WP_Post Object ( [ID] => 645884 [post_author] => 70 [post_date] => 2019-07-18 09:46:59 [post_date_gmt] => 2019-07-18 07:46:59 [post_content] => Aumentano i tutor in autostrada. In vista dell’imminente esodo estivo, sono state attivate nove tratte nuove per il rilevamento della velocità media, arrivando così nel totale a quota 46. Sono più del doppio, rispetto ad un anno fa, quando ne furono attivate 22, con l’installazione del nuovo sistema SICVe-PM, dopo la battaglia legale e l’obbligo a spegnere il sistema precedente.

Tutor in autostrada: dove sono quelli nuovi

Le nuove tratte sono sull’A1 tra Modena Sud e l’allacciamento A14, in entrambe le direzioni, sull’A4 tra Dalmine e Capriate e tra Capriate e Cavenago in direzione Ovest, sull’A8 nel tratto Castellanza-Busto Arsizio in direzione Nord, sull’A13 tra Ferrara Nord e Ferrara Sud e tra Ferrara Sud ed Altedo in direzione Sud e sull’A14 tra Castel San Pietro e Imola (direzione Sud) e nel tratto Bari Nord-Bitonto (direzione Nord).

Sono 46 le tratte con i tutor in autostrada

Come dicevamo, dunque, con queste nuove tratte si arriva a quota 46 complessive, per un totale di 420 chilometri di carreggiate autostradali coperte dal nuovo sistema di rilevazione SICVe-PM. Questi nuovi tutor, quando sono attivi, permettono di misurare la velocità media sul tratto autostradale di competenza e sono stati posizionati dove non c’è la presenza di svincoli intermedi, che possano permettere ai conducenti di evitare la misurazione. Rispetto a quello precedente, non ci sono particolari novità per gli automobilisti, ma il nuovo sistema consente una scansione più precisa delle targhe, anche in caso quest’ultime siano sporche o un po’ rovinate. La Polizia Stradale ha fatto sapere che, nel corso dei prossimi mesi, saranno aggiunte ulteriori tratte, attualmente in fase di valutazione, per rendere sempre più coperta l’intera rete autostradale. [post_title] => Tutor autostrade: attive 9 nuove tratte, in totale coprono 420 km [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => autostrade-tutor-dove-sono-come-funzionano [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-07-18 09:47:28 [post_modified_gmt] => 2019-07-18 07:47:28 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=645884 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Tutor autostrade: attive 9 nuove tratte, in totale coprono 420 km

Sono 46 le tratte coperte sulla rete italiana

I tutor in autostrada aumentano, in vista dell'esodo estivo, con l'introduzione di nove nuove tratte in cui viene rilevata la velocità media degli automobilisti. Ecco dove sono e come funziona il sistema SICVe-PM.
Tutor autostrade: attive 9 nuove tratte, in totale coprono 420 km

Aumentano i tutor in autostrada. In vista dell’imminente esodo estivo, sono state attivate nove tratte nuove per il rilevamento della velocità media, arrivando così nel totale a quota 46. Sono più del doppio, rispetto ad un anno fa, quando ne furono attivate 22, con l’installazione del nuovo sistema SICVe-PM, dopo la battaglia legale e l’obbligo a spegnere il sistema precedente.

Tutor in autostrada: dove sono quelli nuovi

Le nuove tratte sono sull’A1 tra Modena Sud e l’allacciamento A14, in entrambe le direzioni, sull’A4 tra Dalmine e Capriate e tra Capriate e Cavenago in direzione Ovest, sull’A8 nel tratto Castellanza-Busto Arsizio in direzione Nord, sull’A13 tra Ferrara Nord e Ferrara Sud e tra Ferrara Sud ed Altedo in direzione Sud e sull’A14 tra Castel San Pietro e Imola (direzione Sud) e nel tratto Bari Nord-Bitonto (direzione Nord).

Sono 46 le tratte con i tutor in autostrada

Come dicevamo, dunque, con queste nuove tratte si arriva a quota 46 complessive, per un totale di 420 chilometri di carreggiate autostradali coperte dal nuovo sistema di rilevazione SICVe-PM.

Questi nuovi tutor, quando sono attivi, permettono di misurare la velocità media sul tratto autostradale di competenza e sono stati posizionati dove non c’è la presenza di svincoli intermedi, che possano permettere ai conducenti di evitare la misurazione. Rispetto a quello precedente, non ci sono particolari novità per gli automobilisti, ma il nuovo sistema consente una scansione più precisa delle targhe, anche in caso quest’ultime siano sporche o un po’ rovinate.

La Polizia Stradale ha fatto sapere che, nel corso dei prossimi mesi, saranno aggiunte ulteriori tratte, attualmente in fase di valutazione, per rendere sempre più coperta l’intera rete autostradale.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati