WP_Post Object ( [ID] => 637359 [post_author] => 87 [post_date] => 2019-06-18 15:53:57 [post_date_gmt] => 2019-06-18 13:53:57 [post_content] => Dopo la Vanquish, la Vantage e la Valkyrie prosegue la tradizione Aston Martin di battezzare le proprie vetture con la lettera V. L’ultima auto che la Casa inglese nominerà con questa iniziale è la Valhalla, precedentemente conosciuta come AM – RB 003. L’annuncio ufficiale è arrivato nella giornata odierna dal CEO di Aston Martin, Andy Palmenr. La Valhalla sarà la terza hypercar a motore centrale nella storia di Aston Martin e si affiancherà alla Valkyrie ed alla Valkyrie AMR Pro. Lo sviluppo della vettura, mostrata in anteprima in veste di prototipo al Salone di Ginevra 2019 con il nome in codice AM - RB 003, avverrà in collaborazione con la Red Bull Advanced Technologies e lo studio dell’aerodinamica sarà effettuato da una firma prestigiosa come quella di Adrian Newey.   L'aerodinamica guida il design Proprio come già visto sulla Valkyrie, anche sulla Aston Martin Valhalla il design sarà dettato dalle regole aerodinamiche. Il look della vettura si ispira ai prototipi del WEC e presenta un muso alto ed un diffusore posteriore pronunciato la cui funzione è quella di far transitare il maggior quantitativo di aria possibile sotto il fondo per sfruttare al massimo l’effetto suolo. Senze precedenti la soluzione denominata FlexFoil e studiata in collaborazione con la Nasa. Tramite questo sistema, utilizzato per la prima su una vettura di serie, l’ala posteriore si flette ad alta velocità aumentando così il caricico aerodinamico. Il cuore pulsante della vettura sarà un V6 biturbo ibrido. La Casa inglese non ha ancora comunicato i dati ufficiali, ma certamente le performance saranno mozzafiato. Saranno soltanto 500 gli esemplari della Aston Martin Valhalla in vendita ad un prezzo di circa 1 milione di sterline. In occasione della comunicazione ufficiale del nome, il CEO di Aston Martin, Andy Palmer, ha dichiarato: “Ogni nome di un modello della Aston Martin attira sempre molto interesse, e questo perché riesce a catturare una emozione o raccontare una storia. La mitologia norvegese continene un linguaggio così potente e ricco di storia che ci è sembrato coerente battezzare con questo nome la vettura nata dopo la Valkyrie”. [post_title] => Aston Martin: la AM-RB 003 si chiamerà Valhalla [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => aston-martin-la-003-si-chiamera-valhalla [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-06-18 15:53:57 [post_modified_gmt] => 2019-06-18 13:53:57 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=637359 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Aston Martin: la AM-RB 003 si chiamerà Valhalla

Svelato il nome della baby Valkyrie

La Casa inglese ha proseguito nella tradizione di battezzare con la lettera V le sue vetture. La hypercar a motore centrale proporrà soluzioni aerodinamiche innovative.

Dopo la Vanquish, la Vantage e la Valkyrie prosegue la tradizione Aston Martin di battezzare le proprie vetture con la lettera V. L’ultima auto che la Casa inglese nominerà con questa iniziale è la Valhalla, precedentemente conosciuta come AM – RB 003.

L’annuncio ufficiale è arrivato nella giornata odierna dal CEO di Aston Martin, Andy Palmenr. La Valhalla sarà la terza hypercar a motore centrale nella storia di Aston Martin e si affiancherà alla Valkyrie ed alla Valkyrie AMR Pro. Lo sviluppo della vettura, mostrata in anteprima in veste di prototipo al Salone di Ginevra 2019 con il nome in codice AM – RB 003, avverrà in collaborazione con la Red Bull Advanced Technologies e lo studio dell’aerodinamica sarà effettuato da una firma prestigiosa come quella di Adrian Newey.

 

L’aerodinamica guida il design

Proprio come già visto sulla Valkyrie, anche sulla Aston Martin Valhalla il design sarà dettato dalle regole aerodinamiche. Il look della vettura si ispira ai prototipi del WEC e presenta un muso alto ed un diffusore posteriore pronunciato la cui funzione è quella di far transitare il maggior quantitativo di aria possibile sotto il fondo per sfruttare al massimo l’effetto suolo.

Senze precedenti la soluzione denominata FlexFoil e studiata in collaborazione con la Nasa. Tramite questo sistema, utilizzato per la prima su una vettura di serie, l’ala posteriore si flette ad alta velocità aumentando così il caricico aerodinamico.

Il cuore pulsante della vettura sarà un V6 biturbo ibrido. La Casa inglese non ha ancora comunicato i dati ufficiali, ma certamente le performance saranno mozzafiato.

Saranno soltanto 500 gli esemplari della Aston Martin Valhalla in vendita ad un prezzo di circa 1 milione di sterline. In occasione della comunicazione ufficiale del nome, il CEO di Aston Martin, Andy Palmer, ha dichiarato: “Ogni nome di un modello della Aston Martin attira sempre molto interesse, e questo perché riesce a catturare una emozione o raccontare una storia. La mitologia norvegese continene un linguaggio così potente e ricco di storia che ci è sembrato coerente battezzare con questo nome la vettura nata dopo la Valkyrie”.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati