WP_Post Object ( [ID] => 648082 [post_author] => 87 [post_date] => 2019-07-26 17:50:54 [post_date_gmt] => 2019-07-26 15:50:54 [post_content] => La Aston Martin sta rivedendo al ribasso le previsioni di vendita per il 2019. Il costruttore inglese, impegnato in un importante rinnovamento della gamma, ha infatti stimato una vendita di vetture tra le 6.300 e le 6.500 unità per quest’anno a fronte della previsione di 7.100 – 7.300 veicoli. La Casa inglese, stando a quanto rilanciato dalla Reuters, dovrebbe tagliare i suoi piani di investimento fino a 40 milioni di sterline a seguito all'aumento dei costi derivanti dagli importanti investimenti in atto e dagli accantonamenti  per la Brexit. Il mercato inglese, il più importante per Aston Martin, ha fatto registrare un ribasso del 22%, mentre in Europa la contrazione è stata pari al 28%. Andy Palmer, amministratore delegato di Aston Martin, non ha nascosto la propria delusione per questi risultati, ma ha anche spiegato le strategie future del marchio: “Siamo delusi per i dati di vendita inferiori alle nostre aspettative, ma stiamo adottando delle strategie decisive per gestire i brand Aston Martin e Lagonda nel lungo termine”. La Casa inglese si trova ad affrontare una situazione comune a molti costruttori, la riduzione della domanda. Nel mese di maggio i responsabili di Aston Martin hanno infatti affermato come alcuni dei suoi mercati si siano trovati ad affrontare un periodo critico, ma al contempo hanno voluto sottolineare di essersi messi al lavoro per evitare potenziali problemi con le consegne. La Aston Martin ha dichiarato in merito a questa situazione: "Il difficile contesto esterno evidenziato a maggio è peggiorato, così come le incertezze macroeconomiche. Prevediamo che questa debolezza continuerà per il resto dell'anno e stiamo pianificando prudentemente per il 2020". [post_title] => Aston Martin: il calo delle vendite potrebbe portare ad un taglio della produzione [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => aston-martin-il-calo-delle-vendite-potrebbe-portare-ad-un-taglio-della-produzione [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-07-26 17:50:54 [post_modified_gmt] => 2019-07-26 15:50:54 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=648082 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Aston Martin: il calo delle vendite potrebbe portare ad un taglio della produzione

Vendite inferiori alle previsioni per la Casa inglese

Le vendite inferiori alle previsioni ed investimenti importanti sono alla base del taglio di produzione che potrebbe coinvolgere la Casa inglese.
Aston Martin: il calo delle vendite potrebbe portare ad un taglio della produzione

La Aston Martin sta rivedendo al ribasso le previsioni di vendita per il 2019. Il costruttore inglese, impegnato in un importante rinnovamento della gamma, ha infatti stimato una vendita di vetture tra le 6.300 e le 6.500 unità per quest’anno a fronte della previsione di 7.100 – 7.300 veicoli.

La Casa inglese, stando a quanto rilanciato dalla Reuters, dovrebbe tagliare i suoi piani di investimento fino a 40 milioni di sterline a seguito all’aumento dei costi derivanti dagli importanti investimenti in atto e dagli accantonamenti  per la Brexit.

Il mercato inglese, il più importante per Aston Martin, ha fatto registrare un ribasso del 22%, mentre in Europa la contrazione è stata pari al 28%.

Andy Palmer, amministratore delegato di Aston Martin, non ha nascosto la propria delusione per questi risultati, ma ha anche spiegato le strategie future del marchio: “Siamo delusi per i dati di vendita inferiori alle nostre aspettative, ma stiamo adottando delle strategie decisive per gestire i brand Aston Martin e Lagonda nel lungo termine”.

La Casa inglese si trova ad affrontare una situazione comune a molti costruttori, la riduzione della domanda. Nel mese di maggio i responsabili di Aston Martin hanno infatti affermato come alcuni dei suoi mercati si siano trovati ad affrontare un periodo critico, ma al contempo hanno voluto sottolineare di essersi messi al lavoro per evitare potenziali problemi con le consegne.

La Aston Martin ha dichiarato in merito a questa situazione: “Il difficile contesto esterno evidenziato a maggio è peggiorato, così come le incertezze macroeconomiche. Prevediamo che questa debolezza continuerà per il resto dell’anno e stiamo pianificando prudentemente per il 2020”.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati