WP_Post Object ( [ID] => 648689 [post_author] => 87 [post_date] => 2019-07-30 11:41:21 [post_date_gmt] => 2019-07-30 09:41:21 [post_content] => In attesa del debutto ufficiale che avverrà al Salone di Francoforte 2019, la nuova Opel Corsa fa già registrare un record. La citycar del marchio tedesco può infatti vantare un coefficiente di resistenza aerodinamica pari a solo 0,29, un valore da primato per il segmento B.

Studiata in galleria del vento

Grazie all’ingresso del marchio tedesco nel gruppo PSA, la nuova Opel Corsa ha potuto beneficiare della piattaforma CMP, la stessa della nuova Peugeot 208. Grazie a questa base il peso della vettura si è ridotto notevolmente sino a toccare quota 980 Kg. Per garantire una maggiore efficienza, e consumi ancora più ridotti, gli ingegneri della Casa tedesca hanno ottimizzato l’aerodinamica della nuova Opel Corsa presso il Research Institute of Automotive Engineering and Vehicle Engines nella galleria del vento dell’Università di Stoccarda. Grazie all’attento studio, la nuova Opel Corsa può adesso vantare un coefficiente di resistenza aerodinamica da record per una vettura del segmento B, pari a 0,29. Inoltre, rispetto alla precedente generazione, è stata ridotta l’area anteriore che adesso misura soli 2,13 m2. L’accurata ricerca aerodinamica della nuova Opel Corsa è uno dei fiori all’occhiello dei tecnici tedeschi. Christian Muller, Managing Director Engineerign ha dichiarato: “L’aerodinamica è solo uno dei settori nei quali Opel sta aumentando l’efficienza delle proprie automobili. Motori benzina e diesel all’avanguardia e l’elettrificazione sono gli altri strumenti che stiamo utilizzando per tagliare significativamente i consumi di carburante e le emissioni di CO2. Tutte queste tecnologie sono presenti nella nostra nuova Corsa, che sarà inoltre disponibile per la prima volta in versione elettrica, con la Opel Corsa-e”.

Sottoscocca carenato

Per raggiungere il coefficiente di penetrazione aerodinamica di 0,29 gli ingegneri tedeschi hanno adottato numerosi accorgimenti sulla nuova Opel Corsa. il sottoscocca dal vano motore all’asse posteriore è rivestito con pannelli piatti che migliorano il flusso dell’aria, mentre lo spoiler posteriore riduce le turbolenze aerodinamiche e taglia la portanza sull’asse posteriore migliorando ulteriormente la stabilità della nuova Opel Corsa soprattutto alle velocità più elevate.

Lo shutter attivo migliora l’efficienza aerodinamica

Altra chicca presente sulla nuova Opel Corsa è lo shutter attivo che riduce la resistenza aerodinamica e aumenta l’efficienza dei consumi di carburante chiudendo automaticamente l’apertura della griglia anteriore quando la vettura ha meno bisogno di aria di raffreddamento. Quando è chiuso, lo shutter migliora le prestazioni aerodinamiche deviando il flusso dell’aria intorno alla zona anteriore del veicolo e sotto i lati, invece che farlo passare attraverso il vano motore. Lo shutter si apre o si chiude in base alla temperatura del liquido di raffreddamento del motore ed alla velocità. Quando la nuova Opel Corsa affronta percorsi cittadini a temperature elevate o in salita lo shutter è aperto, mentre si chiude quando c’è meno necessità di raffreddare il motore come, ad esempio, nei percorsi autostradali. Tutti questi accorgimenti si sono resi necessari per rispettare i sempre più stringenti limiti in materia di CO2.  Un basso coefficiente di resistenza aerodinamica significa aver bisogno di una quantità di energia minore per far muovere la vettura e questo comporta una riduzione dei consumi di carburante e a un livello inferiore di emissioni. [post_title] => Nuova Opel Corsa: capolavoro aerodinamico [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => nuova-opel-corsa-capolavoro-aerodinamico [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-07-30 12:05:59 [post_modified_gmt] => 2019-07-30 10:05:59 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=648689 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Nuova Opel Corsa: capolavoro aerodinamico

Il CX di soli 0,29 è il più basso della categoria

L'attento studio aerodinamico ha consentito alla nuova Opel Corsa di raggiungere un coefficiente di penetrazione da record per il segmento così da ridurre ulteriormente consumi ed emissioni.

In attesa del debutto ufficiale che avverrà al Salone di Francoforte 2019, la nuova Opel Corsa fa già registrare un record. La citycar del marchio tedesco può infatti vantare un coefficiente di resistenza aerodinamica pari a solo 0,29, un valore da primato per il segmento B.

Studiata in galleria del vento

Grazie all’ingresso del marchio tedesco nel gruppo PSA, la nuova Opel Corsa ha potuto beneficiare della piattaforma CMP, la stessa della nuova Peugeot 208. Grazie a questa base il peso della vettura si è ridotto notevolmente sino a toccare quota 980 Kg.

Per garantire una maggiore efficienza, e consumi ancora più ridotti, gli ingegneri della Casa tedesca hanno ottimizzato l’aerodinamica della nuova Opel Corsa presso il Research Institute of Automotive Engineering and Vehicle Engines nella galleria del vento dell’Università di Stoccarda.

Grazie all’attento studio, la nuova Opel Corsa può adesso vantare un coefficiente di resistenza aerodinamica da record per una vettura del segmento B, pari a 0,29. Inoltre, rispetto alla precedente generazione, è stata ridotta l’area anteriore che adesso misura soli 2,13 m2.

L’accurata ricerca aerodinamica della nuova Opel Corsa è uno dei fiori all’occhiello dei tecnici tedeschi. Christian Muller, Managing Director Engineerign ha dichiarato: “L’aerodinamica è solo uno dei settori nei quali Opel sta aumentando l’efficienza delle proprie automobili. Motori benzina e diesel all’avanguardia e l’elettrificazione sono gli altri strumenti che stiamo utilizzando per tagliare significativamente i consumi di carburante e le emissioni di CO2. Tutte queste tecnologie sono presenti nella nostra nuova Corsa, che sarà inoltre disponibile per la prima volta in versione elettrica, con la Opel Corsa-e”.

Sottoscocca carenato

Per raggiungere il coefficiente di penetrazione aerodinamica di 0,29 gli ingegneri tedeschi hanno adottato numerosi accorgimenti sulla nuova Opel Corsa. il sottoscocca dal vano motore all’asse posteriore è rivestito con pannelli piatti che migliorano il flusso dell’aria, mentre lo spoiler posteriore riduce le turbolenze aerodinamiche e taglia la portanza sull’asse posteriore migliorando ulteriormente la stabilità della nuova Opel Corsa soprattutto alle velocità più elevate.

Lo shutter attivo migliora l’efficienza aerodinamica

Altra chicca presente sulla nuova Opel Corsa è lo shutter attivo che riduce la resistenza aerodinamica e aumenta l’efficienza dei consumi di carburante chiudendo automaticamente l’apertura della griglia anteriore quando la vettura ha meno bisogno di aria di raffreddamento.

Quando è chiuso, lo shutter migliora le prestazioni aerodinamiche deviando il flusso dell’aria intorno alla zona anteriore del veicolo e sotto i lati, invece che farlo passare attraverso il vano motore. Lo shutter si apre o si chiude in base alla temperatura del liquido di raffreddamento del motore ed alla velocità. Quando la nuova Opel Corsa affronta percorsi cittadini a temperature elevate o in salita lo shutter è aperto, mentre si chiude quando c’è meno necessità di raffreddare il motore come, ad esempio, nei percorsi autostradali.

Tutti questi accorgimenti si sono resi necessari per rispettare i sempre più stringenti limiti in materia di CO2.  Un basso coefficiente di resistenza aerodinamica significa aver bisogno di una quantità di energia minore per far muovere la vettura e questo comporta una riduzione dei consumi di carburante e a un livello inferiore di emissioni.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati