WP_Post Object ( [ID] => 662438 [post_author] => 24 [post_date] => 2019-10-01 12:16:44 [post_date_gmt] => 2019-10-01 10:16:44 [post_content] => La Toyota C-HR si rinnova grazie all'arrivo del restyling che introduce una serie di novità importanti, anche in termini di powertrain. Seguendo la ricetta stilistica del modello precedente e confermando il suo design innovativo e audace che rendono la C-HR immediatamente riconoscibile, la nuova versione del crossover giapponese porta al debutto un'altra motorizzazione ibrida, che così diventano due.

Due versioni ibride: 1.8 122 CV e 2.0 184 CV

La gamma ibrida della nuova Toyota C-HR si compone con il confermato 1.8 da 122 CV, che dichiara emissioni di CO2 di 109 g/km nel ciclo WLTP, e con la nuova unità ibrida 2.0 da 184 CV, che aumenta il livello delle prestazioni mentre le emissioni di CO2 salgono a 118 g/km. La Casa giapponese non ha per il momento diffuso informazioni relative alle prestazioni delle due motorizzazioni, così come non c'è cenno sulla disponibilità del motore 1.2 turbo benzina, che potrebbe dunque essere uscito di scena completamente.

Evoluzioni tecniche

Sulla C-HR Hybrid 2.0 da 184 CV Toyota ha lavorato su assetto e regolazioni del servosterzo, elementi entrambi evoluti per offrire maggior piace di guida. Su entrambe le motorizzazioni ibride della C-HR, la Casa giapponese ha rivisto anche il telaio riuscendo ad ottenere un livello più contenuto sia di vibrazioni che di rumorosità durante la marcia.

Design rivisitato per un look più sportivo

Esteticamente gli esterni della nuova Toyota C-HR sono stati aggiornati con l'adozione di nuovi gruppi ottici anteriori e posteriori a LED. Sul muso del crossover si notano le luci diurne integrate nella zona superiore del gruppo ottici. Il posteriore aumenta la sportività grazie al nuovo elemento nero lucido che unisce i due fanali sulla parte superiore del portellone. Ulteriore contributo ad un maggior grinta è assicurato dalla configurazione stilistica dei nuovi paraurti.

Infotainment con Android Auto e Apple CarPlay

La Toyota C-HR 2020 cresce in connettività. Anche se stilisticamente l'abitacolo non presenta grosse novità rispetto al modello precedente, è la dotazione tecnologica ad aver fatto significativi passi avanti. Ora a bordo del crossover nipponico troviamo il nuovo sistema d'infotainment che integra il supporto Android Auto e Apple CarPlay per connettere lo smartphone, attraverso il quale vengono anche aggiornate le mappe del navigatore. [post_title] => Toyota C-HR 2020: arriva il restyling con una seconda motorizzazione ibrida [FOTO] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => toyota-c-hr-2020-restyling-hybrid-prezzo [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-10-01 12:19:49 [post_modified_gmt] => 2019-10-01 10:19:49 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=662438 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Toyota C-HR 2020: arriva il restyling con una seconda motorizzazione ibrida [FOTO]

Cresce la connettività con Apple CarPlay e Android Auto

Toyota presenta il restyling della C-HR che si aggiorna con una serie di novità a partire dalla nuova motorizzazione ibrida 2.0 da 184 CV e dalla tecnologia di connettività dell'infotainment che integra Apple CarPlay e Android Auto.

La Toyota C-HR si rinnova grazie all’arrivo del restyling che introduce una serie di novità importanti, anche in termini di powertrain.

Seguendo la ricetta stilistica del modello precedente e confermando il suo design innovativo e audace che rendono la C-HR immediatamente riconoscibile, la nuova versione del crossover giapponese porta al debutto un’altra motorizzazione ibrida, che così diventano due.

Due versioni ibride: 1.8 122 CV e 2.0 184 CV

La gamma ibrida della nuova Toyota C-HR si compone con il confermato 1.8 da 122 CV, che dichiara emissioni di CO2 di 109 g/km nel ciclo WLTP, e con la nuova unità ibrida 2.0 da 184 CV, che aumenta il livello delle prestazioni mentre le emissioni di CO2 salgono a 118 g/km. La Casa giapponese non ha per il momento diffuso informazioni relative alle prestazioni delle due motorizzazioni, così come non c’è cenno sulla disponibilità del motore 1.2 turbo benzina, che potrebbe dunque essere uscito di scena completamente.

Evoluzioni tecniche

Sulla C-HR Hybrid 2.0 da 184 CV Toyota ha lavorato su assetto e regolazioni del servosterzo, elementi entrambi evoluti per offrire maggior piace di guida. Su entrambe le motorizzazioni ibride della C-HR, la Casa giapponese ha rivisto anche il telaio riuscendo ad ottenere un livello più contenuto sia di vibrazioni che di rumorosità durante la marcia.

Design rivisitato per un look più sportivo

Esteticamente gli esterni della nuova Toyota C-HR sono stati aggiornati con l’adozione di nuovi gruppi ottici anteriori e posteriori a LED. Sul muso del crossover si notano le luci diurne integrate nella zona superiore del gruppo ottici. Il posteriore aumenta la sportività grazie al nuovo elemento nero lucido che unisce i due fanali sulla parte superiore del portellone. Ulteriore contributo ad un maggior grinta è assicurato dalla configurazione stilistica dei nuovi paraurti.

Infotainment con Android Auto e Apple CarPlay

La Toyota C-HR 2020 cresce in connettività. Anche se stilisticamente l’abitacolo non presenta grosse novità rispetto al modello precedente, è la dotazione tecnologica ad aver fatto significativi passi avanti. Ora a bordo del crossover nipponico troviamo il nuovo sistema d’infotainment che integra il supporto Android Auto e Apple CarPlay per connettere lo smartphone, attraverso il quale vengono anche aggiornate le mappe del navigatore.

Toyota C-HR 2020: arriva il restyling con una seconda motorizzazione ibrida [FOTO]
4 (80%) 4 votes
Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati