WP_Post Object ( [ID] => 651973 [post_author] => 24 [post_date] => 2019-08-21 17:22:21 [post_date_gmt] => 2019-08-21 15:22:21 [post_content] => La Bugatti Centodieci è stata senza dubbio una delle principali attrazione a Pebble Beach in occasione della Monterey Car Week. All'evento californiano, dove la nuova hypercar estrema di Bugatti si è presentata per la prima volta, Henry Cathcpole di Carfection ha avuto l'opportunità di parlare con il responsabile del design di Bugatti, Achim Anscheidt, per scoprire le caratteristiche stilistiche di questa dream car.

Evocazione della EB 110 Super Sport

La Centodieci è stata progettata per rendere omaggio all'iconica Bugatti EB 110 Super Sport, vettura che non a caso catalizza l'attenzione nella prima parte del video qui sopra, attraverso l'esemplare con carrozzeria gialla che era presente a Pebble Beach. Parliamo di una vettura estremamente rara ed esclusiva che tra i suoi selezionati proprietari ha vantato anche Michael Schumacher, con l'ex pilota di F1 che ne ha posseduto un esemplare giallo come quello esposto alla kermesse in California.

Tocchi stilistici in comune

Forse l'elemento di design più evidente che unisce la EB 110 Super Sport e la Centodieci sono le cinque iconiche prese d'aria circolari posizionato dietro i finestrini laterali. Tuttavia ci sono altri tratti estetici condivisi tra le due vettura. Ad esempio, la EB 110 SS era dotata di un cofano motore chiuso. Anscheidt propose inizialmente di progettare un cofano motore simile sulla Centodieci, idea che però ha trovato l'iniziale opposizione degli ingegneri di Bugatti motivata dal fatto che una soluzione di questo tipo non avrebbe permesso un adeguato raffreddamento del potente motore W16 quad-turbo. Alla fine, con un po' di creatività, Bugatti è riuscita a chiudere il cofano motore della Centodieci grazie a grandi e accattivanti prese d'aria ed estrattori, rendendo immediatamente distinguibile la nuova hypercar dalla Chiron.

Motore W16 da quasi 1.600 CV

Nonostante il motore sia lo stesso della Chiron, ovvero il W16 quad-turbo da 8.0 litri, sulla Centodieci sviluppa una potenza ancora più elevata arrivando a sfiorare i 1.600 CV. Le prestazioni di questa nuova Bugatti, nemmeno a dirlo, sono sensazionali: 0-100 km/h in 2,4 secondi, 0-200 km/h in 6,1 secondi e velocità massima limitata elettronicamente a 380 chilometri orari. Bugatti costruirà solo 10 esemplari della Centodieci, ognuno dei quali ha un esorbitante prezzo di oltre 8 milioni di euro, che sono già stati tutti venduti. Credit video: Youtube / Carfection [post_title] => Bugatti Centodieci: focus sul design della nuova hypercar [VIDEO] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => bugatti-centodieci-design-hypercar-prezzo [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-08-21 17:23:20 [post_modified_gmt] => 2019-08-21 15:23:20 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=651973 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Bugatti Centodieci: focus sul design della nuova hypercar [VIDEO]

Un gioiello da 8 milioni di euro in ricordo della EB 110

La Bugatti Centodieci, nuova hypercar in serie limitata da 10 unità che omaggia la EB 110, scopre le carte relative al suo aspetto attraverso le parole di Achim Anscheidt, capo design della lussuosa Casa franco-tedesca.
Bugatti Centodieci: focus sul design della nuova hypercar [VIDEO]

La Bugatti Centodieci è stata senza dubbio una delle principali attrazione a Pebble Beach in occasione della Monterey Car Week.

All’evento californiano, dove la nuova hypercar estrema di Bugatti si è presentata per la prima volta, Henry Cathcpole di Carfection ha avuto l’opportunità di parlare con il responsabile del design di Bugatti, Achim Anscheidt, per scoprire le caratteristiche stilistiche di questa dream car.

Evocazione della EB 110 Super Sport

La Centodieci è stata progettata per rendere omaggio all’iconica Bugatti EB 110 Super Sport, vettura che non a caso catalizza l’attenzione nella prima parte del video qui sopra, attraverso l’esemplare con carrozzeria gialla che era presente a Pebble Beach. Parliamo di una vettura estremamente rara ed esclusiva che tra i suoi selezionati proprietari ha vantato anche Michael Schumacher, con l’ex pilota di F1 che ne ha posseduto un esemplare giallo come quello esposto alla kermesse in California.

Tocchi stilistici in comune

Forse l’elemento di design più evidente che unisce la EB 110 Super Sport e la Centodieci sono le cinque iconiche prese d’aria circolari posizionato dietro i finestrini laterali. Tuttavia ci sono altri tratti estetici condivisi tra le due vettura. Ad esempio, la EB 110 SS era dotata di un cofano motore chiuso.

Anscheidt propose inizialmente di progettare un cofano motore simile sulla Centodieci, idea che però ha trovato l’iniziale opposizione degli ingegneri di Bugatti motivata dal fatto che una soluzione di questo tipo non avrebbe permesso un adeguato raffreddamento del potente motore W16 quad-turbo. Alla fine, con un po’ di creatività, Bugatti è riuscita a chiudere il cofano motore della Centodieci grazie a grandi e accattivanti prese d’aria ed estrattori, rendendo immediatamente distinguibile la nuova hypercar dalla Chiron.

Motore W16 da quasi 1.600 CV

Nonostante il motore sia lo stesso della Chiron, ovvero il W16 quad-turbo da 8.0 litri, sulla Centodieci sviluppa una potenza ancora più elevata arrivando a sfiorare i 1.600 CV. Le prestazioni di questa nuova Bugatti, nemmeno a dirlo, sono sensazionali: 0-100 km/h in 2,4 secondi, 0-200 km/h in 6,1 secondi e velocità massima limitata elettronicamente a 380 chilometri orari.

Bugatti costruirà solo 10 esemplari della Centodieci, ognuno dei quali ha un esorbitante prezzo di oltre 8 milioni di euro, che sono già stati tutti venduti.

Credit video: Youtube / Carfection

Bugatti Centodieci: focus sul design della nuova hypercar [VIDEO]
5 (100%) 4 votes
Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati