Porsche Taycan: l’elettrica sfreccia a 145 km/h sulla portaerei USS Hornet [VIDEO]

Porsche Taycan: l’elettrica sfreccia a 145 km/h sulla portaerei USS Hornet [VIDEO]

Ha impiegato 10,7 secondi per lo 0-145-0 km

La Porsche Taycan dà un ulteriore dimostrazione delle sue capacità dinamiche di vettura sportiva e veloce sulla portaerei americana USS Hornet.
Porsche Taycan: l’elettrica sfreccia a 145 km/h sulla portaerei USS Hornet [VIDEO]

In California, la portaerei americana USS Hornet ha fatto da suggestivo scenario per la nuova dimostrazione di forza e potenza della Porsche Taycan, la sportiva 100% elettriche che la Casa tedesca presenterà ufficialmente domani 4 settembre prima di mostrarla in anteprima al Salone di Francoforte. 

Fino a 145 km/h sul ponte della portaerei

Il costruttore di Stoccarda ha fatto salire un prototipo della Porsche Taycan a bordo della USS Hornet e qui ha dato sfoggio alla sua possente accelerazione. La nuova vettura elettrica è riuscita a raggiungere le 90 miglia orarie, pari a 145 chilometri orari, fermandosi nel limitato spazio della portaerei statunitense.

La prova della Porsche Taycan si è svolta in meno di 300 metri, per l’esattezza in 267,91 metri che è la misura della lunghezza del ponte della nave da guerra. Qui l’elettrica tedesca si è affidata alla potenza dei propulsori a batteria di cui è dotata, affiancata da trazione integrale e Launch Control, oltre che all’efficienza dell’avanzato impianto frenante.

Accelerazione e frenata in 10,7 secondi

Al volante della Taycan sulla USS Hornet c’era Shea Holbrook che, pur con tutte le difficoltà del caso come le sconnessioni presenti sulla superficie del percorso, è riuscito a fermare la vettura 30 metri prima della fine del ponte. La repentina accelerazione, che ha portato la Porsche Taycan, scattando da fermo, a raggiungere la velocità di 90,58 miglia orarie dopo 128,62 metri, si è conclusa con l’arresto della vettura avvenuto dopo 10,7 secondi dall’inizio della prova.

Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati