WP_Post Object ( [ID] => 652255 [post_author] => 84 [post_date] => 2019-09-03 16:00:59 [post_date_gmt] => 2019-09-03 14:00:59 [post_content] =>

Skoda Kamiq, il SUV compatto

La nuova Skoda Kamiq è il terzo SUV di Skoda, dopo Skoda Karoq e Kodiaq. Il suo nome, Kamiq, è un termine mutuato della lingua inuit che indica una sensazione di assoluta perfezione, una seconda pelle, una capacità di adattamento in qualsiasi circostanza. Su questo pensiero è nato il crossover compatto, studiato appositamente per dare il meglio e adattarsi perfettamente alla giungla urbana, per svicolare nel traffico grazie alle sue dimensioni discrete senza, pero', dimenticare la possibilità di avere una grande abitabilità.

Estetica e design

La Skoda Kamiq è lunga 424 cm e ciò gli permette di posizionarsi all'interno della categoria dei 'piccoli' city SUV. Le linee e le forme del corpo sono squadrate e nette, come impone la tradizione Skoda, con un cofano muscoloso e striato che sovrasta il nuovo gruppo ottico anteriore diviso in due parti, su due livelli, con le luci diurne a LED che trovano posto proprio sopra i fari (la versione full-LED include fendinebbia, luci laterali statiche e indicatori di direzione anteriori e posteriori dinamici). Questi, idealmente, abbracciano un altro segno distintivo di Skoda, ossia l'ampia calandra tridimensionale, posizionata sopra la grande bocca d'aerazione, nella parte più inferiore del 'viso'. L'anteriore si collega al fianco e alla coda grazie al solco che parte dai fari e che prosegue la sua corsa tagliando tutto il lato della carrozzeria, donandogli un look dinamico e sportivo, completato dalla presenza dei cerchi in lega da 16 a 18 pollici. Non è finita qui. La striatura laterale si congiunge con le luci della coda del posteriore che mette in mostra i gruppi ottici tipici Skoda appuntiti e il nome Skoda in stampatello, senza contare il paraurti in rilievo nella parte più bassa e in cima un accenno di spoiler  che alimenta il piglio sportivo.

Interni e abitacolo

All'interno, il SUV compatto di Skoda presenta uno stile inedito per gli interni, ringiovaniti e tecnologici, che attraggono lo sguardo del conducente sul grande touch-screen a sviluppo verticale posizionato in alto sulla plancia e che arriva a misurare fino a 9,2 pollici (8 per le versioni base). Questo va a braccetto con l'introduzione del Virtual Cockpit (optional) che misura 10,25 pollici e che permette di scegliere tra diverse schermate personalizzate, per la strumentazione di bordo, che vanno dai menu dedicati alla navigazione fino a quelli specifici per il consumo. L'abitacolo è costruito con cura e attenzione e segue le linee nette e squadrate della carrozzeria, senza contare che sono stati usati materiali di buona qualità con l'ampio uso di plastica morbida, talvolta ricoperta da diversi 'rilievi', e plastica più dura ma sempre di buonissima fattura. Le prese d’aria laterali vanno a toccare le portiere dando un effetto di maggiore spazio per gli interni. La sensazione da salottino curato viene poi enfatizzata dalla presenza dell’ambient lighting, disponibile in tre colori (bianco, rosso e rame) che contribuisce a rendere l'ambiente interno curato e confortevole.

Abitabilità e bagagliaio

La nuova Skoda Kamiq (4.241 mm di lunghezza, 1.793 mm di larghezza, 1.531 mm di altezza, 2.651 mm di passo) è costruita sulla piattaforma MQB ed è parente stretta della Skoda Scala (qui la nostra prova-video). Quindi, come lei, offre spazi interni generosi solitamente riservati ai segmenti superiori con l'ampio spazio per i sedili anteriori e soprattutto per il divanetto posteriore che permette ai nostri passeggeri di avere tutto lo spazio necessario per gambe, spalle e testa. Il bagagliaio ha una capacità di 400 litri, che aumenta fino a 1.395 litri abbattendo i sedili posteriori. Come soluzione opzionale, il sedile del passeggero può essere abbattuto, permettendo di trasportare oggetti lunghi fino a 2.447 mm.

Propulsori benzina, diesel e metano

Tutti i motori della nuova Skoda Kamiq sono unità a iniezione diretta con turbocompressore. I propulsori sono dotati della tecnologia Start/Stop e rispettano i severi limiti di emissioni Euro 6d-TEMP. Il motore di accesso è un 1.0 TSI 95 CV ed è abbinato a un cambio manuale a 5 rapporti. Il 1.0 TSI 115 CV monta un cambio manuale a 6 marce, ma può anche essere abbinato al cambio automatico DSG a 7 rapporti. Il motore top di gamma è il quattro cilindri 1.5 TSI 150 CV, con Active Cylinder Technology (ACT) che spegne automaticamente due cilindri a carichi ridotti, permettendo così di risparmiare carburante. In alternativa al cambio manuale a 6 marce, questo motore è disponibile anche con cambio automatico DSG a 7 rapporti. I tre motori a benzina sono tutti dotati di filtro anti-particolato. Anche il motore Diesel quattro cilindri 1.6 TDI 115 CV presenta di serie catalizzatore SCR con iniezione di AdBlue e filtro Diesel anti-particolato. Questo efficiente motore a Diesel è combinato di serie al cambio manuale a 6 marce, mentre il cambio DSG a 7 rapporti è disponibile a richiesta. Per gli amanti del metano la nuova Kamiq sarà proposta anche con la motorizzazione 1.0 G-TEC a metano, particolarmente efficiente ed eco-sostenibile. Questo motore a tre cilindri genera 90 CV di potenza. Il cambio di serie è manuale a 6 marce.

La prova su strada

La Skoda Kamiq 2019, nella guida, è dinamica e agile sia sulle strade urbane che in quelle extra urbane. Si viaggia divertendosi al volante ed è pure possibile impegnarsi in qualche tornante veloce. Ovviamente non è il caso di strafare ma il SUV di Skoda riesce a rispondere ai comandi con reattività e prontezza grazie ad un avantreno preciso che comunica con lo sterzo. Ecco, il volante svolge bene il suo lavoro anche se è più comunicativo agli angoli di sterzo più elevati, risultando un po' vuoto nella zona centrale e con angoli minori. L'assetto generale è equilibrato e ci permette di superare senza problemi i dossi, le buche e i pavè della città ma anche di divertirci danzando tra le curve delle strade più sgombre dal traffico. Se proprio volete una guida ancora più racing allora vi conviene scegliere l’assetto sportivo regolabile Sport Chassis Control, un assetto dalla configurazione sportiva ribassato di 10 mm. In questo caso, tramite la modalità di guida Driving Mode Select è possibile scegliere tra le modalità Normal e Sport. La nuova Skoda Kamiq si comporta bene anche in autostrada dove permettere di viaggiare in silenzio, grazie all'abitacolo ben insonorizzato, e soprattutto in sicurezza grazie alla presenza, di serie, del Front Assistant e del Lane Assistant. Il Front Assistant include il City Emergency Brake ed è il sistema che permette di riconoscere i pedoni, monitorando l'area davanti all'auto durante la guida così da prevenire eventuali incidenti. Il Lane Assistant, invece, riconosce le linee che delimitano la corsia e aiuta il conducente a non oltrepassarle. Oltre a questi è possibile aggiungere altri 'angeli custodi della guida' presenti a listino come l'Adaptive Cruise Control (di serie) che regola automaticamente la velocità del veicolo in base a quella del veicolo antecedente, il sistema che rileva la stanchezza del guidatore oltre al Rear Traffic Alert che segnala oggetti in movimento dietro il veicolo in fase di retromarcia.

Motore e consumi

Per il nostro test drive abbiamo scelto la Skoda Kamiq 2019 dotata del motore 1.0 TSI da 115 CV (per la prova su strada era possibile scegliere tra il suddetto e il 1.6 TDI da 115 CV) che su strada mi ha restituito una sensazione di guida fluida. La coppia mi ha sorpreso positivamente essendo corposa, lineare e pronta già a partire dai 2.000 giri in su. E i consumi? Su un percorso comprendente sia strade urbane, extra urbane e un po’ di autostrada, il computer di bordo ci ha segnalato un consumo medio di 7,5 litri per 100 km.

Prezzo e data d'uscita

E infine come non parlare del prezzo! Ancora non e presente un listino ufficiale ma secondo le ultime indiscrezioni 'carpite' durante l'evento internazionale per provare la Kamiq, il prezzo di lancio dovrebbe essere di 18.000 euro circa. Ma non è finita qui. Il listino ufficiale arriverà solo nel mese di ottobre con la prima uscita della Skoda Kamiq 2019 nelle concessionarie prevista per la terza settimana di novembre. [post_title] => Skoda Kamiq 2019: la PROVA su STRADA del SUV compatto [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => skoda-kamiq-2019-prova-prezzo-uscita-interni-metano-dimensioni-motori [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-09-04 12:32:31 [post_modified_gmt] => 2019-09-04 10:32:31 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=652255 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Skoda Kamiq 2019: la PROVA su STRADA del SUV compatto

La Skoda Kamiq è il SUV più piccolo di casa Skoda

La Skoda Kamiq è il SUV più piccolo di casa Skoda, la prova su strada con prezzo, data d'uscita, interni, consumi, dimensioni e listino dei motori metano, benzina e diesel

Skoda Kamiq, il SUV compatto

La nuova Skoda Kamiq è il terzo SUV di Skoda, dopo Skoda Karoq e Kodiaq. Il suo nome, Kamiq, è un termine mutuato della lingua inuit che indica una sensazione di assoluta perfezione, una seconda pelle, una capacità di adattamento in qualsiasi circostanza. Su questo pensiero è nato il crossover compatto, studiato appositamente per dare il meglio e adattarsi perfettamente alla giungla urbana, per svicolare nel traffico grazie alle sue dimensioni discrete senza, pero’, dimenticare la possibilità di avere una grande abitabilità.

Estetica e design

La Skoda Kamiq è lunga 424 cm e ciò gli permette di posizionarsi all’interno della categoria dei ‘piccoli’ city SUV. Le linee e le forme del corpo sono squadrate e nette, come impone la tradizione Skoda, con un cofano muscoloso e striato che sovrasta il nuovo gruppo ottico anteriore diviso in due parti, su due livelli, con le luci diurne a LED che trovano posto proprio sopra i fari (la versione full-LED include fendinebbia, luci laterali statiche e indicatori di direzione anteriori e posteriori dinamici). Questi, idealmente, abbracciano un altro segno distintivo di Skoda, ossia l’ampia calandra tridimensionale, posizionata sopra la grande bocca d’aerazione, nella parte più inferiore del ‘viso’. L’anteriore si collega al fianco e alla coda grazie al solco che parte dai fari e che prosegue la sua corsa tagliando tutto il lato della carrozzeria, donandogli un look dinamico e sportivo, completato dalla presenza dei cerchi in lega da 16 a 18 pollici. Non è finita qui. La striatura laterale si congiunge con le luci della coda del posteriore che mette in mostra i gruppi ottici tipici Skoda appuntiti e il nome Skoda in stampatello, senza contare il paraurti in rilievo nella parte più bassa e in cima un accenno di spoiler  che alimenta il piglio sportivo.

Interni e abitacolo

All’interno, il SUV compatto di Skoda presenta uno stile inedito per gli interni, ringiovaniti e tecnologici, che attraggono lo sguardo del conducente sul grande touch-screen a sviluppo verticale posizionato in alto sulla plancia e che arriva a misurare fino a 9,2 pollici (8 per le versioni base). Questo va a braccetto con l’introduzione del Virtual Cockpit (optional) che misura 10,25 pollici e che permette di scegliere tra diverse schermate personalizzate, per la strumentazione di bordo, che vanno dai menu dedicati alla navigazione fino a quelli specifici per il consumo. L’abitacolo è costruito con cura e attenzione e segue le linee nette e squadrate della carrozzeria, senza contare che sono stati usati materiali di buona qualità con l’ampio uso di plastica morbida, talvolta ricoperta da diversi ‘rilievi’, e plastica più dura ma sempre di buonissima fattura. Le prese d’aria laterali vanno a toccare le portiere dando un effetto di maggiore spazio per gli interni. La sensazione da salottino curato viene poi enfatizzata dalla presenza dell’ambient lighting, disponibile in tre colori (bianco, rosso e rame) che contribuisce a rendere l’ambiente interno curato e confortevole.

Abitabilità e bagagliaio

La nuova Skoda Kamiq (4.241 mm di lunghezza, 1.793 mm di larghezza, 1.531 mm di altezza, 2.651 mm di passo) è costruita sulla piattaforma MQB ed è parente stretta della Skoda Scala (qui la nostra prova-video). Quindi, come lei, offre spazi interni generosi solitamente riservati ai segmenti superiori con l’ampio spazio per i sedili anteriori e soprattutto per il divanetto posteriore che permette ai nostri passeggeri di avere tutto lo spazio necessario per gambe, spalle e testa. Il bagagliaio ha una capacità di 400 litri, che aumenta fino a 1.395 litri abbattendo i sedili posteriori. Come soluzione opzionale, il sedile del passeggero può essere abbattuto, permettendo di trasportare oggetti lunghi fino a 2.447 mm.

Propulsori benzina, diesel e metano

Tutti i motori della nuova Skoda Kamiq sono unità a iniezione diretta con turbocompressore. I propulsori sono dotati della tecnologia Start/Stop e rispettano i severi limiti di emissioni Euro 6d-TEMP. Il motore di accesso è un 1.0 TSI 95 CV ed è abbinato a un cambio manuale a 5 rapporti. Il 1.0 TSI 115 CV monta un cambio manuale a 6 marce, ma può anche essere abbinato al cambio automatico DSG a 7 rapporti. Il motore top di gamma è il quattro cilindri 1.5 TSI 150 CV, con Active Cylinder Technology (ACT) che spegne automaticamente due cilindri a carichi ridotti, permettendo così di risparmiare carburante. In alternativa al cambio manuale a 6 marce, questo motore è disponibile anche con cambio automatico DSG a 7 rapporti. I tre motori a benzina sono tutti dotati di filtro anti-particolato. Anche il motore Diesel quattro cilindri 1.6 TDI 115 CV presenta di serie catalizzatore SCR con iniezione di AdBlue e filtro Diesel anti-particolato. Questo efficiente motore a Diesel è combinato di serie al cambio manuale a 6 marce, mentre il cambio DSG a 7 rapporti è disponibile a richiesta. Per gli amanti del metano la nuova Kamiq sarà proposta anche con la motorizzazione 1.0 G-TEC a metano, particolarmente efficiente ed eco-sostenibile. Questo motore a tre cilindri genera 90 CV di potenza. Il cambio di serie è manuale a 6 marce.

La prova su strada

La Skoda Kamiq 2019, nella guida, è dinamica e agile sia sulle strade urbane che in quelle extra urbane. Si viaggia divertendosi al volante ed è pure possibile impegnarsi in qualche tornante veloce. Ovviamente non è il caso di strafare ma il SUV di Skoda riesce a rispondere ai comandi con reattività e prontezza grazie ad un avantreno preciso che comunica con lo sterzo. Ecco, il volante svolge bene il suo lavoro anche se è più comunicativo agli angoli di sterzo più elevati, risultando un po’ vuoto nella zona centrale e con angoli minori. L’assetto generale è equilibrato e ci permette di superare senza problemi i dossi, le buche e i pavè della città ma anche di divertirci danzando tra le curve delle strade più sgombre dal traffico.

Se proprio volete una guida ancora più racing allora vi conviene scegliere l’assetto sportivo regolabile Sport Chassis Control, un assetto dalla configurazione sportiva ribassato di 10 mm. In questo caso, tramite la modalità di guida Driving Mode Select è possibile scegliere tra le modalità Normal e Sport.

La nuova Skoda Kamiq si comporta bene anche in autostrada dove permettere di viaggiare in silenzio, grazie all’abitacolo ben insonorizzato, e soprattutto in sicurezza grazie alla presenza, di serie, del Front Assistant e del Lane Assistant. Il Front Assistant include il City Emergency Brake ed è il sistema che permette di riconoscere i pedoni, monitorando l’area davanti all’auto durante la guida così da prevenire eventuali incidenti. Il Lane Assistant, invece, riconosce le linee che delimitano la corsia e aiuta il conducente a non oltrepassarle. Oltre a questi è possibile aggiungere altri ‘angeli custodi della guida’ presenti a listino come l’Adaptive Cruise Control (di serie) che regola automaticamente la velocità del veicolo in base a quella del veicolo antecedente, il sistema che rileva la stanchezza del guidatore oltre al Rear Traffic Alert che segnala oggetti in movimento dietro il veicolo in fase di retromarcia.

Motore e consumi

Per il nostro test drive abbiamo scelto la Skoda Kamiq 2019 dotata del motore 1.0 TSI da 115 CV (per la prova su strada era possibile scegliere tra il suddetto e il 1.6 TDI da 115 CV) che su strada mi ha restituito una sensazione di guida fluida. La coppia mi ha sorpreso positivamente essendo corposa, lineare e pronta già a partire dai 2.000 giri in su. E i consumi? Su un percorso comprendente sia strade urbane, extra urbane e un po’ di autostrada, il computer di bordo ci ha segnalato un consumo medio di 7,5 litri per 100 km.

Prezzo e data d’uscita

E infine come non parlare del prezzo! Ancora non e presente un listino ufficiale ma secondo le ultime indiscrezioni ‘carpite’ durante l’evento internazionale per provare la Kamiq, il prezzo di lancio dovrebbe essere di 18.000 euro circa. Ma non è finita qui. Il listino ufficiale arriverà solo nel mese di ottobre con la prima uscita della Skoda Kamiq 2019 nelle concessionarie prevista per la terza settimana di novembre.

Skoda Kamiq 2019: la PROVA su STRADA del SUV compatto
5 (99.31%) 29 votes
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati