WP_Post Object ( [ID] => 644551 [post_author] => 70 [post_date] => 2019-07-15 12:51:54 [post_date_gmt] => 2019-07-15 10:51:54 [post_content] => L’edizione 2020 del Parco Valentino (se si chiamerà ancora così) non si svolgerà più a Torino. L’annuncio ufficiale è di qualche giorno fa, con la comunicazione dello spostamento in Lombardia, senza però entrare nello specifico sul luogo. Tante le ipotesi formulate, ma quella più credibile appare la decisione di allestire l’esposizione tra il Parco e l’Autodromo di Monza.

Monza approva l’idea del Salone

L’ipotesi già scalda il cuore dei cittadini e dei politici della città alle porte di Milano, dove già si tiene l’appuntamento automobilistico italiano più importante dell’anno, con il classico Gran Premio di Formula 1 di inizio settembre, per il quale qualche mese fa è stato rinnovato l’accordo fino 2024. “Siamo molto felici e riteniamo di avere tutte le carte in regola in regola per diventare la capitale dei motori – sono le parole di Dario Allevi, sindaco di Monza, riportate dal portale locale MBNews - Se dovesse accadere, saremmo pronti a lavorare per questo progetto mettendo a disposizione le nostre strutture e gli organizzatori troverebbero le porte aperte”. Anche gli altri consiglieri, di tutti gli schieramenti politici, hanno mostrato entusiasmo per questa possibilità, vedendola come “una grande opportunità” sia dal punto di vista logistico che economico, per dare un altro appuntamento clou agli appassionati italiani delle quattro ruote.

Il Salone dell’auto 2020 e l’ipotesi Monza

Mentre la location è ancora da definire, il Parco Valentino 2020 non cambierà la sua formula, cioè un salone all’aperto, internazionale e gratuito. L’apertura, come è già stato ufficializzato, è programmata a Milano, quando si terrà la classica President Parade, che dovrebbe toccare il centro e tutti i luoghi principali del capoluogo lombardo. Oltre agli stand all’aperto, l’idea di Monza nasce anche dalla possibilità di unire il salone, con degli eventi legati alla velocità, sfruttando così l’autodromo. Rendendo così l’appuntamento italiano un mix tra un classico salone dell’auto ed un evento in stile Goodwood. [post_title] => Parco Valentino 2020: ipotesi Monza per il salone dell’auto italiano [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => parco-valentino-2020-monza-autodromo-dove-quando [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-07-15 12:54:29 [post_modified_gmt] => 2019-07-15 10:54:29 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=644551 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Parco Valentino 2020: ipotesi Monza per il salone dell’auto italiano

Un mix tra un classico salone ed eventi di velocità

Il Parco Valentino 2020 si terrà in Lombardia, nel prossimo mese di giugno: non è stata annunciata la location, la sapremo nei dettagli a settembre, ma si fa largo l'ipotesi di un salone tra il Parco e l'Autodromo di Monza.
Parco Valentino 2020: ipotesi Monza per il salone dell’auto italiano

L’edizione 2020 del Parco Valentino (se si chiamerà ancora così) non si svolgerà più a Torino. L’annuncio ufficiale è di qualche giorno fa, con la comunicazione dello spostamento in Lombardia, senza però entrare nello specifico sul luogo. Tante le ipotesi formulate, ma quella più credibile appare la decisione di allestire l’esposizione tra il Parco e l’Autodromo di Monza.

Monza approva l’idea del Salone

L’ipotesi già scalda il cuore dei cittadini e dei politici della città alle porte di Milano, dove già si tiene l’appuntamento automobilistico italiano più importante dell’anno, con il classico Gran Premio di Formula 1 di inizio settembre, per il quale qualche mese fa è stato rinnovato l’accordo fino 2024.

“Siamo molto felici e riteniamo di avere tutte le carte in regola in regola per diventare la capitale dei motori – sono le parole di Dario Allevi, sindaco di Monza, riportate dal portale locale MBNews – Se dovesse accadere, saremmo pronti a lavorare per questo progetto mettendo a disposizione le nostre strutture e gli organizzatori troverebbero le porte aperte”.

Anche gli altri consiglieri, di tutti gli schieramenti politici, hanno mostrato entusiasmo per questa possibilità, vedendola come “una grande opportunità” sia dal punto di vista logistico che economico, per dare un altro appuntamento clou agli appassionati italiani delle quattro ruote.

Il Salone dell’auto 2020 e l’ipotesi Monza

Mentre la location è ancora da definire, il Parco Valentino 2020 non cambierà la sua formula, cioè un salone all’aperto, internazionale e gratuito. L’apertura, come è già stato ufficializzato, è programmata a Milano, quando si terrà la classica President Parade, che dovrebbe toccare il centro e tutti i luoghi principali del capoluogo lombardo.

Oltre agli stand all’aperto, l’idea di Monza nasce anche dalla possibilità di unire il salone, con degli eventi legati alla velocità, sfruttando così l’autodromo. Rendendo così l’appuntamento italiano un mix tra un classico salone dell’auto ed un evento in stile Goodwood.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati