WP_Post Object ( [ID] => 625352 [post_author] => 58 [post_date] => 2019-07-04 10:00:03 [post_date_gmt] => 2019-07-04 08:00:03 [post_content] => Con l'arrivo della Hyundai i30 Fastback N, si aggiunge un altro posto al tavolo delle hot hatch più desiderate del mercato, guadagnando anche la versione Fastback della già apprezzata sportiva coreana. Un mondo in continua evoluzione e sempre più apprezzato dai giovani, ma non solo. Negli ultimi 10 anni questa tipologia di auto ha iniziato a comparire sui listini di ogni casa automobilistica, creando una vera e propria competizione davvero agguerrita. Tra le sigle più leggendarie troviamo GTI, RS, ST, Type R, OPC e chi più ne ha più ne metta. Da poco è arrivata anche la mitica N di Hyundai, tributo al quartier generale del reparto sportivo di Hyundai, con sede a Namyang, nei sobborghi di Seul. Ma N sta anche per Nurburgring, il mitico circuito tedesco nel quale l'i30 N è stata sviluppata, sotto l'occhio attento di Albert Biermann, ex divisione M di BMW. Un nome, una garanzia, e non dobbiamo meravigliarci se la dinamica di guida risulta essere il punto forte di questo gioiellino coreano: d'altronde, la N, raffigura in modo stilizzato una chicane, per farci subito capire dove l'auto saprà farci emozionare maggiormente.

Design e Interni: [xrr rating=4/5]

Linee sportive ma non eccessive, design all' "europea" e tocchi di sobria arroganza per lei Non si modifica in modo sostanziale rispetto alla sorella dotata del portellone, guadagnando però 12 cm di lunghezza e abbassandosi di circa 3 (450/180/142). La Hyundai i30 Fastback N presenta una carrozzeria filante e ben realizzata, con una coda corta e abbastanza alta, che culmina in un bello spoiler a coda d'anatra integrato nella carrozzeria. Le modifiche nel posteriore incontrano la nostra approvazione, ma il parere di molti si spacca a metà, tra chi preferisce la versione Hatchback e chi la Fastback. Certo è che nel frontale riprende fedelmente le linee della compatta due volumi, con linee tirate e taglienti che culminano nell'iconica Cascading Grille, a trama tridimensionale. Lo splitter rosso e le grosse prese d'aria frontali fanno subito capire le intenzioni aggressive della coupé coreana, accentuate dal disegno aggressivo dei fari, Full-Led con ottiche circolari che ricordano vagamente degli occhi umani. Lateralmente si apprezza la linea discendente del tetto, racchiusa nel posteriore, ma non si possono non notare i voluminosi cerchi da 19 pollici, gommati Pirelli PZero, dedicati alla i30 Fastback N Performance. Decisamente riuscito il design tagliente con tonalità bitono dei cerchi, che nascondono l'impianto frenante sviluppato internamente da Hyundai, dotato di pinze sportive rosse e logo N. Il profilo basso dell'anteriore continua raccordandosi con delle minigonne laterali realizzate in plastica che, a loro volta, culminano nel bell'estrattore posteriore, anch'esso impreziosito da un profilo sportivo rosso. Appare particolarmente complesso ed elaborato, con due pratie in plastica laterali ed ingloba i due terminali cromati dalla forma ovale, facenti parte dell'impianto di scarico sportivo della versione N performance, con valvola elettronica che si apre nelle modalità Sport e N. Nell'abitacolo si ritrovano le forme e le linee già viste sulla più comune Hyundai i30, interni sobri e ben realizzati, senza particolari fronzoli stilistici di troppo ma funzionali e davvero pratici. Tutto è dove dovrebbe essere, con comandi a portata di mano, intuitivi e facili da apprendere. Saltano subito all'occhio le bellissime sedute sportive della prima fila, realizzate in misto eco-pelle e Alcantara, regolabili elettronicamente e riscaldabili. Decisamente contenitivi per favorire la guida sportiva ma non per questo scomodi, si riesce ad intraprendere anche un lungo viaggio in totale comfort. Davanti a noi si presenta il volante sportivo N Performance, anch'esso realizzato in pelle traforata e inserti cromo satinati, ergonomico e dalla buona fattura. Al centro della plancia appare il già apprezzato sistema multimediale da 8 pollici, dotato di Apple CarPlay e Android Auto, decisamente veloce e rapido nelle transizioni, pur non essendo tra i dispositivi più nuovi in commercio. Grafica al passo coi tempi e apprezziamo soprattutto la presenza di tasti fisici per rimandarci alle principali schermate come media, radio, navigatore, ecc. Sotto al monitor si trovano invece i comandi per la regolazione del clima automatico, di serie su questa versione, rapido nell'impostare la temperatura desiderata ai gradi impostati. Osservando l'abitacolo nella sua interezza, ne apprezziamo la qualità generale: presenta solo qualche plastica di troppo e si sarebbe potuto osare leggermente di più in termini di design, ma comunque ben fatto Hyundai. Nel retro lo spazio è generoso, in quattro si viaggia comodi mentre in 5 potrebbero toccarsi le spalle dei passeggeri posteriori. C'è margine per gambe e testa, ma il tetto spiovente penalizza un po' la visuale e chiude il campo visivo dei passeggeri. La coda alta e lo spoiler rendono quasi nulla la vista posteriore dallo specchietto centrale, ma la retrocamera corre in nostro aiuto, di serie su questa versione, che risulta indispensabile per la vita di tutti i giorni. Il bagagliaio invece è più che abbondante, con ben 450 litri di capienza, un record nel segmento, che possono poi salire fino a 1151 litri abbattendo la fila posteriore di sedili.

Motore e Prestazioni: [xrr rating=4/5]

Botti, scoppi e potenza. Il 2.0 T-GDI è un concentrato di divertimento Uno degli assi nella manica della nuova Hyundai i30 Fastback N è sicuramente il propulsore. Il suo 2.0 T-GDI turbo benzina riesce a stamparvi sempre un bel sorriso sul volto. Nella versione Performance da noi provata sprigiona 275 Cv e 378 Nm di coppia già a 1450 guru/min, godendo per 30 secondi dell'extraboost, un'iniezione di potenza extra disponibile per poco tempo, ma sufficiente per consentirle di coprire lo scatto sullo 0-100 Km/h in soli 6,1 secondi per una velocità massima autolimitata di 250 km/h. Probabilmente perderà qualche decimo rispetto ad altre rivali, più ciniche da questo punto di vista, ma saprà sicuramente ripagarvi in quanto a divertimento e coinvolgimento alla guida. Il motore è sempre lì presente, come se fosse sull'attenti. Prontissimo ad ogni chiamata e non soffre particolarmente il turbo-lag, tipico di questa sovralimentazione. Pronto sotto e con molta schiena sopra, è capace di girare forte fino quasi alla linea rossa e li, lasciatemelo dire, saprà regalarvi dei botti davvero spettacolari. Ogni cambiata o rilascio effettuati tra i 4000 e i 5500 giri/min verrano seguiti da un concerto di botti e scoppi. L'impianto di scarico è quanto di più soddisfacente si possa desiderare su un'auto come questa. Hothatch tedesche e non, prendete nota! Sotto certi versi sembra poter sprigionare qualche cv in più di quelli dichiarati, ma magari è solo una nostra impressione, o un diretto effetto del divertimento che si prova alla guida di questa sportiva coreana.

Comportamento su Strada: [xrr rating=4/5]

In modalità N diventa ruvida, nervosa e sotto certi versi impegnativa. Ma ha anche dei difetti.  Ma la gran parte del prezzo del biglietto per questa Hyundai i30 Fastback N sarà ripagato dal sua dinamica di guida e da come saprà accompagnarvi in ogni spostamento da un punto A ad un punto B. La mano di Albert Biermann si sente tutta. L'attenzione al piacere di guida si può toccare con mano, è palpabile. La risposta dello sterzo, il sound, la precisione dell'avantreno e la stabilità del retrotreno sapranno farvi divertire sempre, e comunque. Si denota un comportamento particolarmente giocoso della vettura. Le piace essere trattata bene, con traiettorie pulite e precise ma non disdegna la guida sporca, digerendo qualsiasi reazione brusca sullo sterzo, consentendovi staccate all'ultimo ed errori che altre hot hatch non perdonerebbero. C'è grip a sufficienza per entrare arroganti fino al punto di corda e accelerare con largo anticipo, ci penserà il differenziale elettronico a slittamento limitato a spalmare la coppia in modo opportuno. Il risultato è una consistente dose di trazione in ogni situazione, con l'ESP e il controllo di trazione che faranno il possibile per farvi divertire senza però trascurare la sicurezza. I controlli sono infatti abbastanza permissivi in modalità N. Vi lasciano far scivolare l'auto a piacimento, anche se il posteriore ci è sembrato più impostato e "seduto" rispetto alla versione Hatchback. Sarà forse merito della barra stabilizzatrice posta dietro alla fila posteriore di sedili, o di un nuovo set-up delle sospensioni, eppure il retrotreno ci è parso meno propenso ad allegare rilasciando il gas a metà curva. Un pregio per certi versi, per assicurare maggior stabilità e infondere più sicurezza, anche se le è rimasto quel comportamento giocoso che sicuramente apprezziamo. Drive Mode: scegli quella che piace fa per te, o creati la tua modalità di guida su misura.  Ma il bello della Hyundai i30 Fastback N è che saprà stravolgere la sua anima a seconda delle modalità di guida che andrete a selezionare, coerente con una silhouette più elegante e "abbottonata". Si tratta molto probabilmente della regolazione più "profonda" che abbiamo mai incontrato su questa tipologia di auto, capace di modificare in modo sostanziale il comportamento della vettura sulla base delle nostre esigenze. Attraverso l'apposito tasto situato nella parte sinistra del volante, posiamo spaziare tra le modalità Eco, Normal e Sport. In modo intuitivo troveremo una risposta dei comandi più blanda e tranquilla nella modalità Eco, con un propulsore pigro e affannato sulle prime, un volante morbido il giusto e un assetto decisamente più civile per la vità di tutti i giorni. In Sport tutto si irrigidisce e si fa più reattivo, mentre in Normal troveremo un giusto compromesso tra i due settaggi. Tramite il tasto a destra invece potremo andare a selezionare tra modalità N e Custom, quest'ultima a seguito di una pressione prolungata. Tutto si irrigidisce, diventa più reattivo, solido, compatto, e il divertimento non può che essere assicurato. La più grande goduria della modalità N però è la doppietta automatica in scalata. Basta premere la frizione, inserire la marcia inferiore e il gioco è fatto. Una spruzzata di benzina nel motore consentirà di pareggiare il regime per agevolare il più possibile l'inserimento della marcia, seguito da un bel botto dallo scarico e da un'improvvisa impennata dei giri. Bastano un paio di curve per sentirsi subito piloti, e quel manuale, lasciatemelo dire, ma crea una vera e propria dipendenza: preciso, immediato e secco. Si candida come uno dei migliori selettori di marcia in commercio in questo momento, insieme a quello della Honda Civic Type R e della Festa ST.

Consumi e prezzi: [xrr rating=4.5/5]

Inutile dirvi che se decidete di darci dentro col gas, la lancetta della benzina si sposterà molto in fretta verso la riserva. Con una guida accesa e grintosa, in modalità N difficilmente si riesce a stare sopra ai 10 km al litro, mentre inserendo la modalità Eco, e stando un po' attenti con il pedale si riescono a strappare anche dei soddisfacenti 12 km al litro, che salgono a 14 km/l in strade extraurbane, per poi tornare sui 12 km/l in autostrada. Il listino della Hyundai i30 Fastback N Performance è decisamente stringato e corto: solo la Performance da 275 CV, tutto incluso, pochi optional, paghi, accendi, guidi e ti diverti. Fine della ricetta. Il listino parte da circa 39 mila euro, un prezzo più che adeguato alle performance e alle dotazioni di questa vettura, che saprà sempre e comunque stamparvi un bel sorriso sul viso. Senza compromessi. [post_title] => Hyundai i30 Fastback N: la prova su strada della prima hot hatch coreana [VIDEO PROVA SU STRADA] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => hyundai-i30-fastback-n-la-prova-su-strada-della-prima-hot-hatch-coreana-video-prova-su-strada [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-07-04 10:51:44 [post_modified_gmt] => 2019-07-04 08:51:44 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=625352 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Hyundai i30 Fastback N: la prova su strada della prima hot hatch coreana [VIDEO PROVA SU STRADA]

Più elegante e "abbottonata" della sorella 2 volumi, ma ugualmente esplosiva e divertente su strada

La nuova Hyundai i30 Fastback N ripropone il divertimento e l'esuberanza della prima hot hatch in chiave coreana ma con uno stile e un design più elegante. Non variano le prestazioni, anche se appare più affilata e precisa in curva, con maggiore precisione del posteriore che risulta meno ballerino e più composto.

Con l’arrivo della Hyundai i30 Fastback N, si aggiunge un altro posto al tavolo delle hot hatch più desiderate del mercato, guadagnando anche la versione Fastback della già apprezzata sportiva coreana. Un mondo in continua evoluzione e sempre più apprezzato dai giovani, ma non solo. Negli ultimi 10 anni questa tipologia di auto ha iniziato a comparire sui listini di ogni casa automobilistica, creando una vera e propria competizione davvero agguerrita. Tra le sigle più leggendarie troviamo GTI, RS, ST, Type R, OPC e chi più ne ha più ne metta. Da poco è arrivata anche la mitica N di Hyundai, tributo al quartier generale del reparto sportivo di Hyundai, con sede a Namyang, nei sobborghi di Seul. Ma N sta anche per Nurburgring, il mitico circuito tedesco nel quale l’i30 N è stata sviluppata, sotto l’occhio attento di Albert Biermann, ex divisione M di BMW. Un nome, una garanzia, e non dobbiamo meravigliarci se la dinamica di guida risulta essere il punto forte di questo gioiellino coreano: d’altronde, la N, raffigura in modo stilizzato una chicane, per farci subito capire dove l’auto saprà farci emozionare maggiormente.

Design e Interni:  ★★★★☆ 

Linee sportive ma non eccessive, design all’ “europea” e tocchi di sobria arroganza per lei

Non si modifica in modo sostanziale rispetto alla sorella dotata del portellone, guadagnando però 12 cm di lunghezza e abbassandosi di circa 3 (450/180/142). La Hyundai i30 Fastback N presenta una carrozzeria filante e ben realizzata, con una coda corta e abbastanza alta, che culmina in un bello spoiler a coda d’anatra integrato nella carrozzeria. Le modifiche nel posteriore incontrano la nostra approvazione, ma il parere di molti si spacca a metà, tra chi preferisce la versione Hatchback e chi la Fastback. Certo è che nel frontale riprende fedelmente le linee della compatta due volumi, con linee tirate e taglienti che culminano nell’iconica Cascading Grille, a trama tridimensionale. Lo splitter rosso e le grosse prese d’aria frontali fanno subito capire le intenzioni aggressive della coupé coreana, accentuate dal disegno aggressivo dei fari, Full-Led con ottiche circolari che ricordano vagamente degli occhi umani. Lateralmente si apprezza la linea discendente del tetto, racchiusa nel posteriore, ma non si possono non notare i voluminosi cerchi da 19 pollici, gommati Pirelli PZero, dedicati alla i30 Fastback N Performance. Decisamente riuscito il design tagliente con tonalità bitono dei cerchi, che nascondono l’impianto frenante sviluppato internamente da Hyundai, dotato di pinze sportive rosse e logo N. Il profilo basso dell’anteriore continua raccordandosi con delle minigonne laterali realizzate in plastica che, a loro volta, culminano nel bell’estrattore posteriore, anch’esso impreziosito da un profilo sportivo rosso. Appare particolarmente complesso ed elaborato, con due pratie in plastica laterali ed ingloba i due terminali cromati dalla forma ovale, facenti parte dell’impianto di scarico sportivo della versione N performance, con valvola elettronica che si apre nelle modalità Sport e N.

Nell’abitacolo si ritrovano le forme e le linee già viste sulla più comune Hyundai i30, interni sobri e ben realizzati, senza particolari fronzoli stilistici di troppo ma funzionali e davvero pratici. Tutto è dove dovrebbe essere, con comandi a portata di mano, intuitivi e facili da apprendere. Saltano subito all’occhio le bellissime sedute sportive della prima fila, realizzate in misto eco-pelle e Alcantara, regolabili elettronicamente e riscaldabili. Decisamente contenitivi per favorire la guida sportiva ma non per questo scomodi, si riesce ad intraprendere anche un lungo viaggio in totale comfort. Davanti a noi si presenta il volante sportivo N Performance, anch’esso realizzato in pelle traforata e inserti cromo satinati, ergonomico e dalla buona fattura. Al centro della plancia appare il già apprezzato sistema multimediale da 8 pollici, dotato di Apple CarPlay e Android Auto, decisamente veloce e rapido nelle transizioni, pur non essendo tra i dispositivi più nuovi in commercio. Grafica al passo coi tempi e apprezziamo soprattutto la presenza di tasti fisici per rimandarci alle principali schermate come media, radio, navigatore, ecc. Sotto al monitor si trovano invece i comandi per la regolazione del clima automatico, di serie su questa versione, rapido nell’impostare la temperatura desiderata ai gradi impostati. Osservando l’abitacolo nella sua interezza, ne apprezziamo la qualità generale: presenta solo qualche plastica di troppo e si sarebbe potuto osare leggermente di più in termini di design, ma comunque ben fatto Hyundai. Nel retro lo spazio è generoso, in quattro si viaggia comodi mentre in 5 potrebbero toccarsi le spalle dei passeggeri posteriori. C’è margine per gambe e testa, ma il tetto spiovente penalizza un po’ la visuale e chiude il campo visivo dei passeggeri. La coda alta e lo spoiler rendono quasi nulla la vista posteriore dallo specchietto centrale, ma la retrocamera corre in nostro aiuto, di serie su questa versione, che risulta indispensabile per la vita di tutti i giorni. Il bagagliaio invece è più che abbondante, con ben 450 litri di capienza, un record nel segmento, che possono poi salire fino a 1151 litri abbattendo la fila posteriore di sedili.

Motore e Prestazioni:  ★★★★☆ 

Botti, scoppi e potenza. Il 2.0 T-GDI è un concentrato di divertimento

Uno degli assi nella manica della nuova Hyundai i30 Fastback N è sicuramente il propulsore. Il suo 2.0 T-GDI turbo benzina riesce a stamparvi sempre un bel sorriso sul volto. Nella versione Performance da noi provata sprigiona 275 Cv e 378 Nm di coppia già a 1450 guru/min, godendo per 30 secondi dell’extraboost, un’iniezione di potenza extra disponibile per poco tempo, ma sufficiente per consentirle di coprire lo scatto sullo 0-100 Km/h in soli 6,1 secondi per una velocità massima autolimitata di 250 km/h. Probabilmente perderà qualche decimo rispetto ad altre rivali, più ciniche da questo punto di vista, ma saprà sicuramente ripagarvi in quanto a divertimento e coinvolgimento alla guida. Il motore è sempre lì presente, come se fosse sull’attenti. Prontissimo ad ogni chiamata e non soffre particolarmente il turbo-lag, tipico di questa sovralimentazione. Pronto sotto e con molta schiena sopra, è capace di girare forte fino quasi alla linea rossa e li, lasciatemelo dire, saprà regalarvi dei botti davvero spettacolari. Ogni cambiata o rilascio effettuati tra i 4000 e i 5500 giri/min verrano seguiti da un concerto di botti e scoppi. L’impianto di scarico è quanto di più soddisfacente si possa desiderare su un’auto come questa. Hothatch tedesche e non, prendete nota! Sotto certi versi sembra poter sprigionare qualche cv in più di quelli dichiarati, ma magari è solo una nostra impressione, o un diretto effetto del divertimento che si prova alla guida di questa sportiva coreana.

Comportamento su Strada:  ★★★★☆ 

In modalità N diventa ruvida, nervosa e sotto certi versi impegnativa. Ma ha anche dei difetti. 

Ma la gran parte del prezzo del biglietto per questa Hyundai i30 Fastback N sarà ripagato dal sua dinamica di guida e da come saprà accompagnarvi in ogni spostamento da un punto A ad un punto B. La mano di Albert Biermann si sente tutta. L’attenzione al piacere di guida si può toccare con mano, è palpabile. La risposta dello sterzo, il sound, la precisione dell’avantreno e la stabilità del retrotreno sapranno farvi divertire sempre, e comunque. Si denota un comportamento particolarmente giocoso della vettura. Le piace essere trattata bene, con traiettorie pulite e precise ma non disdegna la guida sporca, digerendo qualsiasi reazione brusca sullo sterzo, consentendovi staccate all’ultimo ed errori che altre hot hatch non perdonerebbero. C’è grip a sufficienza per entrare arroganti fino al punto di corda e accelerare con largo anticipo, ci penserà il differenziale elettronico a slittamento limitato a spalmare la coppia in modo opportuno. Il risultato è una consistente dose di trazione in ogni situazione, con l’ESP e il controllo di trazione che faranno il possibile per farvi divertire senza però trascurare la sicurezza. I controlli sono infatti abbastanza permissivi in modalità N. Vi lasciano far scivolare l’auto a piacimento, anche se il posteriore ci è sembrato più impostato e “seduto” rispetto alla versione Hatchback. Sarà forse merito della barra stabilizzatrice posta dietro alla fila posteriore di sedili, o di un nuovo set-up delle sospensioni, eppure il retrotreno ci è parso meno propenso ad allegare rilasciando il gas a metà curva. Un pregio per certi versi, per assicurare maggior stabilità e infondere più sicurezza, anche se le è rimasto quel comportamento giocoso che sicuramente apprezziamo.

Drive Mode: scegli quella che piace fa per te, o creati la tua modalità di guida su misura. 

Ma il bello della Hyundai i30 Fastback N è che saprà stravolgere la sua anima a seconda delle modalità di guida che andrete a selezionare, coerente con una silhouette più elegante e “abbottonata”. Si tratta molto probabilmente della regolazione più “profonda” che abbiamo mai incontrato su questa tipologia di auto, capace di modificare in modo sostanziale il comportamento della vettura sulla base delle nostre esigenze. Attraverso l’apposito tasto situato nella parte sinistra del volante, posiamo spaziare tra le modalità Eco, Normal e Sport. In modo intuitivo troveremo una risposta dei comandi più blanda e tranquilla nella modalità Eco, con un propulsore pigro e affannato sulle prime, un volante morbido il giusto e un assetto decisamente più civile per la vità di tutti i giorni. In Sport tutto si irrigidisce e si fa più reattivo, mentre in Normal troveremo un giusto compromesso tra i due settaggi. Tramite il tasto a destra invece potremo andare a selezionare tra modalità N e Custom, quest’ultima a seguito di una pressione prolungata. Tutto si irrigidisce, diventa più reattivo, solido, compatto, e il divertimento non può che essere assicurato. La più grande goduria della modalità N però è la doppietta automatica in scalata. Basta premere la frizione, inserire la marcia inferiore e il gioco è fatto. Una spruzzata di benzina nel motore consentirà di pareggiare il regime per agevolare il più possibile l’inserimento della marcia, seguito da un bel botto dallo scarico e da un’improvvisa impennata dei giri. Bastano un paio di curve per sentirsi subito piloti, e quel manuale, lasciatemelo dire, ma crea una vera e propria dipendenza: preciso, immediato e secco. Si candida come uno dei migliori selettori di marcia in commercio in questo momento, insieme a quello della Honda Civic Type R e della Festa ST.

Consumi e prezzi:  ★★★★½ 

Inutile dirvi che se decidete di darci dentro col gas, la lancetta della benzina si sposterà molto in fretta verso la riserva. Con una guida accesa e grintosa, in modalità N difficilmente si riesce a stare sopra ai 10 km al litro, mentre inserendo la modalità Eco, e stando un po’ attenti con il pedale si riescono a strappare anche dei soddisfacenti 12 km al litro, che salgono a 14 km/l in strade extraurbane, per poi tornare sui 12 km/l in autostrada. Il listino della Hyundai i30 Fastback N Performance è decisamente stringato e corto: solo la Performance da 275 CV, tutto incluso, pochi optional, paghi, accendi, guidi e ti diverti. Fine della ricetta. Il listino parte da circa 39 mila euro, un prezzo più che adeguato alle performance e alle dotazioni di questa vettura, che saprà sempre e comunque stamparvi un bel sorriso sul viso. Senza compromessi.

Hyundai i30 Fastback N: la prova su strada della prima hot hatch coreana [VIDEO PROVA SU STRADA]
5 (100%) 3 votes
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati