WP_Post Object ( [ID] => 642078 [post_author] => 87 [post_date] => 2019-07-04 17:25:40 [post_date_gmt] => 2019-07-04 15:25:40 [post_content] => Non poteva esserci modo migliore per festeggiare il 60° anniversario. La De Tomaso ha scelto il palcoscenico del Festival di Goodwood per presentare la vettura della rinascita, la P72. Basata sul telaio in carbonio della Apollo Intensa Emozione, la De Tomaso P72 rende omaggio alla P70 realizzata dal fondatore della Casa, Alejandro de Tomaso, e Carrol Shelby. La condivisione del telaio con la Apollo Intensa Emozione si è resa possibile grazie alla nuova proprietà del brandi, ovvero la Ideal Team Venture, identica per entrambe le Case.

Uno stile senza tempo

La De Tomaso P72 è una vettura dal design retrò che vuole omaggiare la storica antenata del 1964, la P70. Le forme sono morbide e sinuose, tipiche delle sport prototipo degli anni 60. I grandi passaruota anteriori avvolgenti inglobano moderni fari a LED dal disegno triangolare inseriti in due palpebre che puntano dritto verso l’asfalto, mentre il muso presenta un ampio splitter diviso in tre sezioni per incanalare al meglio l’aria al di sotto della vettura. Nella fiancata spiccano la linea a bolla dell’abitacolo e le enormi prese d’aria posizionate all’ingresso dei passaruota posteriori. Le portiere sono state sapientemente plasmate e presentano linee morbide e tratti netti che si mescolano perfettamente tra loro. Il posteriore presenta ulteriori omaggi alle sport prototipo del passato. Uno piccolo spoiler solca la coda, mentre i fari tondi a LED abbracciano idealmente la grande griglia di sfogo dell'aria calda del motore. Il tocco di modernità è conferito dall’importante diffusore utile per mantenere la vettura incollata all'asfalto.

Interni artigianali

L’abitacolo della De Tomaso P72 è un tripudio di artigianalità e richiami al passato. Il cambio manuale con leveraggi a vista fa subito intuire come la P72 sia una vettura old school e questa impressione è ulteriormente sottolineata dalla pedaliera a tre elementi incerneriata in basso e dagli strumenti analogici posizionati sulla plancia. L’abitacolo è impreziosito da elementi in metallo e pelle di alta qualità utilizzata per rivestire i sedili, i pannelli porta e la plancia.

Soltanto 72 esemplari

In occasione della presentazione della De Tomaso P72 non è stato fatto alcun cenno al motore che sarà adottato. Ad  ogni modo la supercar che strizza l’occhio al passato sarà realizzata in soli 72 esemplari venduti ad un prezzo di partenza di 750.000 euro. I vertici della De Tomaso hanno dichiarato che l’auto sarà disponibile presso una serie di concessionari partner dell’azienda. [post_title] => De Tomaso P72: lo storico marchio torna in scena a Goodwood [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => de-tomaso-p72-storico-marchio-torna-goodwood [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-07-04 17:25:40 [post_modified_gmt] => 2019-07-04 15:25:40 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=642078 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

De Tomaso P72: lo storico marchio torna in scena a Goodwood

L'erede della P70 rende omaggio all'antenata con un look spettacolare

La De Tomaso torna in scena e lo fa con la P72. Il look rende omaggio alla P70 del '64 e richiama le sport prototipo del passato. Nell'abitacolo spicca il cambio manuale. Soltanto 72 saranno gli esemplari prodotti.

Non poteva esserci modo migliore per festeggiare il 60° anniversario. La De Tomaso ha scelto il palcoscenico del Festival di Goodwood per presentare la vettura della rinascita, la P72. Basata sul telaio in carbonio della Apollo Intensa Emozione, la De Tomaso P72 rende omaggio alla P70 realizzata dal fondatore della Casa, Alejandro de Tomaso, e Carrol Shelby.

La condivisione del telaio con la Apollo Intensa Emozione si è resa possibile grazie alla nuova proprietà del brandi, ovvero la Ideal Team Venture, identica per entrambe le Case.

Uno stile senza tempo

La De Tomaso P72 è una vettura dal design retrò che vuole omaggiare la storica antenata del 1964, la P70. Le forme sono morbide e sinuose, tipiche delle sport prototipo degli anni 60. I grandi passaruota anteriori avvolgenti inglobano moderni fari a LED dal disegno triangolare inseriti in due palpebre che puntano dritto verso l’asfalto, mentre il muso presenta un ampio splitter diviso in tre sezioni per incanalare al meglio l’aria al di sotto della vettura.

Nella fiancata spiccano la linea a bolla dell’abitacolo e le enormi prese d’aria posizionate all’ingresso dei passaruota posteriori. Le portiere sono state sapientemente plasmate e presentano linee morbide e tratti netti che si mescolano perfettamente tra loro.

Il posteriore presenta ulteriori omaggi alle sport prototipo del passato. Uno piccolo spoiler solca la coda, mentre i fari tondi a LED abbracciano idealmente la grande griglia di sfogo dell’aria calda del motore. Il tocco di modernità è conferito dall’importante diffusore utile per mantenere la vettura incollata all’asfalto.

Interni artigianali

L’abitacolo della De Tomaso P72 è un tripudio di artigianalità e richiami al passato. Il cambio manuale con leveraggi a vista fa subito intuire come la P72 sia una vettura old school e questa impressione è ulteriormente sottolineata dalla pedaliera a tre elementi incerneriata in basso e dagli strumenti analogici posizionati sulla plancia. L’abitacolo è impreziosito da elementi in metallo e pelle di alta qualità utilizzata per rivestire i sedili, i pannelli porta e la plancia.

Soltanto 72 esemplari

In occasione della presentazione della De Tomaso P72 non è stato fatto alcun cenno al motore che sarà adottato. Ad  ogni modo la supercar che strizza l’occhio al passato sarà realizzata in soli 72 esemplari venduti ad un prezzo di partenza di 750.000 euro. I vertici della De Tomaso hanno dichiarato che l’auto sarà disponibile presso una serie di concessionari partner dell’azienda.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati