Mini Clubman 2020: la PROVA SU STRADA della Cooper S All4 [VIDEO]

Le prime impressioni di guida sulla rinnovata britannica

Abbiamo messo alla prova la nuova Mini Clubman sulle strade nei dintorni di Milano: le nostre prime impressioni di guida sulla rinnovata vettura britannica, con uno sguardo anche a design, interni, consumi e prezzi.

La Mini Clubman è uno dei modelli principali per il marchio britannico sul mercato italiano, con il 12% dei volumi della casa, ed è stata rinnovata con il classico restyling di metà carriera. La vettura ha ricevuto aggiornamenti dal punto di vista estetico ed anche per quanto riguarda le motorizzazioni, con anche una versione di lancio esclusiva dall’Italia denominata Mayfair Edition.

Abbiamo avuto l’occasione di provarla sulle strade nei dintorni di Milano, partendo dal capoluogo lombardo ed arrivando fino alla Brianza (e ritorno), per avere le prime impressioni di guida su questo rinnovato modello. Noi ci siamo messi al volante della Mini Clubman Cooper S All4, equipaggiata con il motore 2.0 benzina da 192 CV, nella versione top di gamma Sport.

Le caratteristiche della Mini Clubman 2020

La nuova Mini Clubman si riconosce immediatamente sin dal primo sguardo, visto un frontale completamente rinnovato. La griglia anteriore è di nuova concezione e si estende su tutto il paraurti, così come sono stati introdotti i fari a LED con funzione Matrix per gli abbagliati ed i rinnovati cerchi in lega leggera da 18 pollici. Per dare ancora più sensazione di sportività, inoltre, la vettura del marchio britannico ha un assetto ribassato di 10 millimetri, con le nuove sospensioni sportive.

Non manca la classica anima british anche alla versione 2020 della Clubman, rispecchiata soprattutto nei nuovi fanali posteriori, dove è presente il design della bandiera britannica Union Jack. Infine, questo modello si presenta con tre nuove finiture della carrozzeria, tra cui la Indian Summer Red metallic della nostra prova su strada.

Mini Clubman 2020: interni e connettività

Entrando nell’abitacolo, viene ripreso questo stile sportivo, ma soprattutto si notano le ottime rifiniture interne, dove c’è pochissimo spazio per le plastiche e dove sono presenti nuovi rivestimenti per gli interni e per i sedili. È facile ed immediato trovare una posizione di guida ideale, grazie alla possibilità di regolare i sedili ed il volante, potendo così effettuare anche tragitti piuttosto lunghi senza avere particolari disagi.

Ovviamente, c’è ampio spazio per la tecnologia e per la connettività, con una SIM già integrata nell’auto con la tecnologia 4G per essere sempre connessi, con dati in tempo reale su traffico ed anche la possibilità di leggere le news. Tuttavia, la scheda telefonica serve anche per la sicurezza, permettendo di rendere sempre disponibile una chiamata di emergenza, con rilevamento automatico della posizione del veicolo, in caso di problemi o incidente.

La plancia è dominata dallo schermo a colori da 6,5 pollici touschcreen al centro, tramite cui è possibile gestire tutte le informazioni della vettura e dell’infotainment. L’utilizzo è intuitivo e permette di accedere a radio, musica, compatibilità con lo smartphone con Apple CarPlay ed al navigatore, quest’ultimo però un po’ poco intuitivo e non sempre chiaro nelle indicazioni. Presente anche la ricarica wireless per cellulari nel tunnel centrale.

Come va su strada la nuova Mini Clubman

Ora è tempo di metterci al volante della nuova Mini Clubman, per cui premiamo la leva Start/Stop sotto lo schermo a colori ed accendiamo il motore 2.0 benzina da 192 CV e 280 Nm di coppia massima. I cavalli non mancano, anche se gli oltre 1.500 kg un po’ si fanno sentire: se la modalità di guida Eco è dedicata a chi vuole risparmiare carburante e non ha necessità di sprint, passando alla Intermedia aumenta la spinta, che diventa più importante con la modalità Sport. Una risposta un po’ più rapida all’acceleratore non ci sarebbe, però, dispiaciuta.

Detto questo, la Clubman S All4 si guida in maniera confortevole sia in autostrada, dove c’è un’ottima silenziosità anche a velocità più elevate e si può utilizzare il cruise control adattivo per mantenere velocità e distanza dalle altre vetture, così come su strade cittadine o collinari, dove vengono assorbiti bene anche dossi o imperfezioni della strada.

Lo sterzo è preciso e permette di inserirsi bene in curva, così come la trasmissione Steptronic ad 8 rapporti ha una cambiata rapida, mentre la frenata è un po’ lunga. Non mancano i sistemi di assistenza alla guida per dare maggiore sicurezza e comfort al volante: dal riconoscimento dei segnali stradali alla frenata automatica di emergenza, passando ai fari High Beam per avere sempre una visibilità ottimale al buio, senza abbagliare gli altri automobilisti.

Consumi e prezzi della Mini Clubman 2020

Il nostro percorso è stato di 99 chilometri ed il computer di bordo ha rilevato un consumo di 10,2 litri ogni 100 chilometri, per poco più di due ore al volante con una velocità media mantenuta di 43,9 km/h, in un percorso più cittadino/extraurbano che in autostrada o strade a scorrimento veloce.

Chiudiamo questa recensione della nuova Mini Clubman con uno sguardo ai prezzi: la versione d’ingresso parte da 23.950 euro, mentre per metterci al volante della vettura da noi provata (allestimento Sport compreso) servono 39.850 euro. La Cooper S All4 parte da 35.150 euro.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati