WP_Post Object ( [ID] => 638786 [post_author] => 70 [post_date] => 2019-06-22 11:00:38 [post_date_gmt] => 2019-06-22 09:00:38 [post_content] => Renault Trafic e Master si rinnovano. I due veicoli commerciali migliorano sia dal punto di vista tecnologico che tecnico, per continuare ad essere modelli di successo del marchio della Losanga. Infatti, il 2018 ha visto una crescita del 34% della vendita dei veicoli commerciali a livello mondiale, arrivando a quota 620.000 immatricolazioni, con un ottimo avvio anche del 2019. La casa transalpina presenta questa doppia novità, il cui lancio commerciale in Italia avverrà nel prossimo mese di settembre, che abbiamo avuto l’occasione di provare in anteprima in Portogallo, sulle strade nei dintorni di Lisbona, tra Cascais e Cabo de Roca. Un percorso misto, in cui non sono mancate anche un po’ di salite, dove poter avere un primo assaggio di questi veicoli.

Renault Trafic: come si rinnova il furgone medio

Il Renault Trafic è il furgone medio della casa della Losanga, con oltre due milioni di vendite dall’uscita della prima generazione nel 1980, ed ora è stato rinnovato sia nel design che nei contenuti. Il frontale è stato quasi completamente ridisegnato, con i nuovi proiettori con firma luminosa a LED e maggiori cromature, mentre entrando nell’abitacolo c’è una maggiore qualità generale, con il colore grigio carbonio a spiccare ed una nuova leva del cambio. La tecnologia è un tema chiave di questa nuova generazione, sia per la presenza dei sistemi multimediali R-Link e Medialink Evolution, con la compatibilità con gli smartphone grazie ad Apple CarPlay ed Android Auto, sia per i sistemi di assistenza alla guida, in cui l’aiuto al parcheggio è un’aggiunta di rilievo. In un furgone, il carico è il tema fondamentale: è stata ottimizzata l’illuminazione del vano di carico, è stata introdotta una serratura più sicura e la capacità arriva ad un volume di 8,6 metri cubi e fino a 4,15 metri di lunghezza. Le motorizzazioni hanno fatto un passo avanti, con ora disponibile il nuovo motore 2.0 diesel con tre potenze: 120, 145 o 170 cavalli ed una coppia che arriva fino a 380 Nm, per garantire un maggiore spunto, con consumi ridotti. E’ rimasto anche il motore d’ingresso 1.6 da 95 cavalli, mentre la grande novità è l’introduzione del nuovo cambio automatico EDC6. Un miglioramento per la fluidità di guida ed anche per il comfort. Ed entro il 2022 sarà anche elettrico.

Renault Trafic SpaceClass: la prova del salotto Vip mobile

La versione top di gamma e dedicata al trasporto persone è lo SpaceClass ed è il modello su cui abbiamo potuto metterci al volante, sulle strade tra Cascais e Lisbona. Rispetto alla versione base, si nota immediatamente, anche a livello estetico, grazie ai cerchi diamantati, poi entrando nell’abitacolo la selleria è di qualità superiore ed è presente anche il volante in pelle. Infatti, si può viaggiare davvero con grande comodità, pensando anche a chi deve stare al volante per molte ore consecutive, con una seduta confortevole ed una giusta posizione di guida facile da trovare. Il Renault Trafic SpaceClass è un vero e proprio ‘salotto Vip’ mobile, visto l’ampio spazio per i passeggeri posteriori (fino a 9 posti complessivi), dove sono presenti anche il tavolino e le prese di ricarica per i proprio smartphone o tablet, in modo da poter lavorare o potersi svagare, a seconda del motivo per cui si sta affrontando il viaggio. Il modello da noi provato era spinto dal motore 2.0 diesel Energy dCi 160, appunto con 160 cavalli di potenza. Il propulsore è apparso vivace e con una buona brillantezza, sempre in rapporto al tipo di veicolo guidato, così come lo sterzo è preciso e permette di viaggiare quasi si fosse al volante di un’automobile. Il nuovo cambio EDC6 consente di avere un maggiore comfort di viaggio, seppur le cambiate non siano sempre così immediate, mentre il posizionamento del navigatore (un po’ piccolo nello schermo) non è ideale ed obbliga a distogliere un po’ lo sguardo davanti per osservarlo.

Il rinnovamento del Renault Master

Come dicevamo, il rinnovamento riguarda anche il Renault Master, il furgone pesante e dedicato esclusivamente al lavoro della Losanga. Prodotto a Batilly (Francia) per il mercato continentale, questo modello propone qualche novità anche dal punto di vista estetico, con una configurazione più robusta, la nuova calandra verticale, una linea del cofano rialzata ed, anche in questo caso, la firma luminosa LED a forma di C. Per quanto riguarda l’abitacolo, il nuovo Master propone un nuovo cruscotto in grigio carbonio, con inserti cromati, il sistema Media Nav, compatibile con Android Auto ed Apple CarPlay, così come sono presenti i nuovi tavolini ‘Easy Life’, molto pratici per poter appoggiare computer o altri strumenti di lavoro, mentre si è a bordo. E’ presenta la ricarica ad induzione per gli smartphone e cassetti portaoggetti con una capienza fino a 105 litri. L’introduzione di cinque nuovi sistemi di assistenza alla guida (frenata automatica d’emergenza, retrocamera posteriore, front park assist, side wind assist per vento laterale e monitoraggio dell’angolo cieco) rendono più sicura la marcia, mentre per quanto riguarda il vano di carico è stata ottimizzata con una nuova illuminazione interna a LED ed è stata rivisitata la soglia di carico, per un carico da 8 a 22 metri cubi di volume. Novità anche per quanto riguarda i motori, con il 2.3 diesel Twin Turbo Euro 6d-Temp, con potenze da 135 a 180 cavalli ed una coppia fino a 400 Nm. Inoltre, è disponibile anche la versione 100% elettrica, con motore a zero emissioni da 57 kW per le consegne dell’ultimo miglio.

Al volante del Renault Master 2.3 da 180 CV

Abbiamo potuto provare la versione con motore da 180 cavalli e 400 Nm di coppia, arrivando fino a Cabo de Roca. Rispetto al Trafic si guida più in ‘stile furgone’, come comprensibile, visto il peso ed anche una ‘zavorra’ di 640 chilogrammi di carico, pur restando comunque un mezzo su cui si può avere un buon comfort di guida, grazie ad uno sterzo preciso e ad una trasmissione manuale a sei rapporti che risponde bene alle cambiate. La frenata è un po’ più lunga, facendo un po’ sentire il peso, ma il Renault Master si è comportato bene nei tratti di salita, non affaticandosi e riuscendo ad effettuare il tragitto con buona fluidità e senza andare in sofferenza. Insomma, un mezzo adatto a chi lo utilizza per lavoro sia in città che su strade anche di collina o montagna.

Renault Trafic e Master: prezzi e informazioni Italia

Chiudiamo con le informazioni per il mercato italiano, dove il lancio arriverà il prossimo mese di settembre ed i due mezzi saranno disponibili negli allestimenti Ice ed Ice Plus. Quest’ultima aggiunge, all’equipaggiamento base, i fari fendinebbia, il media Nav, la parking camera con i sensori di parcheggio ed il wide view Mirror. I prezzi partono da 24.330 euro per il Trafic, nella versione Ice dCi 96 CV, mentre il Master ha un costo di partenza pari a 25.900 euro per la versione Ice dCi 135. [post_title] => Renault Trafic e Master: al lavoro sulle strade portoghesi [TEST DRIVE] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => renault-trafic-master-prova-prezzi-motori-allestimenti-carico [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-06-22 11:00:38 [post_modified_gmt] => 2019-06-22 09:00:38 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=638786 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Renault Trafic e Master: al lavoro sulle strade portoghesi [TEST DRIVE]

La prova tra Cascais e Lisbona dei nuovi veicoli commerciali

Renault Trafic e Master si sono rinnovati, con l'arrivo della nuova generazione. Abbiamo avuto l'occasione di provarli sulle strade nei dintorni di Lisbona, mettendoci al volante anche della versione top di gamma SpaceClass.

Renault Trafic e Master si rinnovano. I due veicoli commerciali migliorano sia dal punto di vista tecnologico che tecnico, per continuare ad essere modelli di successo del marchio della Losanga. Infatti, il 2018 ha visto una crescita del 34% della vendita dei veicoli commerciali a livello mondiale, arrivando a quota 620.000 immatricolazioni, con un ottimo avvio anche del 2019.

La casa transalpina presenta questa doppia novità, il cui lancio commerciale in Italia avverrà nel prossimo mese di settembre, che abbiamo avuto l’occasione di provare in anteprima in Portogallo, sulle strade nei dintorni di Lisbona, tra Cascais e Cabo de Roca. Un percorso misto, in cui non sono mancate anche un po’ di salite, dove poter avere un primo assaggio di questi veicoli.

Renault Trafic: come si rinnova il furgone medio

Il Renault Trafic è il furgone medio della casa della Losanga, con oltre due milioni di vendite dall’uscita della prima generazione nel 1980, ed ora è stato rinnovato sia nel design che nei contenuti. Il frontale è stato quasi completamente ridisegnato, con i nuovi proiettori con firma luminosa a LED e maggiori cromature, mentre entrando nell’abitacolo c’è una maggiore qualità generale, con il colore grigio carbonio a spiccare ed una nuova leva del cambio.

La tecnologia è un tema chiave di questa nuova generazione, sia per la presenza dei sistemi multimediali R-Link e Medialink Evolution, con la compatibilità con gli smartphone grazie ad Apple CarPlay ed Android Auto, sia per i sistemi di assistenza alla guida, in cui l’aiuto al parcheggio è un’aggiunta di rilievo. In un furgone, il carico è il tema fondamentale: è stata ottimizzata l’illuminazione del vano di carico, è stata introdotta una serratura più sicura e la capacità arriva ad un volume di 8,6 metri cubi e fino a 4,15 metri di lunghezza.

Le motorizzazioni hanno fatto un passo avanti, con ora disponibile il nuovo motore 2.0 diesel con tre potenze: 120, 145 o 170 cavalli ed una coppia che arriva fino a 380 Nm, per garantire un maggiore spunto, con consumi ridotti. E’ rimasto anche il motore d’ingresso 1.6 da 95 cavalli, mentre la grande novità è l’introduzione del nuovo cambio automatico EDC6. Un miglioramento per la fluidità di guida ed anche per il comfort. Ed entro il 2022 sarà anche elettrico.

Renault Trafic SpaceClass: la prova del salotto Vip mobile

La versione top di gamma e dedicata al trasporto persone è lo SpaceClass ed è il modello su cui abbiamo potuto metterci al volante, sulle strade tra Cascais e Lisbona. Rispetto alla versione base, si nota immediatamente, anche a livello estetico, grazie ai cerchi diamantati, poi entrando nell’abitacolo la selleria è di qualità superiore ed è presente anche il volante in pelle. Infatti, si può viaggiare davvero con grande comodità, pensando anche a chi deve stare al volante per molte ore consecutive, con una seduta confortevole ed una giusta posizione di guida facile da trovare.

Il Renault Trafic SpaceClass è un vero e proprio ‘salotto Vip’ mobile, visto l’ampio spazio per i passeggeri posteriori (fino a 9 posti complessivi), dove sono presenti anche il tavolino e le prese di ricarica per i proprio smartphone o tablet, in modo da poter lavorare o potersi svagare, a seconda del motivo per cui si sta affrontando il viaggio.

Il modello da noi provato era spinto dal motore 2.0 diesel Energy dCi 160, appunto con 160 cavalli di potenza. Il propulsore è apparso vivace e con una buona brillantezza, sempre in rapporto al tipo di veicolo guidato, così come lo sterzo è preciso e permette di viaggiare quasi si fosse al volante di un’automobile. Il nuovo cambio EDC6 consente di avere un maggiore comfort di viaggio, seppur le cambiate non siano sempre così immediate, mentre il posizionamento del navigatore (un po’ piccolo nello schermo) non è ideale ed obbliga a distogliere un po’ lo sguardo davanti per osservarlo.

Il rinnovamento del Renault Master

Come dicevamo, il rinnovamento riguarda anche il Renault Master, il furgone pesante e dedicato esclusivamente al lavoro della Losanga. Prodotto a Batilly (Francia) per il mercato continentale, questo modello propone qualche novità anche dal punto di vista estetico, con una configurazione più robusta, la nuova calandra verticale, una linea del cofano rialzata ed, anche in questo caso, la firma luminosa LED a forma di C.

Per quanto riguarda l’abitacolo, il nuovo Master propone un nuovo cruscotto in grigio carbonio, con inserti cromati, il sistema Media Nav, compatibile con Android Auto ed Apple CarPlay, così come sono presenti i nuovi tavolini ‘Easy Life’, molto pratici per poter appoggiare computer o altri strumenti di lavoro, mentre si è a bordo. E’ presenta la ricarica ad induzione per gli smartphone e cassetti portaoggetti con una capienza fino a 105 litri.

L’introduzione di cinque nuovi sistemi di assistenza alla guida (frenata automatica d’emergenza, retrocamera posteriore, front park assist, side wind assist per vento laterale e monitoraggio dell’angolo cieco) rendono più sicura la marcia, mentre per quanto riguarda il vano di carico è stata ottimizzata con una nuova illuminazione interna a LED ed è stata rivisitata la soglia di carico, per un carico da 8 a 22 metri cubi di volume.

Novità anche per quanto riguarda i motori, con il 2.3 diesel Twin Turbo Euro 6d-Temp, con potenze da 135 a 180 cavalli ed una coppia fino a 400 Nm. Inoltre, è disponibile anche la versione 100% elettrica, con motore a zero emissioni da 57 kW per le consegne dell’ultimo miglio.

Al volante del Renault Master 2.3 da 180 CV

Abbiamo potuto provare la versione con motore da 180 cavalli e 400 Nm di coppia, arrivando fino a Cabo de Roca. Rispetto al Trafic si guida più in ‘stile furgone’, come comprensibile, visto il peso ed anche una ‘zavorra’ di 640 chilogrammi di carico, pur restando comunque un mezzo su cui si può avere un buon comfort di guida, grazie ad uno sterzo preciso e ad una trasmissione manuale a sei rapporti che risponde bene alle cambiate.

La frenata è un po’ più lunga, facendo un po’ sentire il peso, ma il Renault Master si è comportato bene nei tratti di salita, non affaticandosi e riuscendo ad effettuare il tragitto con buona fluidità e senza andare in sofferenza. Insomma, un mezzo adatto a chi lo utilizza per lavoro sia in città che su strade anche di collina o montagna.

Renault Trafic e Master: prezzi e informazioni Italia

Chiudiamo con le informazioni per il mercato italiano, dove il lancio arriverà il prossimo mese di settembre ed i due mezzi saranno disponibili negli allestimenti Ice ed Ice Plus. Quest’ultima aggiunge, all’equipaggiamento base, i fari fendinebbia, il media Nav, la parking camera con i sensori di parcheggio ed il wide view Mirror.

I prezzi partono da 24.330 euro per il Trafic, nella versione Ice dCi 96 CV, mentre il Master ha un costo di partenza pari a 25.900 euro per la versione Ice dCi 135.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Veicoli commerciali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati