WP_Post Object ( [ID] => 635091 [post_author] => 18 [post_date] => 2019-07-01 12:28:51 [post_date_gmt] => 2019-07-01 10:28:51 [post_content] => Mercedes Classe C AMG.Tre semplici lettere che ormai, nell’immaginario di tutti, si traducono immediatamente in prestazioni, adrenalina ma anche lusso ed esclusività. Una regola aurea cui non si sottrae – e non potrebbe essere altrimenti – neanche questa Mercedes C 43 AMG 4Matic, che pur sarebbe “la piccolina” della gamma, alla quale si affiancano la C63 da 476 Cv e la mostruosa C63 S da addirittura 510 Cv. Ciò non toglie che nel caso della "43" i cavalli siano comunque una valanga (390, ca va sans dire), ben sufficienti a renderla una straordinaria granturismo con prestazioni praticamente da supercar.

Design e Interni: [xrr rating=4.5/5]

Sportività ed eleganza si fondono in un mix perfettamente riuscito Rispetto al passato, in cui la “Classe C Coupè” manteneva un legame piuttosto marcato con la berlina di derivazione (anche dal punto di vista della dinamica), l’attuale W205 ha voluto accentuare i tratti sportivi, distaccandosi in maniera più netta dalla sedan. A partire, e non potrebbe essere altrimenti, dalle linee della coda. Spiovente, affusolata, con il lunotto decisamente avvolgente, sono tutti tratti capaci di renderla subito riconoscibile tra mille. Insomma, per chi era ormai assuefatto ai tratti rigorosi e lineari delle Mercedes del recente passato, con questa C Coupè trova oggi delle linee audaci e della forte personalità. A ciò si aggiunge la caratterizzazione estetica by “AMG”, sempre presente ma mai eccessiva o volgare. I segnali che trattasi, appunto, di una versione “speciale”, ci sono tutti. Prese d’aria maggiorate all’anteriore ed ai lati del paraurti, freni a disco forati, i grossi cerchi da 19” che al posteriore poggiano sulle generossissime gomme da 255/35, l’immancabile scarico a quattro uscite cui si accompagnano l’estrattore e lo spoiler posteriore. Insomma, con questa vettura non si corre il rischio di passare inosservati, ma lo si fa comunque con classe (pardon, con "Classe C") e stile. Interni: nonostante la caratterizzazione in chiave sportiva, resta comunque un bel salottino Come l’esterno, anche l’abitacolo è uno squisito mix tra la raffinatezza che ogni Mercedes deve avere e la sportività che non può mai mancare quando si ha a che fare con una AMG. Sportività che passa innanzitutto dal sedile, basso, sagomato e contenitivo come si addice ad una vettura di quasi 400 Cv, nonché dallo splendido volante AMG, molto sagomato e piacevolissimo da impugnare. Per il resto, troviamo la “solita” (e menomale, verrebbe da dire) Classe C, con il tunnel centrale molto alto e dimensionato, ma estremante pulito nelle sue forme. I tasti fisici sono pochi – giusto gli essenziali – perché il resto del sistema di infotainment lo si comanda con gli impulsi sul touchpad dotato di feedback aptico. Una volta presa la giusta confidenza, il sistema risulta semplice ed intuitivo nonché ricchissimo di funzioni. La digitalizzazione e la connettività “totale” prevede anche il display da 10,25 pollici al centro della plancia cui si affianca il quadro strumenti da 12,3, le cui grafiche sono personalizzabili secondo tre diversi temi. Insomma, tecnologia, sportività, ma la C Coupè, come ogni granturismo che si rispetti, riesce anche coccolare gli occupanti. Pure chi siede dietro, tutto sommato, può godere di spazio a sufficienza, anche se per accedere al divano posteriore ci vuole un po’ di agilità. Non male, infine, la capacità di carico del bagagliaio grazie ai suoi 400 litri.

Comportamento su Strada: [xrr rating=4.5/5]

Grazie all'elettronica, è come avere più auto in una. Gran viaggiatrice ma al tempo stesso sportiva graffiante Da ogni vettura a marchio Mercedes che passa per le cure della divisione sportiva AMG ci si aspetta anzitutto emozioni. La C 43 AMG in prova, però, è la versione “2.0” rispetto alle vecchie AMG del passato, caratterizzate dagli enormi e poderosi 8 cilindri, con cui era praticamente impossibile resistere alla tentazione di affrontare ogni curva a ruote fumanti. Nel caso di questa C 43 AMG, complice la trazione integrale 4Matic, a prevalere è una straordinaria efficacia di guida. Tenuta e grip sono spaventosi e così, nonostante la lunghezza di 470 cm ed il peso di 1700 kg, la C 43 AMG riesce ad essere una spada tra le curve, i cui limiti sono praticamente impossibili da raggiungere (su strada, quantomeno). In percorrenza, tantissimo appoggio, ed in uscita un grip capace di scaricare a terra tutta la cavalleria senza fare un plissé. Insomma, si esce come una fionda senza che la vettura si scomponga mai, neanche quando si escludono i controlli elettronici. Parte del coinvolgimento alla guida passa ovviamente dallo sterzo, tendenzialmente leggero nel carico ma comunque pronto a trasmettere tutto ciò che accade alle ruote anteriori. Ma la C 43 AMG è una granturismo vera, e quindi riesce anche ad essere un’eccellente compagna di viaggio. Miracoli dell’elettronica, che consente praticamente di avere più auto in una. Disattivata la modalità sportiva, il confort di marcia è assolutamente paragonabile a quello di una normalissima C 200 d, con i chilometri che scorrono via leggeri, grazie anche all’infinita lista di adas, che rendono la vettura molto vicina al concetto di guida autonoma. In autostrada, a conti fatti, la C 43 AMG è (già) in grado di fare tutto da sé, ed è soltanto per un senso di auto-responsabilità del cervellone elettronico che il guidatore viene subito invitato a “riprendere” il controllo della vettura quando si lascia fare tutto all'elettronica, per troppo tempo.

Motore e Prestazioni: [xrr rating=5/5]

Esuberante e con una spinta che sembra infinita Dicevamo dei V8 appunto. Oggi sono un ricordo. I limiti sempre più stringenti in tema di emissioni, il downsizing e quant’altro hanno portato sempre più alla diffusione – anche tra le sportive – di motori di cubatura più piccola, ma capaci di regalare altrettanta potenza grazie alla sovralimentazione. Nel caso di questa C 43 AMG, i cavalli del 3.0 sei cilindri a V di 90°, sono ben 390 Cv. Bastano e avanzano per polverizzare lo 0-100 km/h in appena 4.7 secondi, portando la vettura alla velocità massima di 250 km/h (limitata elettronicamente). Ad impressionare è anche la coppia, di 520 Nm, disponibile in gran quantità a qualsiasi regime di rotazione. Gagliardo in basso, il 3.0 ha anche il grande pregio di allungare fino alla zona rossa con una verve non comune tra i motori turbocompressi. Soprattutto nelle marce basse, non è poi così infrequente ritrovarsi a picchiare contro il limitatore. Gran bella goduria. Il motore, peraltro, si sposa alla perfezione con la trasmissione AMG SpeedShift TCT a 9 rapporti. Un doppia frizione capace di regalare una straordinaria versatilità alla vettura. Cattivo e fulmineo quando si cerca la prestazione, morbido e fluido nella guida rilassata. I paddle al volante, per selezionare manualmente i rapporti, ci sarebbero piaciuti un filo più dimensionati.

Consumi e Costi: [xrr rating=3.5/5]

Rispetto ai vecchi "8" aspirati, sembra addirittura parsimoniosa Si ritorna, ancora una volta, al tema V8. Se con i vecchi maxi plurifrazionati aspirati era impossibile realizzare percorrenze civili, il 3.0 V6 turbocompresso, in frangenti di guida “rilassata”, consente invece percorrenze da vettura di buon padre di famiglia. Ad esempio, a 130 km/h di cruise, si è tranquillamente sopra la soglia psicologica dei 10 km/lt. Certo, come in tutti i motori sportivi, basta dare sfogo ai 390 Cv e la musica (non solo quella degli scarichi) cambia in modo esponenziale. A fonte dell’esclusività e dell’immagine che restituisce la vettura, i circa 79.000€ del prezzo di listino non sembrano neanche una cifra troppo esorbitante. Come in tutte le vetture premium, però, occhio all’infinita lista degli optional, perché lasciandosi prendere la mano è un attimo aggiungere altri 20.000€ al conto finale. [review pros="Motore eccezionale. La C 43 AMG è una straordinaria trasformista." cons="Accessibilità al vano posteriore"]

Mercedes C Coupè 43 AMG: la Pagella di Motorionline

[xrrgroup][xrr label="Motore:" rating="5/5" group="s1" ] [xrr label="Accelerazione:" rating="5/5" group="s1" ] [xrr label="Ripresa:" rating="5/5" group="s1"] [xrr label="Cambio:" rating="4.5/5" group="s1"] [xrr label="Frenata:" rating="4.5/5" group="s1"] [xrr label="Sterzo:" rating="4.5/5" group="s1"] [xrr label="Tenuta di Strada:" rating="5/5" group="s1" ] [xrr label="Comfort:" rating="4.5/5" group="s1" ] [xrr label="Infotainment:" rating="5/5" group="s1" ] [xrr label="Abitabilità:" rating="4/5" group="s1" ] [xrr label="Bagagliaio:" rating="4/5" group="s1" ] [xrr label="Posizione di guida:" rating="4.5/5" group="s1" ] [xrr label="Dotazione:" rating="4/5" group="s1" ] [xrr label="Prezzo:" rating="3.5/5" group="s1" ] [xrr label="Design:" rating="4.5/5" group="s1" ] [xrr label="Finitura" rating="5/5" group="s1" ] [xrr label="Piacere di guida:" rating="4.5/5" group="s1" ] [xrr label="Consumi:" rating="3.5/5" group="s1" ] [/xrrgroup] [post_title] => Mercedes C 43 AMG Coupè 4Matic: belva in abito da sera [PROVA SU STRADA] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => mercedes_classe_c_43_amg_prova_strada_test_drive_motore_accelerazione_prestazioni_consumi_opinioni_usata_velocita_assetto_guida_2019 [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-07-01 12:28:51 [post_modified_gmt] => 2019-07-01 10:28:51 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=635091 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Mercedes C 43 AMG Coupè 4Matic: belva in abito da sera [PROVA SU STRADA]

Vera granturismo, ma con artigli ben affilati

La Mercedes C 43 AMG, sulla carta, dovrebbe essere "la piccolina" tra le Classe C griffate AMG. In realtà, potenza e prestazioni sono quelle di una vera supercar, senza però rinunciare ad un comfort di marcia che fa sentire coccolati chilometro dopo chilometro. Insomma, sportività che fa rima con versatilità

Mercedes Classe C AMG.Tre semplici lettere che ormai, nell’immaginario di tutti, si traducono immediatamente in prestazioni, adrenalina ma anche lusso ed esclusività. Una regola aurea cui non si sottrae – e non potrebbe essere altrimenti – neanche questa Mercedes C 43 AMG 4Matic, che pur sarebbe “la piccolina” della gamma, alla quale si affiancano la C63 da 476 Cv e la mostruosa C63 S da addirittura 510 Cv. Ciò non toglie che nel caso della “43” i cavalli siano comunque una valanga (390, ca va sans dire), ben sufficienti a renderla una straordinaria granturismo con prestazioni praticamente da supercar.

Design e Interni:

Rating: ★★★★½ 

Sportività ed eleganza si fondono in un mix perfettamente riuscito

Rispetto al passato, in cui la “Classe C Coupè” manteneva un legame piuttosto marcato con la berlina di derivazione (anche dal punto di vista della dinamica), l’attuale W205 ha voluto accentuare i tratti sportivi, distaccandosi in maniera più netta dalla sedan. A partire, e non potrebbe essere altrimenti, dalle linee della coda. Spiovente, affusolata, con il lunotto decisamente avvolgente, sono tutti tratti capaci di renderla subito riconoscibile tra mille. Insomma, per chi era ormai assuefatto ai tratti rigorosi e lineari delle Mercedes del recente passato, con questa C Coupè trova oggi delle linee audaci e della forte personalità. A ciò si aggiunge la caratterizzazione estetica by “AMG”, sempre presente ma mai eccessiva o volgare. I segnali che trattasi, appunto, di una versione “speciale”, ci sono tutti. Prese d’aria maggiorate all’anteriore ed ai lati del paraurti, freni a disco forati, i grossi cerchi da 19” che al posteriore poggiano sulle generossissime gomme da 255/35, l’immancabile scarico a quattro uscite cui si accompagnano l’estrattore e lo spoiler posteriore. Insomma, con questa vettura non si corre il rischio di passare inosservati, ma lo si fa comunque con classe (pardon, con “Classe C“) e stile.

Interni: nonostante la caratterizzazione in chiave sportiva, resta comunque un bel salottino

Come l’esterno, anche l’abitacolo è uno squisito mix tra la raffinatezza che ogni Mercedes deve avere e la sportività che non può mai mancare quando si ha a che fare con una AMG. Sportività che passa innanzitutto dal sedile, basso, sagomato e contenitivo come si addice ad una vettura di quasi 400 Cv, nonché dallo splendido volante AMG, molto sagomato e piacevolissimo da impugnare. Per il resto, troviamo la “solita” (e menomale, verrebbe da dire) Classe C, con il tunnel centrale molto alto e dimensionato, ma estremante pulito nelle sue forme. I tasti fisici sono pochi – giusto gli essenziali – perché il resto del sistema di infotainment lo si comanda con gli impulsi sul touchpad dotato di feedback aptico. Una volta presa la giusta confidenza, il sistema risulta semplice ed intuitivo nonché ricchissimo di funzioni. La digitalizzazione e la connettività “totale” prevede anche il display da 10,25 pollici al centro della plancia cui si affianca il quadro strumenti da 12,3, le cui grafiche sono personalizzabili secondo tre diversi temi. Insomma, tecnologia, sportività, ma la C Coupè, come ogni granturismo che si rispetti, riesce anche coccolare gli occupanti. Pure chi siede dietro, tutto sommato, può godere di spazio a sufficienza, anche se per accedere al divano posteriore ci vuole un po’ di agilità. Non male, infine, la capacità di carico del bagagliaio grazie ai suoi 400 litri.

Comportamento su Strada:

Rating: ★★★★½ 

Grazie all’elettronica, è come avere più auto in una. Gran viaggiatrice ma al tempo stesso sportiva graffiante

Da ogni vettura a marchio Mercedes che passa per le cure della divisione sportiva AMG ci si aspetta anzitutto emozioni. La C 43 AMG in prova, però, è la versione “2.0” rispetto alle vecchie AMG del passato, caratterizzate dagli enormi e poderosi 8 cilindri, con cui era praticamente impossibile resistere alla tentazione di affrontare ogni curva a ruote fumanti. Nel caso di questa C 43 AMG, complice la trazione integrale 4Matic, a prevalere è una straordinaria efficacia di guida. Tenuta e grip sono spaventosi e così, nonostante la lunghezza di 470 cm ed il peso di 1700 kg, la C 43 AMG riesce ad essere una spada tra le curve, i cui limiti sono praticamente impossibili da raggiungere (su strada, quantomeno). In percorrenza, tantissimo appoggio, ed in uscita un grip capace di scaricare a terra tutta la cavalleria senza fare un plissé. Insomma, si esce come una fionda senza che la vettura si scomponga mai, neanche quando si escludono i controlli elettronici. Parte del coinvolgimento alla guida passa ovviamente dallo sterzo, tendenzialmente leggero nel carico ma comunque pronto a trasmettere tutto ciò che accade alle ruote anteriori. Ma la C 43 AMG è una granturismo vera, e quindi riesce anche ad essere un’eccellente compagna di viaggio. Miracoli dell’elettronica, che consente praticamente di avere più auto in una. Disattivata la modalità sportiva, il confort di marcia è assolutamente paragonabile a quello di una normalissima C 200 d, con i chilometri che scorrono via leggeri, grazie anche all’infinita lista di adas, che rendono la vettura molto vicina al concetto di guida autonoma. In autostrada, a conti fatti, la C 43 AMG è (già) in grado di fare tutto da sé, ed è soltanto per un senso di auto-responsabilità del cervellone elettronico che il guidatore viene subito invitato a “riprendere” il controllo della vettura quando si lascia fare tutto all’elettronica, per troppo tempo.

Motore e Prestazioni:

Rating: ★★★★★ 

Esuberante e con una spinta che sembra infinita

Dicevamo dei V8 appunto. Oggi sono un ricordo. I limiti sempre più stringenti in tema di emissioni, il downsizing e quant’altro hanno portato sempre più alla diffusione – anche tra le sportive – di motori di cubatura più piccola, ma capaci di regalare altrettanta potenza grazie alla sovralimentazione. Nel caso di questa C 43 AMG, i cavalli del 3.0 sei cilindri a V di 90°, sono ben 390 Cv. Bastano e avanzano per polverizzare lo 0-100 km/h in appena 4.7 secondi, portando la vettura alla velocità massima di 250 km/h (limitata elettronicamente). Ad impressionare è anche la coppia, di 520 Nm, disponibile in gran quantità a qualsiasi regime di rotazione. Gagliardo in basso, il 3.0 ha anche il grande pregio di allungare fino alla zona rossa con una verve non comune tra i motori turbocompressi. Soprattutto nelle marce basse, non è poi così infrequente ritrovarsi a picchiare contro il limitatore. Gran bella goduria. Il motore, peraltro, si sposa alla perfezione con la trasmissione AMG SpeedShift TCT a 9 rapporti. Un doppia frizione capace di regalare una straordinaria versatilità alla vettura. Cattivo e fulmineo quando si cerca la prestazione, morbido e fluido nella guida rilassata. I paddle al volante, per selezionare manualmente i rapporti, ci sarebbero piaciuti un filo più dimensionati.

Consumi e Costi:

Rating: ★★★½☆ 

Rispetto ai vecchi “8” aspirati, sembra addirittura parsimoniosa

Si ritorna, ancora una volta, al tema V8. Se con i vecchi maxi plurifrazionati aspirati era impossibile realizzare percorrenze civili, il 3.0 V6 turbocompresso, in frangenti di guida “rilassata”, consente invece percorrenze da vettura di buon padre di famiglia. Ad esempio, a 130 km/h di cruise, si è tranquillamente sopra la soglia psicologica dei 10 km/lt. Certo, come in tutti i motori sportivi, basta dare sfogo ai 390 Cv e la musica (non solo quella degli scarichi) cambia in modo esponenziale. A fonte dell’esclusività e dell’immagine che restituisce la vettura, i circa 79.000€ del prezzo di listino non sembrano neanche una cifra troppo esorbitante. Come in tutte le vetture premium, però, occhio all’infinita lista degli optional, perché lasciandosi prendere la mano è un attimo aggiungere altri 20.000€ al conto finale.

Pro e Contro

Ci PiaceNon Ci Piace
Motore eccezionale. La C 43 AMG è una straordinaria trasformista.Accessibilità al vano posteriore

Mercedes C Coupè 43 AMG: la Pagella di Motorionline

Motore:★★★★★ 
Accelerazione:★★★★★ 
Ripresa:★★★★★ 
Cambio:★★★★½ 
Frenata:★★★★½ 
Sterzo:★★★★½ 
Tenuta di Strada:★★★★★ 
Comfort:★★★★½ 
Infotainment:★★★★★ 
Abitabilità:★★★★☆ 
Bagagliaio:★★★★☆ 
Posizione di guida:★★★★½ 
Dotazione:★★★★☆ 
Prezzo:★★★½☆ 
Design:★★★★½ 
Finitura★★★★★ 
Piacere di guida:★★★★½ 
Consumi:★★★½☆ 

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati