WP_Post Object ( [ID] => 653906 [post_author] => 24 [post_date] => 2019-09-02 17:50:36 [post_date_gmt] => 2019-09-02 15:50:36 [post_content] => La Maserati Quattroporte racchiude nel nome, in maniera molto chiara ed esplicita, la sua configurazione. Parliamo infatti di una classica berlina quattro porte di livello premium in grado di esercitare un grande fascino tra appassionati e non. C'è chi ha provato a dare una nuova natura ed un nuovo spirito alla Quattroporte, ad esempio trasformandola in un elegante wagon e soprannominandola Cinqueporte, proponendo sostanzialmente, al di là del bisticcio di parole, una Quattroporte a cinque porte dalle dimensioni allungate.

La Maserati Touring Bellagio Sportback

Un primo esempio di Quattroporte con una porta aggiuntiva che ne ha trasformato forme e proporzioni risale ad una decina d'anni fa. Era il 2009 quando la Carrozzeria Touring realizzò quattro esemplari delle Quattroporte shooting brake, che venne ribattezzata Maserati Touring Bellagio Sportback. Quell'auto era basata sulla Quattroporte con motore V8 da 4.2 litri con 400 CV di potenza.

Bagagliaio gigante

La Quattroporte shooting brake aveva rivoluzionato completamente il posteriore allungando le dimensioni per fare spazio a un generoso bagagliaio. Tuttavia non era solo una Quattroporte più capiente, dato che la vettura aveva anche dei nuovi accessori, come il vano porta armi per riporre due fucili da caccia, il mini-frigo per lo champagne, il divisorio per il trasporto di animali domestici e il sedile posteriore pieghevole. La vettura era impreziosita da carrozzeria in verde bosco, mentre gli interni proponevano rivestimenti in pelle e legno.

A caccia di un nuovo progetto di trasformazione

Un esemplare della Maserati Touring Bellagio Sportback è stato battuto all'asta da RM Sotheby per un prezzo, non eccessivo, di 117.600 euro. Un cliente Maserati che non è riuscito ad acquistare uno dei quattro esemplari ha cercato qualche altro elaboratore che fosse in grado di trasformare in wagon la sua Quattroporte bianca con motore V6 turbodiesel da 270 CV. Diverse società con le quali il proprietario della Quattroporte era entrato in contatto hanno chiesto più di 200.000 sterline e tanto tempo per portare a termine il progetto. Fin quando non ha contattato Adam Redding Classic Cars, società che si occupa di riparazione della carrozzeria e di restauri di auto d'epoca, che ha proposto condizioni accettabili per il cliente dando così il via al tuning.

Il tuning di Adam Redding Classic Cars

La prima parte del progetto è stata quella di ridefinire il design del finestrino laterale posteriore. Sebbene questo sia stato suggerito dalla Maserati Touring Bellagio Sportback, in questo caso ricorda un po' quello della Maserati CLS Shooting Brake. La seconda operazione ha riguardato la lavorazione della carrozzeria. Dopo aver trovato un'auto a cinque porte che si adattasse alle dimensioni della Quattroporte, questa è stata smontata per fornire alla Maserati portellone posteriore, montanti posteriori e una parte del tetto. Il vero problema era quello dell'elettronica, dovendo collegare il computer di bordo con il portellone del bagagliaio. Operazione quest'ultima che ha richiesto un passaggio in un concessionario Maserati. Successivamente la vettura è stata riverniciata in grigio argento.

Necessarie 1.500 ore di lavoro

Adam Redding ha sottolineato che per la realizzazione della Maserati Cinqueporte sono state necessarie circa 1.500 ore di lavoro. Tuttavia, grazie ai dati della lavorazione che sono stati digitalizzati, la prossima volta saranno in grado di effettuare il progetto riducendo il tempo a 1.000 ore. Il risultato è quello di un'auto perfettamente equilibrata e proporzionata, che ha soddisfatto pienamente il proprietario della Quattroporte che può godersi una vera shooting brake senza dover acquistare una nuova auto. La vettura sembra quasi essere una produzione originale di Maserati. Sebbene la Casa del Tridente abbia affermato più volte che la Quattroporte resterà una berlina, questa Cinqueporte apre nuova possibilità ai proprietari della vettura che vogliono qualcosa di diverso. [post_title] => Maserati Cinqueporte: sognando l'inedita variante shooting brake [TUNING] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => maserati-cinqueporte-quattroporte-shooting-brake-wagon-tuning [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-09-02 17:50:36 [post_modified_gmt] => 2019-09-02 15:50:36 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=653906 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Maserati Cinqueporte: sognando l’inedita variante shooting brake [TUNING]

Trasformazione resa concreta in due progetti

La Maserati Quattroporte, da classica berlina premium viene trasformata in una Cinqueporte, versione shooting brake con ampio bagagliaio e posteriore allungato. L'idea concretizzata in un paio di progetti di tuning.
Maserati Cinqueporte: sognando l’inedita variante shooting brake [TUNING]

La Maserati Quattroporte racchiude nel nome, in maniera molto chiara ed esplicita, la sua configurazione. Parliamo infatti di una classica berlina quattro porte di livello premium in grado di esercitare un grande fascino tra appassionati e non.

C’è chi ha provato a dare una nuova natura ed un nuovo spirito alla Quattroporte, ad esempio trasformandola in un elegante wagon e soprannominandola Cinqueporte, proponendo sostanzialmente, al di là del bisticcio di parole, una Quattroporte a cinque porte dalle dimensioni allungate.

La Maserati Touring Bellagio Sportback

Un primo esempio di Quattroporte con una porta aggiuntiva che ne ha trasformato forme e proporzioni risale ad una decina d’anni fa. Era il 2009 quando la Carrozzeria Touring realizzò quattro esemplari delle Quattroporte shooting brake, che venne ribattezzata Maserati Touring Bellagio Sportback. Quell’auto era basata sulla Quattroporte con motore V8 da 4.2 litri con 400 CV di potenza.

Bagagliaio gigante

La Quattroporte shooting brake aveva rivoluzionato completamente il posteriore allungando le dimensioni per fare spazio a un generoso bagagliaio. Tuttavia non era solo una Quattroporte più capiente, dato che la vettura aveva anche dei nuovi accessori, come il vano porta armi per riporre due fucili da caccia, il mini-frigo per lo champagne, il divisorio per il trasporto di animali domestici e il sedile posteriore pieghevole. La vettura era impreziosita da carrozzeria in verde bosco, mentre gli interni proponevano rivestimenti in pelle e legno.

A caccia di un nuovo progetto di trasformazione

Un esemplare della Maserati Touring Bellagio Sportback è stato battuto all’asta da RM Sotheby per un prezzo, non eccessivo, di 117.600 euro. Un cliente Maserati che non è riuscito ad acquistare uno dei quattro esemplari ha cercato qualche altro elaboratore che fosse in grado di trasformare in wagon la sua Quattroporte bianca con motore V6 turbodiesel da 270 CV.

Diverse società con le quali il proprietario della Quattroporte era entrato in contatto hanno chiesto più di 200.000 sterline e tanto tempo per portare a termine il progetto. Fin quando non ha contattato Adam Redding Classic Cars, società che si occupa di riparazione della carrozzeria e di restauri di auto d’epoca, che ha proposto condizioni accettabili per il cliente dando così il via al tuning.

Il tuning di Adam Redding Classic Cars

La prima parte del progetto è stata quella di ridefinire il design del finestrino laterale posteriore. Sebbene questo sia stato suggerito dalla Maserati Touring Bellagio Sportback, in questo caso ricorda un po’ quello della Maserati CLS Shooting Brake. La seconda operazione ha riguardato la lavorazione della carrozzeria. Dopo aver trovato un’auto a cinque porte che si adattasse alle dimensioni della Quattroporte, questa è stata smontata per fornire alla Maserati portellone posteriore, montanti posteriori e una parte del tetto. Il vero problema era quello dell’elettronica, dovendo collegare il computer di bordo con il portellone del bagagliaio. Operazione quest’ultima che ha richiesto un passaggio in un concessionario Maserati. Successivamente la vettura è stata riverniciata in grigio argento.

Necessarie 1.500 ore di lavoro

Adam Redding ha sottolineato che per la realizzazione della Maserati Cinqueporte sono state necessarie circa 1.500 ore di lavoro. Tuttavia, grazie ai dati della lavorazione che sono stati digitalizzati, la prossima volta saranno in grado di effettuare il progetto riducendo il tempo a 1.000 ore. Il risultato è quello di un’auto perfettamente equilibrata e proporzionata, che ha soddisfatto pienamente il proprietario della Quattroporte che può godersi una vera shooting brake senza dover acquistare una nuova auto. La vettura sembra quasi essere una produzione originale di Maserati. Sebbene la Casa del Tridente abbia affermato più volte che la Quattroporte resterà una berlina, questa Cinqueporte apre nuova possibilità ai proprietari della vettura che vogliono qualcosa di diverso.

Maserati Cinqueporte: sognando l’inedita variante shooting brake [TUNING]
5 (100%) 1 vote
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati