WP_Post Object ( [ID] => 644251 [post_author] => 80 [post_date] => 2019-07-11 22:56:49 [post_date_gmt] => 2019-07-11 20:56:49 [post_content] => Adas è l'acronimo di Advanced Driver Assistance Systems, cioè sistemi avanzati di assistenza alla guida, dove il livello di assistenza viene valutato con una scala da zero fino a cinque. Il livello zero appartiene alle auto senza nessun ausilio alla guida, mentre il livello cinque sarà riservato solo alle auto in un futuro non così prossimo e che non avranno più ne volanti ne pedaliere e saranno in grado di gestire in modo autonomo ogni situazione durante la guida. I livelli quattro e cinque sembravano fino a poco tempo fa raggiungibili nell'arco di alcuni anni, ma già oggi questa prospettiva è cambiata e la guida totalmente autonoma sarà possibile effettuarla solo in determinati contesti e solo su alcune strade opportunamente attrezzate.

Guida autonoma livello 2: sterzo e acceleratore sotto controllo

Lo stato attuale è il livello due, che viene raggiunto già da molte auto attualmente in commercio e viene fortemente pubblicizzato soprattutto per l'incremento che porta nella sicurezza attiva, aiutando il guidatore ad evitare per esempio dei tamponamenti o dei cambi di corsia involontari. Il livello due prevede infatti sia la gestione dello sterzo che dell'acceleratore e del freno in modo autonomo, ma con l'obbligo per il guidatore di rimanere attento e sempre pronto a riprendere il controllo del veicolo. Con questo livello di automazione la responsabilità di ciò che succede durante la guida è totalmente a carico del guidatore e non dell'auto. Uno dei sistemi oggi più diffuso è il mantenimento automatico della corsia dove l'auto, grazie ad una telecamera, è in grado di seguire la segnaletica orizzontale della strada avvisando tempestivamente il guidatore se sta uscendo dalla corsia selezionata. Nei sistemi più evoluti il veicolo è in grado di seguire da solo la segnaletica orizzontale, agendo anche sullo sterzo.

Cruise control adattativo: mantenere la distanza di sicurezza in ogni condizione

Un altro sistema è il cruise control adattativo, che è in grado non solo di tenere la velocità impostata e la distanza di sicurezza dal veicolo davanti, ma l'auto può sia fermarsi che riaccelerare alla velocità stabilita in modo del tutto autonomo, aumentando così la sicurezza di chi sta a bordo e prevenire dei tamponamenti. Può essere presente anche un sistema chiamato forward collision warning, che rileva il pericolo di una collisione con altre auto, pedoni, ciclisti ed altri ostacoli e avvisa con segnali acustici e vibrazioni sul volante il conducente. Se il sistema non rileva nessuna azione da parte del guidatore può, nel caso in cui sia presente anche la frenata autonoma di emergenza, frenare autonomamente fino all'arresto del veicolo stesso. Esistono poi altri sistemi in grado di rilevare veicoli o pedoni in avvicinamento durante le manovre in retromarcia, per evitare anche qui collisioni tra i veicoli o ancora peggio di investire dei pedoni o dei bambini.

Telecamere, radar e sensori per vedere la strada e l'ambiente intorno all'auto

Tutti questi ausili alla guida funzionano grazie a telecamere, laser e radar per poter osservare cosa c'è e succede intorno al veicolo. Le centraline dedicate elaborano poi i segnali e decidono cosa fare e come agire sui controlli del veicolo. Altri sistemi, osservando con una telecamera il viso del guidatore, riescono a valutare invece il suo stato psico-fisico e avvisare il conducente della necessità di fare una pausa e riposarsi. L'unione di tutti questi sistemi è importante per poter ridurre l'errore umano, che molto spesso è l'unica causa degli incidenti stradali. [post_title] => ADAS e guida assistita: cosa sono e come funzionano i sistemi di assistenza [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => adas-e-guida-assistita-cosa-sono-e-come-funzionano-i-sistemi-di-assistenza [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-07-11 22:56:49 [post_modified_gmt] => 2019-07-11 20:56:49 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=644251 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

ADAS e guida assistita: cosa sono e come funzionano i sistemi di assistenza

Gli aiuti alla guida sono sempre più presenti ed efficaci

Vediamo i sistemi di guida autonoma più diffusi e come funzionano questi dispositivi pensati per la sicurezza
ADAS e guida assistita: cosa sono e come funzionano i sistemi di assistenza

Adas è l’acronimo di Advanced Driver Assistance Systems, cioè sistemi avanzati di assistenza alla guida, dove il livello di assistenza viene valutato con una scala da zero fino a cinque. Il livello zero appartiene alle auto senza nessun ausilio alla guida, mentre il livello cinque sarà riservato solo alle auto in un futuro non così prossimo e che non avranno più ne volanti ne pedaliere e saranno in grado di gestire in modo autonomo ogni situazione durante la guida. I livelli quattro e cinque sembravano fino a poco tempo fa raggiungibili nell’arco di alcuni anni, ma già oggi questa prospettiva è cambiata e la guida totalmente autonoma sarà possibile effettuarla solo in determinati contesti e solo su alcune strade opportunamente attrezzate.

Guida autonoma livello 2: sterzo e acceleratore sotto controllo

Lo stato attuale è il livello due, che viene raggiunto già da molte auto attualmente in commercio e viene fortemente pubblicizzato soprattutto per l’incremento che porta nella sicurezza attiva, aiutando il guidatore ad evitare per esempio dei tamponamenti o dei cambi di corsia involontari. Il livello due prevede infatti sia la gestione dello sterzo che dell’acceleratore e del freno in modo autonomo, ma con l’obbligo per il guidatore di rimanere attento e sempre pronto a riprendere il controllo del veicolo. Con questo livello di automazione la responsabilità di ciò che succede durante la guida è totalmente a carico del guidatore e non dell’auto. Uno dei sistemi oggi più diffuso è il mantenimento automatico della corsia dove l’auto, grazie ad una telecamera, è in grado di seguire la segnaletica orizzontale della strada avvisando tempestivamente il guidatore se sta uscendo dalla corsia selezionata. Nei sistemi più evoluti il veicolo è in grado di seguire da solo la segnaletica orizzontale, agendo anche sullo sterzo.

Cruise control adattativo: mantenere la distanza di sicurezza in ogni condizione

Un altro sistema è il cruise control adattativo, che è in grado non solo di tenere la velocità impostata e la distanza di sicurezza dal veicolo davanti, ma l’auto può sia fermarsi che riaccelerare alla velocità stabilita in modo del tutto autonomo, aumentando così la sicurezza di chi sta a bordo e prevenire dei tamponamenti. Può essere presente anche un sistema chiamato forward collision warning, che rileva il pericolo di una collisione con altre auto, pedoni, ciclisti ed altri ostacoli e avvisa con segnali acustici e vibrazioni sul volante il conducente. Se il sistema non rileva nessuna azione da parte del guidatore può, nel caso in cui sia presente anche la frenata autonoma di emergenza, frenare autonomamente fino all’arresto del veicolo stesso. Esistono poi altri sistemi in grado di rilevare veicoli o pedoni in avvicinamento durante le manovre in retromarcia, per evitare anche qui collisioni tra i veicoli o ancora peggio di investire dei pedoni o dei bambini.

Telecamere, radar e sensori per vedere la strada e l’ambiente intorno all’auto

Tutti questi ausili alla guida funzionano grazie a telecamere, laser e radar per poter osservare cosa c’è e succede intorno al veicolo. Le centraline dedicate elaborano poi i segnali e decidono cosa fare e come agire sui controlli del veicolo. Altri sistemi, osservando con una telecamera il viso del guidatore, riescono a valutare invece il suo stato psico-fisico e avvisare il conducente della necessità di fare una pausa e riposarsi. L’unione di tutti questi sistemi è importante per poter ridurre l’errore umano, che molto spesso è l’unica causa degli incidenti stradali.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati