattivanti e nette. Passando alla fiancata, notiamo immediatamente uno stile leggermente più filante e aerodinamico. Questo è particolarmente evidente nella zona dei cristalli, il cui aspetto è reso ancora più aggressivo dalla cornice cromata che ora racchiude tutto l’elemento. Le linee della fiancata sono state sotto molti aspetti confermate, anche se ora si fondono molto meglio con la struttura generale dell’auto. Vi è solo una nervatura completamente nuova, immediatamente sotto gli specchietti retrovisori, resa più sportiva dalla presenza di una decorazione cromata. Completano il quadro i cerchi in lega, disponibili in diametri dai 15 ai 17 pollici. Anche il posteriore, seppur molto somigliante ad un primo sguardo, è stato modificato in maniera netta. Soprattutto nella zona inferiore il passo avanti è evidente, con il fascione ora completamente coperto dalla carrozzeria fino al confine del diffusore, che include il terminale di scarico ovale. Forse questa è la scelta che, a nostro modo di vedere, più di ogni altra svecchia il look della vettura. La targa si trova ora in posizione rialzata, in una nicchia apposita. Anche i gruppi ottici sono cambiati leggermente, con un elemento allungato nella parte superiore del faro che rimanda con la mente alle stesse luci anteriori. Il portellone è rimasto quasi invariato, con una nuova apertura e il nome della gamma ben evidente sotto al logo. Sono disponibili infine tre nuovi colori per la carrozzeria: arancione Orange Valencia, Blu Celadon e bronzo Brun Vision.

Gli interni della nuova Renault Clio 2019: qui cambia tutto

Se gli esterni della nuova Renault Clio 2019 sono parenti stretti della sua quarta generazione, gli interni sono cambiati completamente. La casa della Losanga ha voluto seguire la filosofia di design che ha caratterizzato soprattutto le prime tre generazioni della gamma, ovvero il livello di qualità e design che sarebbero proprie di vetture di segmento molto più alto, come Mégane ed Espace. Spesso queste parole pronunciate dalle case auto hanno una valenza più di marketing che di descrizione reale, ma in questa Clio dobbiamo ricredervi. È davvero cambiato tutto, a cominciare dal sistema di infotainment centrale. Questo ora è lo stesso che avevamo già visto e apprezzato sulla Espace, disponibile in due diverse misure (da 7 e da 9,3 pollici), con e senza navigatore (in questo caso solo da 7”) e ovviamente sempre compatibile in tutte le versioni con Apple CarPlay e Android Auto, per quanto anche il software Easy Link della casa si conferma su ottimi livelli, grazie ai servizi forniti in collaborazione con Google e TomTom. Notevole il cambiamento effettuato anche sul volante, ora decisamente più sottile e moderno nello stile. Davanti a questo, inoltre, troviamo un nuovo debutto, ovvero il quadro comandi completamente digitale, disponibile in misure da 7 e da 10 pollici (quest’ultima è l’unica che offre la possibilità di mostrare la mappa del navigatore). Completamente rivoluzionate anche le prese d’aria del condizionatore, che passano da un design più arrotondato ad uno più squadrato e moderno, particolarmente esaltato nel caso si scelga di arricchire l’abitacolo con i pannelli colorati a contrasto. In generale Renault ha alzato il tiro per quanto riguarda la qualità percepita e il comfort. I sedili sono ora più piacevoli alla vista e al tatto, con una forma più contenitiva rispetto al passato. L’ambiente (con un effetto diretto anche sulla mappatura del motore) è illuminato con apposite luci ambient, modificabili a seconda che si scelga la modalità di guida Eco, quella Sport o la MySense (predefinita e personalizzabile). Gli allestimenti disponibili sono cinque (sei se contiamo anche il Business riservato alle flotte): l’entry level Life, lo Zen, l’Intens, lo speciale R.S. Line (Renault Sport, che sostituirà progressivamente il GT Line) e il top di gamma Initiale Paris. Buono infine lo spazio a disposizione, con il bagagliaio che grazie alle sue forme più squadrate parte da 391 litri di capienza.

I motori della nuova Renault Clio 2019: benzina, diesel e GPL, ma tra un anno arriva l’ibrido

Come spesso accade, alcuni dei cambiamenti più grandi della nuova Renault Clio 2019 sono nascosti all’occhio. Parliamo della piattaforma, ad esempio: la Clio di quinta generazione porta infatti al debutto la nuova CMF-B, modulare e già pronta per l’elettrificazione, sviluppata in condivisione all’interno dell’Alleanza con Nissan e Mitsubishi. Questa piattaforma porta diversi vantaggi, tra cui un risparmio di peso di circa 50 kg, ma soprattutto permetterà nel 2020 alla Clio di entrare nel mondo elettrificato, con il debutto della meccanica ibrida E-Tech (della quale ancora non conosciamo le caratteristiche nel dettaglio, anche se sappiamo che avrà un’autonomia tra i 3 e i 5 km solo in elettrico e promette in città di usare il motore a zero emissioni per l’80% del tempo). Per ora, comunque, sarà presenta una gamma di benzina e diesel particolarmente ricca e in alcuni casi inedita. Tra i primi, non si può non citare il piccolissimo SCe, declinato in due livelli di potenza da 65 e 75 Cv. Si tratta di un tre cilindri aspirato con cambio manuale a cinque marce, che nella sua versione più ridotta potrà essere interessante per i neopatentati. Alzando il tiro si arriva al TCe da 100 Cv di Penza, anche lui tre cilindri, ma con un turbocompressore in più e 160 Nm di coppia, il che equivale a 10 Cv e 20 Nm in più rispetto al TCe che va a sostituire. Questo motore, tra l’altro, si pone come ideale tra prestazioni ed emissioni, in quanto tocca perfettamente i 100 g/km di CO2 nel ciclo misto WLTP. Su questo, tra l’altro, debutterà in data da destinarsi anche il nuovo cambio automatico X-Tronic. Infine abbiamo il top di gamma TCe da 130 Cv con FAP, che può vantare una coppia da 240 Nm e, soprattutto, il cambio automatico EDC a 7 rapporti (eventualmente disponibile anche con paddle al volante). I diesel sono comunque rimasti in gamma, con il Blue dCi disponibile in due versioni: da 85 Cv e 220 Nm e, infine, da 115 Cv e 260 Nm. Entrambe queste configurazioni possono essere associate anche al cambio automatico a sei rapporti.

Come va la nuova Renault Clio 2019?

Anche se per ora l’abbiamo tenuta in mano solo poche ore, la nuova Renault Clio 2019 ci ha restituito delle buone sensazioni. Il nostro test si è svolto principalmente sulla motorizzazione TCe da 130 Cv, in assoluto la più scattante e divertente. Il cambio EDC a sette rapporti si comporta molto bene, con delle cambiate estremamente fluide e ben calibrate. Buone anche le sospensioni, che definiremmo morbide al punto giusto, senza eccedere in una rigidità sportiva che su quest’auto forse sarebbe stata fuori luogo. Il TCe da 100 Cv è decisamente più tranquillo e adatto alla vita quotidiana (non è un caso che questa versione con allestimento Zen sia il modello di punta della casa francese in Italia). Non avrà la brillantezza del 130 Cv, ma se la cava ugualmente. Peccato solamente per il cambio manuale a sole cinque marce, ma la casa rimedierà presto con l’arrivo dell’X-Tronic e anche con l’introduzione dell’alimentazione GPL. Ovviamente la Clio è equipaggiabile a seconda dell’allestimento di diversi sistemi di aiuto alla guida, che la casa francese riassume sotto il nome commerciale di Renault Easy Drive. Qui troviamo ad esempio il cruise control adattivo con sistema Stop & Go, che consente in caso di traffico congestionato di fermarsi automaticamente e di ripartire (senza input entro i 3 secondi, con input entro i 30 secondi). A questo si associa anche il sistema di controllo di corsia, che può essere sia solamente acustico che attivo con micro correzioni sul volante. Non manca tra l’altro il comodissimo sistema di parcheggio automatico (con videocamera a 360° e per la retromarcia), compatibile sia con soste parallele che perpendicolari e a spina di pesce. Ovviamente aggiungere questi elementi farà lievitare il prezzo, ma la loro presenza rende ufficialmente la nuova Renault Clio 2019 una delle vetture più moderne e tecnologiche del suo segmento di riferimento. La nuova Renault Clio 2019 sarà in vendita a partire dal prossimo settembre ad un prezzo di listino che partirà da 14.400 €. Per la fase di lancio ci sarà anche l’edizione limitata Edition One in soli 500 esemplari, particolarmente ricca ed elaborata, ad un prezzo di 20.750 €. [post_title] => Nuova Renault Clio 2019: design evoluto, abitacolo e motori rivoluzionati [VIDEO TEST DRIVE] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => nuova_renault_clio_2019_test_drive_prova_caratteristiche_scheda_tecnica_motori_prezzo_listino_usata_opinioni [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-06-12 15:25:50 [post_modified_gmt] => 2019-06-12 13:25:50 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=635905 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Nuova Renault Clio 2019: design evoluto, abitacolo e motori rivoluzionati [VIDEO TEST DRIVE]

Piattaforma al debutto, pronta per l’ibrido E-Tech

La quinta generazione della Renault Clio sta finalmente arrivando nei concessionari, con un design che riprende il vecchio modello, ma lo fa evolvere per confermare la sua posizione di segmento B tra le più vendute d’Europa. Una missione che potrà contare anche su due elementi extra: un abitacolo completamente rivoluzionato e una gamma di motori ben studiata che dal 2020 potrà contare anche sull’ibrido E-Tech

La nuova Renault Clio 2019 arriva sul mercato europeo e mondiale con la classica missione impossibile che attende tutte le vetture di successo. Confermare e migliorare quanto buono fatto fino ad oggi. Stiamo parlando di una delle segmento B più vendute del Vecchio Continente, che da diversi anni è anche l’auto straniera più venduta d’Italia (nel 2018 è addirittura diventata la più venduta in assoluto, superata unicamente dalla Fiat Panda). Per conquistare ancora una volta il pubblico era necessario modernizzare tutto il progetto, senza però discostarsi eccessivamente da quanto già si aveva sotto mano. La nuova Renault Clio 2019, in questo nostro primo contatto sulle strade intorno a Lisbona, sembrerebbe aver imboccato la strada giusta, attendendo la risposta insindacabile del mercato.

Il design della nuova Renault Clio 2019: confermato e modernizzato

Dal punto di vista estetico la nuova Renault Clio 2019 non è cambiata più di tanto. Anzi, si tratta dell’aspetto più fedele alla quarta generazione dell’intero progetto. Questo, però, non significa assolutamente che sia “uguale a quella vecchia”. Anzi, le modifiche apportate alla carrozzeria e ai suoi elementi contribuiscono ad ammodernare nettamente uno stile che risultata già al passo coi tempi negli ultimi anni e che ora potrà nuovamente farsi valere. Iniziamo a parlare del frontale, ad esempio: la forma della griglia è rimasta la stessa, ma la zona intorno al logo della Losanga è stato allargato, per renderla più significativa e colpire maggiormente lo sguardo. Il cambiamento maggiore, però, arriva sui fari: questi sono diventati più sottili e avvolgenti, con una differenza sostanziale. Gli elementi a forma di “C”, tipici del marchio Renault, si ribaltano e vanno ad avvolgere l’intero gruppo ottico, con un lato che sconfina nella carrozzeria. Una scelta al passo coi tempi che caratterizza ancora di più la firma luminosa dell’auto. Al di sotto di questi notiamo anche le luci antinebbia, il cui elemento è ora in posizione leggermente rialzata e, soprattutto, non più indipendente bensì incluso in un deflettore d’aria, che punta a migliorare l’aerodinamica sulle ruote anteriori. Da notare, infine, il cofano, che ora presenta delle nervature molto più accattivanti e nette.

Passando alla fiancata, notiamo immediatamente uno stile leggermente più filante e aerodinamico. Questo è particolarmente evidente nella zona dei cristalli, il cui aspetto è reso ancora più aggressivo dalla cornice cromata che ora racchiude tutto l’elemento. Le linee della fiancata sono state sotto molti aspetti confermate, anche se ora si fondono molto meglio con la struttura generale dell’auto. Vi è solo una nervatura completamente nuova, immediatamente sotto gli specchietti retrovisori, resa più sportiva dalla presenza di una decorazione cromata. Completano il quadro i cerchi in lega, disponibili in diametri dai 15 ai 17 pollici.
Anche il posteriore, seppur molto somigliante ad un primo sguardo, è stato modificato in maniera netta. Soprattutto nella zona inferiore il passo avanti è evidente, con il fascione ora completamente coperto dalla carrozzeria fino al confine del diffusore, che include il terminale di scarico ovale. Forse questa è la scelta che, a nostro modo di vedere, più di ogni altra svecchia il look della vettura. La targa si trova ora in posizione rialzata, in una nicchia apposita. Anche i gruppi ottici sono cambiati leggermente, con un elemento allungato nella parte superiore del faro che rimanda con la mente alle stesse luci anteriori. Il portellone è rimasto quasi invariato, con una nuova apertura e il nome della gamma ben evidente sotto al logo. Sono disponibili infine tre nuovi colori per la carrozzeria: arancione Orange Valencia, Blu Celadon e bronzo Brun Vision.

Gli interni della nuova Renault Clio 2019: qui cambia tutto

Se gli esterni della nuova Renault Clio 2019 sono parenti stretti della sua quarta generazione, gli interni sono cambiati completamente. La casa della Losanga ha voluto seguire la filosofia di design che ha caratterizzato soprattutto le prime tre generazioni della gamma, ovvero il livello di qualità e design che sarebbero proprie di vetture di segmento molto più alto, come Mégane ed Espace. Spesso queste parole pronunciate dalle case auto hanno una valenza più di marketing che di descrizione reale, ma in questa Clio dobbiamo ricredervi. È davvero cambiato tutto, a cominciare dal sistema di infotainment centrale. Questo ora è lo stesso che avevamo già visto e apprezzato sulla Espace, disponibile in due diverse misure (da 7 e da 9,3 pollici), con e senza navigatore (in questo caso solo da 7”) e ovviamente sempre compatibile in tutte le versioni con Apple CarPlay e Android Auto, per quanto anche il software Easy Link della casa si conferma su ottimi livelli, grazie ai servizi forniti in collaborazione con Google e TomTom. Notevole il cambiamento effettuato anche sul volante, ora decisamente più sottile e moderno nello stile. Davanti a questo, inoltre, troviamo un nuovo debutto, ovvero il quadro comandi completamente digitale, disponibile in misure da 7 e da 10 pollici (quest’ultima è l’unica che offre la possibilità di mostrare la mappa del navigatore). Completamente rivoluzionate anche le prese d’aria del condizionatore, che passano da un design più arrotondato ad uno più squadrato e moderno, particolarmente esaltato nel caso si scelga di arricchire l’abitacolo con i pannelli colorati a contrasto. In generale Renault ha alzato il tiro per quanto riguarda la qualità percepita e il comfort. I sedili sono ora più piacevoli alla vista e al tatto, con una forma più contenitiva rispetto al passato. L’ambiente (con un effetto diretto anche sulla mappatura del motore) è illuminato con apposite luci ambient, modificabili a seconda che si scelga la modalità di guida Eco, quella Sport o la MySense (predefinita e personalizzabile). Gli allestimenti disponibili sono cinque (sei se contiamo anche il Business riservato alle flotte): l’entry level Life, lo Zen, l’Intens, lo speciale R.S. Line (Renault Sport, che sostituirà progressivamente il GT Line) e il top di gamma Initiale Paris. Buono infine lo spazio a disposizione, con il bagagliaio che grazie alle sue forme più squadrate parte da 391 litri di capienza.

I motori della nuova Renault Clio 2019: benzina, diesel e GPL, ma tra un anno arriva l’ibrido

Come spesso accade, alcuni dei cambiamenti più grandi della nuova Renault Clio 2019 sono nascosti all’occhio. Parliamo della piattaforma, ad esempio: la Clio di quinta generazione porta infatti al debutto la nuova CMF-B, modulare e già pronta per l’elettrificazione, sviluppata in condivisione all’interno dell’Alleanza con Nissan e Mitsubishi. Questa piattaforma porta diversi vantaggi, tra cui un risparmio di peso di circa 50 kg, ma soprattutto permetterà nel 2020 alla Clio di entrare nel mondo elettrificato, con il debutto della meccanica ibrida E-Tech (della quale ancora non conosciamo le caratteristiche nel dettaglio, anche se sappiamo che avrà un’autonomia tra i 3 e i 5 km solo in elettrico e promette in città di usare il motore a zero emissioni per l’80% del tempo). Per ora, comunque, sarà presenta una gamma di benzina e diesel particolarmente ricca e in alcuni casi inedita. Tra i primi, non si può non citare il piccolissimo SCe, declinato in due livelli di potenza da 65 e 75 Cv. Si tratta di un tre cilindri aspirato con cambio manuale a cinque marce, che nella sua versione più ridotta potrà essere interessante per i neopatentati. Alzando il tiro si arriva al TCe da 100 Cv di Penza, anche lui tre cilindri, ma con un turbocompressore in più e 160 Nm di coppia, il che equivale a 10 Cv e 20 Nm in più rispetto al TCe che va a sostituire. Questo motore, tra l’altro, si pone come ideale tra prestazioni ed emissioni, in quanto tocca perfettamente i 100 g/km di CO2 nel ciclo misto WLTP. Su questo, tra l’altro, debutterà in data da destinarsi anche il nuovo cambio automatico X-Tronic. Infine abbiamo il top di gamma TCe da 130 Cv con FAP, che può vantare una coppia da 240 Nm e, soprattutto, il cambio automatico EDC a 7 rapporti (eventualmente disponibile anche con paddle al volante). I diesel sono comunque rimasti in gamma, con il Blue dCi disponibile in due versioni: da 85 Cv e 220 Nm e, infine, da 115 Cv e 260 Nm. Entrambe queste configurazioni possono essere associate anche al cambio automatico a sei rapporti.

Come va la nuova Renault Clio 2019?

Anche se per ora l’abbiamo tenuta in mano solo poche ore, la nuova Renault Clio 2019 ci ha restituito delle buone sensazioni. Il nostro test si è svolto principalmente sulla motorizzazione TCe da 130 Cv, in assoluto la più scattante e divertente. Il cambio EDC a sette rapporti si comporta molto bene, con delle cambiate estremamente fluide e ben calibrate. Buone anche le sospensioni, che definiremmo morbide al punto giusto, senza eccedere in una rigidità sportiva che su quest’auto forse sarebbe stata fuori luogo. Il TCe da 100 Cv è decisamente più tranquillo e adatto alla vita quotidiana (non è un caso che questa versione con allestimento Zen sia il modello di punta della casa francese in Italia). Non avrà la brillantezza del 130 Cv, ma se la cava ugualmente. Peccato solamente per il cambio manuale a sole cinque marce, ma la casa rimedierà presto con l’arrivo dell’X-Tronic e anche con l’introduzione dell’alimentazione GPL.
Ovviamente la Clio è equipaggiabile a seconda dell’allestimento di diversi sistemi di aiuto alla guida, che la casa francese riassume sotto il nome commerciale di Renault Easy Drive. Qui troviamo ad esempio il cruise control adattivo con sistema Stop & Go, che consente in caso di traffico congestionato di fermarsi automaticamente e di ripartire (senza input entro i 3 secondi, con input entro i 30 secondi). A questo si associa anche il sistema di controllo di corsia, che può essere sia solamente acustico che attivo con micro correzioni sul volante. Non manca tra l’altro il comodissimo sistema di parcheggio automatico (con videocamera a 360° e per la retromarcia), compatibile sia con soste parallele che perpendicolari e a spina di pesce. Ovviamente aggiungere questi elementi farà lievitare il prezzo, ma la loro presenza rende ufficialmente la nuova Renault Clio 2019 una delle vetture più moderne e tecnologiche del suo segmento di riferimento.

La nuova Renault Clio 2019 sarà in vendita a partire dal prossimo settembre ad un prezzo di listino che partirà da 14.400 €. Per la fase di lancio ci sarà anche l’edizione limitata Edition One in soli 500 esemplari, particolarmente ricca ed elaborata, ad un prezzo di 20.750 €.

Nuova Renault Clio 2019: design evoluto, abitacolo e motori rivoluzionati [VIDEO TEST DRIVE]
4 (80%) 16 votes
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati