Seat, la guida sicura passa dall’integrazione di Internet Of Things e tecnologia C-V2X [FOTO]

Auto connesse tra loro e con l'ambiente circostante

Seat, insieme a Telefonica e al Ministero dei Trasporti spagnolo, è impegnata in un progetto che traccia la strada per la guida sicura basata sullo sfruttamento dell'Internet Of Things e della tecnologia C-V2X (Cellular Vehicle to Everything).

Seat punta ad incrementare la sicurezza stradale mettendo in rete le auto e l’ambiente circostante, in un flusso continuo di comunicazione e interazione che sfrutta Internet Of Things (IoT) e connettività.

Proprio il cosiddetto “internet delle cose” aprirà nuove opportunità per rendere la guida sempre più sicura. Una dimostrazione di ciò lo hanno dato Seat, Telefonica e il Ministero dei Trasporti spagnolo, attraverso un progetto comune.

Segnalazione di due situazioni potenzialmente pericolose

Sfruttando il proprio know-how in fatto di auto connesse, Seat ci fa vedere attraverso questo progetto come l’IoT possa incrementare la sicurezza stradale, prevedendo situazioni potenzialmente pericolose, in due casi specifici: la presenza di un ciclista lungo la strada e quella di un’auto ferma sulla carreggiata a causa di un imprevisto o di un incidente.

Il cloud del traffico

La sperimentazione di Seat prevede l’uso di un drone dotato di telecamera che invia in tempo reale le immagini della strada a un server, a sua volta connesso attraverso la rete mobile alla piattaforma DGT 3.0, una sorta di cloud del traffico che processa in tempo reale i frame e i dati provenienti dall’infrastruttura e dai mezzi circolanti. Il sistema riconosce la presenza di biciclette o altri veicoli e invia un alert alle Seat connesse che si trovano nei paraggi e viaggiano nella stessa direzione dell’ostacolo rilevato.

Le vetture Seat coinvolte nel progetto sono dotata di un’unità di controllo telematica che utilizza la tecnologia C-V2X (Cellular Vehicle to Everything), con un software che mette in comunicazione l’auto stessa e l’ambiente circolante.

Necessario lo sviluppo delle reti 5G

Per rendere possibile questo genere di comunicazione tra auto e infrastrutture è necessario sviluppare le reti 5G, che riducono il tempo di latenza nella trasmissione del segnale. I test in strada effettuati da Seat nel corso del progetto hanno dimostrato la totale efficienza del sistema, in grado di effettuare comunicazione end-to-end in tempo reale.

La piattaforma DGT 3.0 informa gli utenti della strada sulle condizioni del traffico, sulle deviazioni, sui cantieri, sulle ZTL e le eventuali restrizioni, sugli incidenti e in generale su tutto quello che ha a che fare con la circolazione, come la presenza di ciclisti, di potenziali ingorghi o perfino di condizioni atmosferiche difficili. Si tratta di informazioni molto importanti sul fronte della sicurezza, soprattutto sulle strade extraurbane, che vengono gestite in modo completamente anonimo e dunque con le dovute accortezze sul fronte della privacy.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati