WP_Post Object ( [ID] => 670805 [post_author] => 40 [post_date] => 2019-10-25 15:51:22 [post_date_gmt] => 2019-10-25 13:51:22 [post_content] => La storica Opel Ascona-B guidata da Miki Biasion nel 1980, nella fase iniziale di una vincente carriera rallistica internazionale, figura tra le auto in evidenza all'asta Finarte prevista a Padova, come segnalato nell'occasione.

Vettura e palmares

Il modello Ascona-B rappresenta un'evoluzione soprattutto stilistica della versione che l'ha preceduta, considerando un frontale rimodellato e una carrozzeria più estesa di 20 cm, favorendo lo spazio a bordo. Fu dotata anche di un nuovo propulsore da 1.196 cc in grado di offrire 60 cavalli (44 kW) e poi nel 1978 uno da 1.998 cc capace di sviluppare 100 cavalli (73 kW), affiancato ancora da un motore Diesel 2.100 cc da 58 cavalli (43 kW). Ne furono realizzate e vendute 1.512.971 unità sino al 1981, come ricordato. Introdotta al Salone di Francoforte nel settembre del 1975 come berlina di classe media per famiglie, dimostrò spiccare qualità sportive in particolare su sterrato. La variante SR 2000, spinta da un 4 cilindri a iniezione meccanica Kugekfischer da 205 cavalli (150 kW) legato a una trasmissione ZF a 5 rapporti, rappresentò il punto tramite tra Kadett GT/E e Ascona 400. Attiva nel Gruppo 1 (Turismo di Serie) e nel Gruppo 2 (Turismo Preparato) permise di conquistare diversi successi, come un trionfo nel Campionato Europeo Piloti 1979 firmato da Jochi Kleint sulla vettura dell’Euro Haendler Team, in evidenza alla Boucle de Spa, in Belgio e all’Halkidiki Rally in Grecia, nonostante la presenza di vetture di Gruppo 4 come ricordato. Poi nel 1980 in Gruppo 2, nel Campionato Italiano Rally Internazionali (CIR), il successo da "privato" di Miki Biasion seguito da Alberto Carrotta; quindi il femminile con "Micky", considerando le informazioni trasmesse. Le versioni di Ascona 2000 allestite da Conrero e da Carenini con Pier Luigi Zanetti e Alberto Bigo sono state protagoniste anche in altre occasioni in Gruppo 1. Ritornando al modello presente a Padova, telaio n°9192762347 e motore n°0019673, si stima possa avere un valore che si aggira tra i 135.000 e i 150.000 euro, riprendendo ancora le indicazioni. Foto: Opel [post_title] => Opel Ascona-B: l'esemplare guidato da Miki Biasion all'asta [FOTO] [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => opel-ascona-b-vettura-miki-biasion-asta-finarte-padova-2019 [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-10-25 15:51:22 [post_modified_gmt] => 2019-10-25 13:51:22 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=670805 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Opel Ascona-B: l’esemplare guidato da Miki Biasion all’asta [FOTO]

Nel corso dell'appuntamento a Padova

Presente tra le vetture dell'asta Finarte la vettura condotta dal noto campione di rally nel 1980

La storica Opel Ascona-B guidata da Miki Biasion nel 1980, nella fase iniziale di una vincente carriera rallistica internazionale, figura tra le auto in evidenza all’asta Finarte prevista a Padova, come segnalato nell’occasione.

Vettura e palmares

Il modello Ascona-B rappresenta un’evoluzione soprattutto stilistica della versione che l’ha preceduta, considerando un frontale rimodellato e una carrozzeria più estesa di 20 cm, favorendo lo spazio a bordo. Fu dotata anche di un nuovo propulsore da 1.196 cc in grado di offrire 60 cavalli (44 kW) e poi nel 1978 uno da 1.998 cc capace di sviluppare 100 cavalli (73 kW), affiancato ancora da un motore Diesel 2.100 cc da 58 cavalli (43 kW). Ne furono realizzate e vendute 1.512.971 unità sino al 1981, come ricordato.
Introdotta al Salone di Francoforte nel settembre del 1975 come berlina di classe media per famiglie, dimostrò spiccare qualità sportive in particolare su sterrato. La variante SR 2000, spinta da un 4 cilindri a iniezione meccanica Kugekfischer da 205 cavalli (150 kW) legato a una trasmissione ZF a 5 rapporti, rappresentò il punto tramite tra Kadett GT/E e Ascona 400.
Attiva nel Gruppo 1 (Turismo di Serie) e nel Gruppo 2 (Turismo Preparato) permise di conquistare diversi successi, come un trionfo nel Campionato Europeo Piloti 1979 firmato da Jochi Kleint sulla vettura dell’Euro Haendler Team, in evidenza alla Boucle de Spa, in Belgio e all’Halkidiki Rally in Grecia, nonostante la presenza di vetture di Gruppo 4 come ricordato. Poi nel 1980 in Gruppo 2, nel Campionato Italiano Rally Internazionali (CIR), il successo da “privato” di Miki Biasion seguito da Alberto Carrotta; quindi il femminile con “Micky”, considerando le informazioni trasmesse. Le versioni di Ascona 2000 allestite da Conrero e da Carenini con Pier Luigi Zanetti e Alberto Bigo sono state protagoniste anche in altre occasioni in Gruppo 1.
Ritornando al modello presente a Padova, telaio n°9192762347 e motore n°0019673, si stima possa avere un valore che si aggira tra i 135.000 e i 150.000 euro, riprendendo ancora le indicazioni.

Foto: Opel

Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati