WP_Post Object ( [ID] => 653966 [post_author] => 24 [post_date] => 2019-09-02 19:36:03 [post_date_gmt] => 2019-09-02 17:36:03 [post_content] => Ora è ufficiale: Bugatti ha infranto la barriera dei 300 mph (482 km/h) con una Chiron modificata per l'occasione sul circuito tedesco di Ehra-Lessien con Andy Wallace al volante.  L'impresa che è valsa il nuovo record di velocità su strada, certificato dal TUV tedesco, è stata compiuta il 2 agosto scorso, con la Bugatti Chiron che ha raggiunto la velocità massima di 490,484 km/h.

La più veloce di tutte: oltre i 490 km/h

Bugatti ha lavorato in gran segreto negli ultimi sei mesi con Michelin e Dallara per creare una nuova versione della Chiron che fosse in grado di sfondare il muro dei 480 km/h. Così è stato, permettendo all'hypercar franco-tedesca di battere il precedente primato della Koenigsegg Ager RS ottenuto nel 2017.

Basta più record da inseguire per Bugatti

Parlando con Top Gear, il CEO di Bugatti Stephan Winkelmann, ha affermato che questo sarà l'ultimo record di velocità della Casa automobilistica, che non rincorrerà più il primato dell'auto di serie più veloce del mondo. Winkelmann ha detto: "Abbiamo dimostrato più volte di saper costruire le auto più veloci al mondo. In futuro ci concentreremo su altre aree".

Modifiche al modello di serie

Il prototipo della Bugatti Chiron da record è più lungo di 25 cm rispetto al modello di serie, questo principalmente per via di una coda allungata che abbassa ulteriormente l'alettone posteriore per ridurre la resistenza aerodinamica. Anche i nuovi quattro terminali di scarico aiutano, così come il diffusore posteriore più grande e più profondo. Tra le modifiche sono inclusi l'introduzione di uno splitter anteriore più grande e di una serie di prese d'aria sulle ruote. Frank Heyl, responsabile del design di Bugatti, ha spiegato: "La sfida più grande è stata quelle di ottenere un pacchetto di misure complessive adeguate, non solo design, aerodinamica, motore, pneumatici e quant'altro singolarmente. Il difficile è stato mettere tutto insieme per raggiungere la macchina perfetta".

Il motore W16 ha aumentato di 100 CV la potenza

Degli accorgimenti sono stati apportati anche al motore W16 quad-turbo da 8.0 litri, la cui potenza è stata aumentata di circa 100 CV, passando così da 1.500 a 1.600 CV. Sono rimasti invece immutati, rispetto al modello di serie della Bugatti Chiron, sia il cambio automatico che la trazione integrale. Bugatti descrive la Chiron da record come "prototipo quasi di serie", il che potrebbe suggerire una sua possibile evoluzione nella vociferata Chiron Super Sport. [post_title] => Bugatti Chiron, è suo il nuovo record di velocità su strada: 490,484 km/h [FOTO e VIDEO] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => bugatti-chiron-speed-record-2019 [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-09-02 19:38:09 [post_modified_gmt] => 2019-09-02 17:38:09 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=653966 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Bugatti Chiron, è suo il nuovo record di velocità su strada: 490,484 km/h [FOTO e VIDEO]

Ottenuto con un prototipo modificato rispetto al modello di serie

La Bugatti Chiron, con un prototipo modificato, ha ottenuto il nuovo record di velocità raggiungendo i 490 km/h.

Ora è ufficiale: Bugatti ha infranto la barriera dei 300 mph (482 km/h) con una Chiron modificata per l’occasione sul circuito tedesco di Ehra-Lessien con Andy Wallace al volante. 

L’impresa che è valsa il nuovo record di velocità su strada, certificato dal TUV tedesco, è stata compiuta il 2 agosto scorso, con la Bugatti Chiron che ha raggiunto la velocità massima di 490,484 km/h.

La più veloce di tutte: oltre i 490 km/h

Bugatti ha lavorato in gran segreto negli ultimi sei mesi con Michelin e Dallara per creare una nuova versione della Chiron che fosse in grado di sfondare il muro dei 480 km/h. Così è stato, permettendo all’hypercar franco-tedesca di battere il precedente primato della Koenigsegg Ager RS ottenuto nel 2017.

Basta più record da inseguire per Bugatti

Parlando con Top Gear, il CEO di Bugatti Stephan Winkelmann, ha affermato che questo sarà l’ultimo record di velocità della Casa automobilistica, che non rincorrerà più il primato dell’auto di serie più veloce del mondo. Winkelmann ha detto: “Abbiamo dimostrato più volte di saper costruire le auto più veloci al mondo. In futuro ci concentreremo su altre aree”.

Modifiche al modello di serie

Il prototipo della Bugatti Chiron da record è più lungo di 25 cm rispetto al modello di serie, questo principalmente per via di una coda allungata che abbassa ulteriormente l’alettone posteriore per ridurre la resistenza aerodinamica. Anche i nuovi quattro terminali di scarico aiutano, così come il diffusore posteriore più grande e più profondo. Tra le modifiche sono inclusi l’introduzione di uno splitter anteriore più grande e di una serie di prese d’aria sulle ruote.

Frank Heyl, responsabile del design di Bugatti, ha spiegato: “La sfida più grande è stata quelle di ottenere un pacchetto di misure complessive adeguate, non solo design, aerodinamica, motore, pneumatici e quant’altro singolarmente. Il difficile è stato mettere tutto insieme per raggiungere la macchina perfetta”.

Il motore W16 ha aumentato di 100 CV la potenza

Degli accorgimenti sono stati apportati anche al motore W16 quad-turbo da 8.0 litri, la cui potenza è stata aumentata di circa 100 CV, passando così da 1.500 a 1.600 CV. Sono rimasti invece immutati, rispetto al modello di serie della Bugatti Chiron, sia il cambio automatico che la trazione integrale. Bugatti descrive la Chiron da record come “prototipo quasi di serie”, il che potrebbe suggerire una sua possibile evoluzione nella vociferata Chiron Super Sport.

Bugatti Chiron, è suo il nuovo record di velocità su strada: 490,484 km/h [FOTO e VIDEO]
5 (100%) 2 votes
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati