WP_Post Object ( [ID] => 672666 [post_author] => 8 [post_date] => 2019-11-06 15:36:40 [post_date_gmt] => 2019-11-06 14:36:40 [post_content] => Mazda e Toyota sono state presenti, portando come testimonial la nuova Mazda3 SkyActiv-X e la Toyota Mirai, alla conferenza “Mobilità: tecnologia ed emissioni” organizzata questa mattina dal Dipartimento di Energia del Politecnico di Milano. Un’occasione per discutere della mobilità alternativa in tutte le sue sfaccettature, sia positive che negative. All’evento erano presenti diversi elementi di spicco del mondo scientifico e automotive, tra cui Roberto Pietrantonio, A.D. di Mazda Italia, l’ingegner Mitsuo Hitomi, la mente dietro l’innovativo motore SkyActiv-X, e Andrea Saccone, General Manager della comunicazione e delle relazioni esterne di Toyota Italia.

Al Politecnico si parla di diesel, elettrico e non solo

Durante la conferenza si è discusso anche della poca informazione e dell’enorme confusione che regna in Europa riguardo il contenimento delle emissioni nocive delle auto. Per esempio, si tende a considerare la CO2 e gli altri inquinanti sullo stesso piano, quando invece si tratta di sostanze diverse, che nascono con procedimenti differenti e, soprattutto, hanno effetti diversi a livello di inquinamento, con le sostanze come NOx e simili che si ritrovano ad essere molto più nocive rispetto alla semplice anidride carbonica. Si devono limitare entrambe, ma le soluzioni sono diverse tra loro e spesso il mondo politico non è sembrato molto ricettivo in questo senso, preferendo cavalcare l’onda del momento per ragioni che nulla hanno a che fare con il benessere della popolazione. Anche rivolgersi semplicemente all’elettrico non rappresenta una soluzione definitiva, in quanto la produzione dell’energia ha dei “costi” ambientali a sua volta e prima che l’intero mondo possa effettivamente passare completamente alle fonti rinnovabili passeranno presumibilmente decenni (le isole felici come la Norvegia sono più un’eccezione che una regola).

Mazda, Pietrantonio: auspichiamo che tutti adottino una strategia olistica

“Il tema del riscaldamento globale e della qualità dell’aria che respiriamo è molto complesso – ha commentato Roberto Pietrantonio - È pertanto davvero un piacere per Mazda partecipare a questa conferenza, perché riteniamo sia assolutamente necessario un confronto approfondito che permetta di far convergere tutti gli attori coinvolti, dal governo e le regioni all’industria automobilistica, per affrontarlo. La posizione di Mazda verso l’ambiente si basa su un approccio strutturato e razionale coerente e il nostro auspicio è che tutti adottino una strategia olistica, in particolare in questa fase di transizione, per favorire una vera mobilità sostenibile e il rispetto del pianeta”. “Mazda ritiene che l’intera industria di produzione di energia elettrica e di batterie e l’industria automobilistica dovrebbero contribuire a ridurre le emissioni di CO2 in ogni campo e si augura che tutto il mondo adotti un approccio di ottimizzazione globale delle risorse e delle tecnologie disponibili, con l’unico, vero obiettivo di proteggere l’ambiente e il mondo in cui viviamo”, sono state invece le dichiarazioni dell’ingegner Hitomi. [post_title] => Mazda e Toyota al Politecnico di Milano, focus sulla mobilità alternativa [post_excerpt] => [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => closed [post_password] => [post_name] => mazda-toyota-politecnico-milano-mobilita-alternativa-elettrica-ibrida [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2019-11-06 15:37:07 [post_modified_gmt] => 2019-11-06 14:37:07 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => https://www.motorionline.com/?p=672666 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 )

Mazda e Toyota al Politecnico di Milano, focus sulla mobilità alternativa

Pietrantonio e Saccone: occasione per fare chiarezza

Al Politecnico di Milano si è svolta questa mattina la conferenza “Mobilità: tecnologia ed emissioni”, che ha visto intervenire diversi importanti esponenti del mondo automotive, tra cui Roberto Pietrantonio, A.D. di Mazda Italia, Mitsuo Hitomi, ingegnere della casa di Hiroshima e mente dietro il nuovo motore SkyActiv-X, e Andrea Saccone, GM Communcations di Toyota Italia parlato del futuro, ma anche dell’approccio presente, andando oltre la demonizzazione ingiustificata delle meccaniche a gasolio

Mazda e Toyota sono state presenti, portando come testimonial la nuova Mazda3 SkyActiv-X e la Toyota Mirai, alla conferenza “Mobilità: tecnologia ed emissioni” organizzata questa mattina dal Dipartimento di Energia del Politecnico di Milano. Un’occasione per discutere della mobilità alternativa in tutte le sue sfaccettature, sia positive che negative. All’evento erano presenti diversi elementi di spicco del mondo scientifico e automotive, tra cui Roberto Pietrantonio, A.D. di Mazda Italia, l’ingegner Mitsuo Hitomi, la mente dietro l’innovativo motore SkyActiv-X, e Andrea Saccone, General Manager della comunicazione e delle relazioni esterne di Toyota Italia.

Al Politecnico si parla di diesel, elettrico e non solo

Durante la conferenza si è discusso anche della poca informazione e dell’enorme confusione che regna in Europa riguardo il contenimento delle emissioni nocive delle auto. Per esempio, si tende a considerare la CO2 e gli altri inquinanti sullo stesso piano, quando invece si tratta di sostanze diverse, che nascono con procedimenti differenti e, soprattutto, hanno effetti diversi a livello di inquinamento, con le sostanze come NOx e simili che si ritrovano ad essere molto più nocive rispetto alla semplice anidride carbonica. Si devono limitare entrambe, ma le soluzioni sono diverse tra loro e spesso il mondo politico non è sembrato molto ricettivo in questo senso, preferendo cavalcare l’onda del momento per ragioni che nulla hanno a che fare con il benessere della popolazione. Anche rivolgersi semplicemente all’elettrico non rappresenta una soluzione definitiva, in quanto la produzione dell’energia ha dei “costi” ambientali a sua volta e prima che l’intero mondo possa effettivamente passare completamente alle fonti rinnovabili passeranno presumibilmente decenni (le isole felici come la Norvegia sono più un’eccezione che una regola).

Mazda, Pietrantonio: auspichiamo che tutti adottino una strategia olistica

“Il tema del riscaldamento globale e della qualità dell’aria che respiriamo è molto complesso – ha commentato Roberto Pietrantonio – È pertanto davvero un piacere per Mazda partecipare a questa conferenza, perché riteniamo sia assolutamente necessario un confronto approfondito che permetta di far convergere tutti gli attori coinvolti, dal governo e le regioni all’industria automobilistica, per affrontarlo. La posizione di Mazda verso l’ambiente si basa su un approccio strutturato e razionale coerente e il nostro auspicio è che tutti adottino una strategia olistica, in particolare in questa fase di transizione, per favorire una vera mobilità sostenibile e il rispetto del pianeta”.
Mazda ritiene che l’intera industria di produzione di energia elettrica e di batterie e l’industria automobilistica dovrebbero contribuire a ridurre le emissioni di CO2 in ogni campo e si augura che tutto il mondo adotti un approccio di ottimizzazione globale delle risorse e delle tecnologie disponibili, con l’unico, vero obiettivo di proteggere l’ambiente e il mondo in cui viviamo”, sono state invece le dichiarazioni dell’ingegner Hitomi.

Mazda e Toyota al Politecnico di Milano, focus sulla mobilità alternativa
4 (80%) 1 vote
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati