WP_Post Object ( [ID] => 666352 [post_author] => 70 [post_date] => 2019-10-10 11:37:36 [post_date_gmt] => 2019-10-10 09:37:36 [post_content] => Il Ford Ranger Raptor è la nuova versione del pick-up più venduto in Italia. È il modello con un’anima sportiva, realizzato dalla sezione Ford Performance, ed è la declinazione europea dello storico F-150 Raptor venduto con grande successo negli Stati Uniti. Un mezzo imponente, ma con un design ricercato e distintivo, spinto unicamente dal motore 2.0 diesel da 213 cavalli. Arrivato sul mercato da qualche mese, abbiamo avuto l’occasione di provarlo sulle strade intorno a Como e, soprattutto, su un percorso off-road, tra fango, ostacoli, alberi, salite e discese. Per poter testare sia come va su strada sia per poter verificare la sua vera anima, quella dichiarata dall’Ovale Blu di mezzo “inarrestabile e capace di affrontare qualsiasi tipo di situazione”.

Il design e gli interni del Ford Ranger Raptor

Prima di metterci al volante del pick-up, diamo uno sguardo ad un mezzo capace di farsi immediatamente notare per il suo design. Il frontale è massiccio ed aggressivo, dove spicca la griglia con l’iconica scritta Ford e troviamo anche luci diurne e fendinebbia a LED. L’anima off-road si nota dai parafanghi allargati e dagli archi passaruota più grandi, per ospitare gli speciali pneumatici BF-Goodrich all terrain (285/70 R17), con 62 mm in più di diametro, +20 mm di battistrada ed il 20% in più di capacità off-road, rispetto al classico Ranger. Nonostante l’altezza da terra, aumentata di 58 mm ed arrivata a 283 mm, non è difficile salire a bordo del Ford Ranger Raptor, grazie alle pratiche minigonne che permettono di entrare nell’abitacolo senza particolari sforzi. L’interno è di categoria superiore, rispetto ad un mezzo commerciale come un pick-up: nonostante la presenza di alcune plastiche, le finiture sono ricercate, come le impunture blu Ford Performance o l’esclusivo volante sportivo in pelle. Non manca la tecnologia: per l’intrattenimento a bordo è presente il sistema di infotainment SYNC 3 Touch Navigation (buona la precisione del navigatore, seppur qualche strada non fosse registrata), con FordPass Connect. Mentre per quanto riguarda i sistemi di assistenza alla guida, c’è la frenata automatica di emergenza con riconoscimento dei pedoni, il riconoscimento dei segnali stradali e l’Active Park Assist. Quest’ultimo ancora più importante, vista l’imponenza del mezzo, per effettuare le manovre di parcheggio in tutta sicurezza.

Ford Ranger Raptor: come va

La posizione di guida è comoda, con i sedili avvolgenti e con la possibilità di regolare il volante in altezza, quindi premiamo il pulsante Start ed accendiamo il motore 2.0 diesel da 213 cavalli e 500 Nm di coppia massima. Il primo tratto è su strada ed il Ford Ranger Raptor si muove con discreta agilità tra gli incroci e le rotatorie per le vie nei dintorni di Como. Il peso si fa un po’ sentire quando si affronta qualche tratto di salita, ma utilizzando la modalità Sport, la coppia permette una brillantezza non classica per un pick-up. Lo sterzo è preciso, ma il Raptor sorprende per la sua silenziosità e, soprattutto, per la capacità di assorbire tutte le disconnessioni del terreno, senza praticamente farle sentire. In questo, le nuove sospensioni con tecnologia Position Sensitive Damping, a smorzamento progressivo, fanno un lavoro davvero molto buono, sia su strada che nei percorsi più accidentati off-road. Affrontando ostacoli, forti pendenze o grandi buche in fuoristrada, infatti, il pick-up dell’Ovale Blu è sempre sicuro e si muove con destrezza, con la possibilità di inserire l’elettronica (Hill Descent Control) in caso di ripide discese, lasciando all’auto come distribuire potenza e frenata (fino a 30 km/h) e dovendo così solamente gestire il volante. Il percorso off-road, con strada molto fangosa anche a causa della pioggia che ha accompagnato il nostro test in anteprima, l’abbiamo superato con ridotte inserite e partendo in seconda per controllare una coppia molto elevata. Insomma, il Ford Ranger Raptor è davvero in grado di affrontare qualsiasi tipo di percorso.

Consumi e prezzo del Ford Ranger Raptor

Pochi chilometri per poter dare un giudizio per quanto riguarda i consumi, ma nel tratto su strada di circa 15 km per raggiungere la zona off-road il computer di bordo ci ha segnalato un consumo medio di 10,4 litri ogni 100 chilometri. Un dato discreto, considerando il peso del mezzo. Il Ford Ranger Raptor è già disponibile nelle concessionarie del marchio americano ed il prezzo per il mercato italiano è pari a 50.900 euro (più IVA), cioè quasi 63.000 euro chiavi in mano. Una cifra non bassa, seppur i contenuti di questo pick-up siano superiori alla media della concorrenza. [post_title] => Ford Ranger Raptor: la PROVA SU STRADA del pick-up con anima sportiva [VIDEO] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => ford-ranger-raptor-prova-caratteristiche-motore-prestazioni-prezzo [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-10-10 16:58:02 [post_modified_gmt] => 2019-10-10 14:58:02 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=666352 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Ford Ranger Raptor: la PROVA SU STRADA del pick-up con anima sportiva [VIDEO]

Il pick-up Ford provato su strada ed in off-road

Il Ford Ranger Raptor è la versione europea del famoso F-150 americano e si presenta con un design dedicato e con la voglia di trasmettere grinta e potenza. Lo abbiamo provato: ecco le nostre sensazioni di guida sul pick-up Ford.

Il Ford Ranger Raptor è la nuova versione del pick-up più venduto in Italia. È il modello con un’anima sportiva, realizzato dalla sezione Ford Performance, ed è la declinazione europea dello storico F-150 Raptor venduto con grande successo negli Stati Uniti. Un mezzo imponente, ma con un design ricercato e distintivo, spinto unicamente dal motore 2.0 diesel da 213 cavalli.

Arrivato sul mercato da qualche mese, abbiamo avuto l’occasione di provarlo sulle strade intorno a Como e, soprattutto, su un percorso off-road, tra fango, ostacoli, alberi, salite e discese. Per poter testare sia come va su strada sia per poter verificare la sua vera anima, quella dichiarata dall’Ovale Blu di mezzo “inarrestabile e capace di affrontare qualsiasi tipo di situazione”.

Il design e gli interni del Ford Ranger Raptor

Prima di metterci al volante del pick-up, diamo uno sguardo ad un mezzo capace di farsi immediatamente notare per il suo design. Il frontale è massiccio ed aggressivo, dove spicca la griglia con l’iconica scritta Ford e troviamo anche luci diurne e fendinebbia a LED. L’anima off-road si nota dai parafanghi allargati e dagli archi passaruota più grandi, per ospitare gli speciali pneumatici BF-Goodrich all terrain (285/70 R17), con 62 mm in più di diametro, +20 mm di battistrada ed il 20% in più di capacità off-road, rispetto al classico Ranger.

Nonostante l’altezza da terra, aumentata di 58 mm ed arrivata a 283 mm, non è difficile salire a bordo del Ford Ranger Raptor, grazie alle pratiche minigonne che permettono di entrare nell’abitacolo senza particolari sforzi. L’interno è di categoria superiore, rispetto ad un mezzo commerciale come un pick-up: nonostante la presenza di alcune plastiche, le finiture sono ricercate, come le impunture blu Ford Performance o l’esclusivo volante sportivo in pelle.

Non manca la tecnologia: per l’intrattenimento a bordo è presente il sistema di infotainment SYNC 3 Touch Navigation (buona la precisione del navigatore, seppur qualche strada non fosse registrata), con FordPass Connect. Mentre per quanto riguarda i sistemi di assistenza alla guida, c’è la frenata automatica di emergenza con riconoscimento dei pedoni, il riconoscimento dei segnali stradali e l’Active Park Assist. Quest’ultimo ancora più importante, vista l’imponenza del mezzo, per effettuare le manovre di parcheggio in tutta sicurezza.

Ford Ranger Raptor: come va

La posizione di guida è comoda, con i sedili avvolgenti e con la possibilità di regolare il volante in altezza, quindi premiamo il pulsante Start ed accendiamo il motore 2.0 diesel da 213 cavalli e 500 Nm di coppia massima. Il primo tratto è su strada ed il Ford Ranger Raptor si muove con discreta agilità tra gli incroci e le rotatorie per le vie nei dintorni di Como. Il peso si fa un po’ sentire quando si affronta qualche tratto di salita, ma utilizzando la modalità Sport, la coppia permette una brillantezza non classica per un pick-up.

Lo sterzo è preciso, ma il Raptor sorprende per la sua silenziosità e, soprattutto, per la capacità di assorbire tutte le disconnessioni del terreno, senza praticamente farle sentire. In questo, le nuove sospensioni con tecnologia Position Sensitive Damping, a smorzamento progressivo, fanno un lavoro davvero molto buono, sia su strada che nei percorsi più accidentati off-road.

Affrontando ostacoli, forti pendenze o grandi buche in fuoristrada, infatti, il pick-up dell’Ovale Blu è sempre sicuro e si muove con destrezza, con la possibilità di inserire l’elettronica (Hill Descent Control) in caso di ripide discese, lasciando all’auto come distribuire potenza e frenata (fino a 30 km/h) e dovendo così solamente gestire il volante. Il percorso off-road, con strada molto fangosa anche a causa della pioggia che ha accompagnato il nostro test in anteprima, l’abbiamo superato con ridotte inserite e partendo in seconda per controllare una coppia molto elevata. Insomma, il Ford Ranger Raptor è davvero in grado di affrontare qualsiasi tipo di percorso.

Consumi e prezzo del Ford Ranger Raptor

Pochi chilometri per poter dare un giudizio per quanto riguarda i consumi, ma nel tratto su strada di circa 15 km per raggiungere la zona off-road il computer di bordo ci ha segnalato un consumo medio di 10,4 litri ogni 100 chilometri. Un dato discreto, considerando il peso del mezzo.

Il Ford Ranger Raptor è già disponibile nelle concessionarie del marchio americano ed il prezzo per il mercato italiano è pari a 50.900 euro (più IVA), cioè quasi 63.000 euro chiavi in mano. Una cifra non bassa, seppur i contenuti di questo pick-up siano superiori alla media della concorrenza.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Veicoli commerciali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati