WP_Post Object ( [ID] => 669784 [post_author] => 58 [post_date] => 2019-10-23 16:41:49 [post_date_gmt] => 2019-10-23 14:41:49 [post_content] => Operando in un territorio ostico come l'Italia, spesso le forze dell'ordine si trovano a dover fronteggiare degli ostacoli non indifferenti. Basti pensare alle recenti alluvioni che hanno messo in ginocchio quasi l'intera nazione. In queste situazioni è richiesto alle autorità di recarsi in posti difficili da raggiungere e pericolosi, questa è la ragione per cui un mezzo di trasporto adatto a qualsiasi tipo di inconveniente, è sempre la miglior scelta. Per questa ragione, l'Arma dei Carabinieri ha deciso di affidarsi a Suzuki e al suo mitico Jimny, una vettura capace di fare dell'Off-road vero, quello con la O maiuscola, il suo terreno di battaglia preferito, con specifiche tecniche che potrebbero far impallidire alcuni dei più lussuosi e tecnologici SUV di oggi. Suzuki Jimny, una certezza quando si abbandona l'asfalto Per questo motivo, l'Arma dei Carabinieri ha deciso di dotarsi di ben 10 Jimny e 55 Ignis per poter fronteggiare qualsiasi tipo di emergenza sul territorio. Con una lunghezza super ridotta di 3 metri e 48, per una larghezza di soli 1 metro e 65 cm e un peso piuma di 1150 kg, la Jimny può sgusciare sia negli ingorghi urbani ma destreggiarsi alla perfezione anche nei boschi o nei terreni impervi. E' infatti dotata di marce ridotte, trazione integrale All Grip PRO, angoli attacco, dosso e d'uscita rispettivamente di 37°, 28° e 49°, contando anche un'altezza minima di 21 cm. E' dotata di un telaio sopraffino, con l'ossatura a longheroni e traverse, sospensioni ad assale rigido su entrambi gli assi, con rinforzi e traverse per migliorare la rigidità strutturale del piccolo "Suzukino". Per tutte le info dettagliate della Suzuki Jimny rimandiamo alla nostra prova su strada. [post_title] => Suzuki Jimny, è lei la nuova alleata dell'Arma dei Carabinieri [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => suzuki-jimny-e-lei-la-nuova-alleata-dellarma-dei-carabinieri [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-10-23 16:41:49 [post_modified_gmt] => 2019-10-23 14:41:49 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=669784 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Suzuki Jimny, è lei la nuova alleata dell’Arma dei Carabinieri

Ben 10 Jimny e 55 Ignis consegnati per far fronte alle emergenze

Suzuki Jimny e Ignis entrano nella squadra dell'Arma dei Carabinieri, per poter superare qualsiasi ostacolo in totale comodità e con un'agilità da record.
Suzuki Jimny, è lei la nuova alleata dell’Arma dei Carabinieri

Operando in un territorio ostico come l’Italia, spesso le forze dell’ordine si trovano a dover fronteggiare degli ostacoli non indifferenti. Basti pensare alle recenti alluvioni che hanno messo in ginocchio quasi l’intera nazione. In queste situazioni è richiesto alle autorità di recarsi in posti difficili da raggiungere e pericolosi, questa è la ragione per cui un mezzo di trasporto adatto a qualsiasi tipo di inconveniente, è sempre la miglior scelta. Per questa ragione, l’Arma dei Carabinieri ha deciso di affidarsi a Suzuki e al suo mitico Jimny, una vettura capace di fare dell’Off-road vero, quello con la O maiuscola, il suo terreno di battaglia preferito, con specifiche tecniche che potrebbero far impallidire alcuni dei più lussuosi e tecnologici SUV di oggi.

Suzuki Jimny, una certezza quando si abbandona l’asfalto

Per questo motivo, l’Arma dei Carabinieri ha deciso di dotarsi di ben 10 Jimny e 55 Ignis per poter fronteggiare qualsiasi tipo di emergenza sul territorio. Con una lunghezza super ridotta di 3 metri e 48, per una larghezza di soli 1 metro e 65 cm e un peso piuma di 1150 kg, la Jimny può sgusciare sia negli ingorghi urbani ma destreggiarsi alla perfezione anche nei boschi o nei terreni impervi. E’ infatti dotata di marce ridotte, trazione integrale All Grip PRO, angoli attacco, dosso e d’uscita rispettivamente di 37°, 28° e 49°, contando anche un’altezza minima di 21 cm. E’ dotata di un telaio sopraffino, con l’ossatura a longheroni e traverse, sospensioni ad assale rigido su entrambi gli assi, con rinforzi e traverse per migliorare la rigidità strutturale del piccolo “Suzukino”. Per tutte le info dettagliate della Suzuki Jimny rimandiamo alla nostra prova su strada.

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati