Mercedes-Benz: l’evoluzione del concetto wagon ad Auto e Moto d’Epoca 2019 [FOTO]

Il Modello T e la più recente Shooting Brake

In occasione della manifestazione dedicata ai veicoli storici, ci si sofferma su un versante produttivo della lunga storia della Stella

Il Mercedes-Benz Registro Italia rappresenta il marchio di Stoccarda all’edizione 2019 della rassegna Auto e Moto d’Epoca, in programma dal 24 al 27 ottobre. Per l’occasione si ripercorre una parte interessante della storia del costruttore, parlando dell’evoluzione della station wagon secondo la casa tedesca, considerando il Modello T e la contemporanea CLA Shooting Brake.

La presenza a Padova

Nell’area espositiva del Mercedes-Benz Registro Italia, assieme al percorso storico dedicato alle wagon, è segnalata la presenza di pregiati esemplari di 300S Cabriolet firmata da Pininfarina e 300 SL “Cubana”, una vettura recuperata nei sobborghi dell’Avana e interamente restaurata dopo un’operazione di recupero per portarla in Italia, come segnalato.
Tornando alle wagon, si risale al 1977 e alla sigla costruttiva S123 per ricordare l’introduzione del Modello T, cioè la prima station wagon d’impostazione moderna siglata da Mercedes-Benz. Esemplare considerato come “punto di rottura con il passato” riplasmando il concetto di grande auto funzionale e dotata di portellone. Qualcosa di diverso con una propria personalità. Un’idea che ha riscontrato sempre più consensi sino ai giorni nostri. La nuova CLA Shooting Brake rappresenta un ulteriore step in questo percorso, legando le peculiarità di coupé e station wagon della Stella per dare forma a un prodotto distintivo. Una storia interessante raccontata durante l’importante rassegna dedicata ai veicoli storici da Mercedes-Benz Italia assieme al Mercedes-Benz Registro Italia.

Foto: Mercedes-Benz

Scopri le Offerte



    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati